Torino, rispetto all’anno scorso hai un punto in meno. Ma il calendario…

Torino, rispetto all’anno scorso hai un punto in meno. Ma il calendario…

L’analisi / La squadra di Mazzarri sta facendo peggio di quella di Mihajlovic, sia come punti che come differenza reti. Ma la caratura degli avversari affronti nelle prime otto giornate è diversa

di Marco De Rito, @marcoderito

Il Torino di Walter Mazzarri, ha fatto peggio – anche se di un solo punto – rispetto alla squadra di Sinisa Miahjlovic della scorsa stagione. I numeri dicono questo ma vanno anche contestualizzati. In queste prime otto giornate i granata hanno già affrontato Roma, Inter e Napoli – che disputano la Champions League – nonché una diretta concorrente per l’Europa League, ovvero l’Atalanta. Con le squadre che disputano la Champions i granata hanno ottenuto solo un punto (il pareggio contro l’Inter), anche contro la Dea il match è terminato in parità. Il Torino milita attualmente all’undicesima posizione alla pari con Milan e Genoa ma ad un punto dall’ultima posizione che potrebbe essere valida per l’Europa League, il 7° posto occupato attualmente dal Sassuolo.

Torino, da De Silvestri a Lyanco: ecco chi può recuperare durante la sosta

CAMPIONATO 2017/18 – L’anno scorso i granata erano a quota tredici punti all’ottavo posto, a un punto di distanza dalla Sampdoria (che aveva disputato una partita in meno). I ragazzi di Miha avevano già affrontato le tre società retrocesse nello scorso campionato, ovvero, Benevento, Hellas Verona e Crotone – con le quali hanno conquistato 5 punti. Nelle prime due partite Belotti e compagni avevano ottenuto quattro punti con Bologna e Sassuolo – che hanno terminato i campionato, rispettivamente  al 15° e all’11° posto. Il Toro avevava ottenuto una vittoria contro l’Udinese in trasferta 2-3. Era arrivato anche una “x” contro la Sampdoria e una sola sconfitta – subita al Derby della Mole.

DIFFERENZA RETI – Il Torino di Mazzarri segna meno rispetto all’anno scorso ma subisce anche meno. I granata hanno segnato 9 gol, sino ad adesso, e altrettanti sono quelli presi. L’anno scorso le reti siglate erano 14, contro le 13 subite: la differenza gol quindi era a +1, mentre in questa stagione è a 0. Quest’ultima statistica evidenza anche la differenza di gioco tra i due allenatori, Miha applicava un calcio più spregiudicato che portava a segnare più reti ma in fase d’interdizione si era più scoperti. Con Mazzarri c’è una costante ricerca degli equilibri, in fase di copertura si è più solidi ma in attacco si segna meno nonostante l’arrivo di Simone Zaza che avrebbe dovuto portare ad un incremento delle segnature.

 

 

 

 

24 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. marcocalzolari - 1 mese fa

    Comunque, io sono fiducioso, perché quella con il Chievo e con il Frosinone sono due partite che l’anno scorso con Mihajlovic non avremmo vinto, sarebbero stati due pareggi.
    Finora abbiamo meritato di perdere solo con il Napoli, che è candidata al 2º posto.
    Quindi credo che l’avvio sia più che positivo, perché con un VAR equo, avremmo almeno 3 punti in più

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. marcocalzolari - 1 mese fa

    A parte che Zaza ha giocato con il Napoli, da subentrato la partita di Chievo e col Frosinone, dire che l’arrivo di Zaza doveva portare un aumento dei gol è un ragionamento che può fare mio nipote di 5 anni, ma non qualcuno che scrive su un sito, dai!
    È come dire che se metto 5 attaccanti segno sicuramente, e se metto 6 difensori non prendo gol, ma che finale di articolo è?!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. piroldo64 - 1 mese fa

    Lo scorso anno a Udine abbiamo vinto, seppure con terribile fatica, non pareggiato come si sostiene nell’articolo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. PrivilegioGranata - 1 mese fa

      Dipende se ci si riferisce al match di aprile 2-2 o a quello di settembre 2-3.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Simone - 1 mese fa

    Zaza su 8 partite 2 non ha giocato proprio, 4 è entrato dalla panchina e 2 volte è stato schierato titolare x un totale di 304′ disputati

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. user-13995053 - 1 mese fa

    Probabilmente Mazzarri ha delle idee di gioco troppo vecchie. È fermo a un calcio di tanti anni fa. Mihailovic non era nemmeno un allenatore

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. vittoriogoli_447 - 1 mese fa

    Leggo “diretta concorrente per E L”.
    Dopo otto giornate oramai una idea di cosa dovremmo essere c’é; quindi eliminando le prime due della classifica troppo forti per noi troviamo nell’ordine Lazio,Inter,Roma e direi Milan.
    Dopo queste che ci staccheranno in classifica troviamo Sampdoria e Fiorentina che fino ad ora esprimono gioco cosa che noi non facciamo (dopo 8 giornate).
    Quindi il nostro obiettivo sarà conquistare il nono posto che é realisticamente alla nostra portata, se saremo sfortunati decimo,undicesimo etc …
    Senza un centrocampo e con un gioco affidato alle speranze che un esterno arrivi a crossare per una delle punte di buon livello che abbiamo tanta strada non si fa.
    Continuo a non capire perché non abbiamo preso Castro finito al Cagliari

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. GlennGould - 1 mese fa

      Prima parlavo di remare contro. Eccone un altro..dai, tu punta l’undicesima posizione, vai così..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. GlennGould - 1 mese fa

      Fosse solo quello che non capisci..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. vittoriogoli_548 - 1 mese fa

        Aspetto te Glen che probabilmente capisci tutto.
        E comunque ti comunico che analizzare non vuole dire remare contro.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Simone - 1 mese fa

      I fatti parlano chiaro: abbiamo un solo esterno che salta (anche se non sempre) l’uomo e cioè Berenguer.
      Dall’altra parte ne Aina ne Lollo hanno questa capacità.
      Se nn salti l’uomo non crei né superiorità né arrivi tranquillamente a crossare x due che di testa non dovrebbero essere poi così male.
      Aina in particolare venerdì mi ha deluso molto xke nonostante il modesto avversario non hai mai provato l’uno contro uno.
      Con questo centrocampo sarà difficile fare l’exploit

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. user-14003131 - 1 mese fa

    L’importante è a fine campionato averne di più…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Bischero - 1 mese fa

    Ciao Vanni. L anno scorso con l altro allenatore giocavamo male tanto quanto facciamo ora e per di più sbragavamo di brutto. Pareggiato con Chievo, Verona e Genoa in casa e pareggiato a Crotone. Ti sei già dimenticato tutto? . Per lo meno se pur con un gioco farraginoso dove dobbiamo far punti li facciamo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. GlennGould - 1 mese fa

    Qua è questione di realtà. L’anno scorso, in confronto a questo, l’inizio è stato molto più semplice, anzi non ce paragone. Chi dice il contrario è chiaramente in malafede e propenso a remare contro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. SiculoGranataSempre - 1 mese fa

    E poi c’è il Parma. Dovremo tutti imparare. Dall’approccio innanzitutto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Granat....iere di Sardegna - 1 mese fa

    Probabilmente il calendario iniziale dell anno passato era più facile però è anche vero che abbiamo affrontato inter e Roma in periodi no per loro è abbiamo fatto un solo punto…diciamo che in generale questi paragoni lasciano il tempo che trovano perché anche una squadra che lotta per la champions può avere momenti critici e in quei momenti magari vinci. Stesso discorso per squadre che lottano per non retrocedere. Quanto alla differenza reti il discorso è più chiaro. Sinisa faceva un gioco per fare un gol in più degli avversari e infatti la sua media è + 1. Mazzarri prima di tutto cerca di non subirne e poi cerca di farne qualcuno e dunque la media è zero. Diciamo che Mazzarri è più interessato a rompere il gioco dell avversario che non a fare il suo. Almeno per ora…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. alexku65 - 1 mese fa

      Un gioco che è diventa una gioia per chi paga il biglietto (magari dopo aver pagato anche Sky come il sottiscritto) e che riempe anche d’orgoglio

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Vanni - 1 mese fa

      Almeno ci si divertiva pure. Tanto con presiniente più che partecipare non si farà mai.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Vanni - 1 mese fa

    Oops la potente Bergamasca ha perso in casa, la corazzata Chievo ne ha presi altri 3 senza far soffrire. Io mi chiedo quanti punti faremo con Samp, Milan, Lazio e c.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marchese del Grillo - 1 mese fa

      Ne faremo probabilmente quanti ne abbiamo fatti con Roma, Napoli, Inter e Atalanta che quest’anno tutto mi pare tranne che una squadra attrezzata per l’EL. La nostra dimensione è ancora una volta da metà classifica, almeno per quanto espresdo fino ad ora e guarando le cose con lucidità.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. prawn - 1 mese fa

    Ma prima che cominciasse il campionato non si diceva che all’inizio sono tutte uguali/difficili/facili?

    Notato pure io ieri nove reti a nove, la noia.

    Che punti aveva fatto al primo anno Miha? No non mi manca Mihalovic ma e’ stata l’ultima volta che il Torino ha vinto convinto e divertito, sono due anni… Di nulla

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. alexku65 - 1 mese fa

      14 dopo 8 giornate e dopo aver incontrato Roma Fiorentina Mila e Atalanta.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. GlennGould - 1 mese fa

      Ha convinto. Cioè, campionato finito a dicembre per te è convincere? Vaaaaa bene.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. alexku65 - 1 mese fa

    Siamo fortissimi con Mazzarri. Senza se e senza ma.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy