Torino, servono scambi veloci per vie centrali contro la Fiorentina

Torino, servono scambi veloci per vie centrali contro la Fiorentina

Temi tattici / La squadra granata ha bisogno di velocizzare molto le azioni e dovrà fare attenzione alle impennate improvvise della Viola

di Gualtiero Lasala, @LasalaGualtiero

Il Torino di Walter Mazzarri si prepara per sfidare, nella prossima giornata di campionato, la Fiorentina di Stefano Pioli che, con il pareggio rimediato contro il Cagliari, ricopre ora la sesta posizione, appena un punto sopra la squadra granata. La Viola, come abbiamo analizzato in questi giorni, ha diversi punti di forza e deboli nei vari reparti, ma per riuscire a penetrare nella difesa avversaria sarà necessario sfruttare le conoscenze acquisite e provare a capitalizzare.

La Fiorentina in trasferta ha numeri da retrocessione: Toro, puoi approfittarne

VELOCITÀ – Il primo fattore sul quale il Torino dovrà lavorare sabato sera sarà quello della velocità di scambio. Facendo girare il pallone con un massimo di due tocchi per giocatore, la Fiorentina rischia spesso di andare in crisi: ad esempio, questa tecnica l’ha sfruttata molto il Cagliari nell’ultima giornata, rischiando anche di portare a casa un risultato migliore di un pareggio. E, oltre alla velocità, sarà importante passare per vie centrali, zona del campo nella quale la Viola ha dimostrato di avere alcune lacune. Ma, come la partita di Cagliari ha insegnato, anche i cross hanno mandato in tilt la difesa della Fiorentina, aspetto sul quale bisognerà lavorare in vista del match di sabato.

Djidji, luci ed ombre a Bologna. Ma Mazzarri può contare su di lui

ATTENZIONE – Ovviamente, oltre all’aspetto legato ai cali di tensione che il Torino dovrà limitare se non estirpare dal proprio atteggiamento in partita, ci sono trame tattiche alle quali i granata dovranno fare particolare attenzione. Molto spesso, infatti, il pallino del gioco viene dato a Federico Chiesa, che sfrutta la sua capacità di infiammarsi in pochi secondi creando scompiglio nella retroguardia: bisognerà cercare di limitare queste iniziative dell’attaccante Viola, molto probabilmente con un veloce raddoppio di marcatura che costringerà Chiesa a scaricare il pallone ad un compagno invece che lanciarsi verso la porta. In più, altro aspetto da tenere in considerazione saranno i calci piazzati, sui i quali il Torino non è stato perfetto a Bologna e invece la Fiorentina sfrutta bene.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy