Torino, a Milano per non sfigurare

Torino, a Milano per non sfigurare

Verso Inter-Torino/ Sfida difficile per iniziare il ritorno, la squadra deve onorare la maglia

Commenta per primo!

Inizia tra poche ore il girone di ritorno dei granata, impegnati da una complicata trasferta contro una squadra in forma che ha beneficiato molto degli innesti di gennaio…già quei famosi innesti che per i granata paiono un lontano miraggio.

DIFESA: IL VALORE AGGIUNTO GRANATA – Sulla carta la sfida è chiaramente squilibrata: il probabile undici nerazzurro sovrasta in quasi tutti i reparti quello granata. L’ unica zona del campo in cui il Toro può a buon diritto dire la sua è il reparto difensivo. Il trio Moretti-Glik-Maksimovic si è dimostrato per tutto il campionato un solido baluardo, e i 22 punti conquistati dai granata fin qui sono merito soprattutto loro. Glik oltre alle capacità difensive si è stato un formidabile bomber aereo, e i suoi due colleghi hanno dimostrato una buona continuità di rendimento, fondamentale per una squadra come quella di Ventura, che non può contare su individualità fuori dal comune.

SFIDA IMPARI – Dal centrocampo in poi però il confronto non è più possibile. Troppo superiore il tasso tecnico dei milanesi, anche più di quello che dicono i quattro punti di differenza in classifica. La speranza è che però Ventura non rinunci del tutto alla qualità, dando spazio a centrocampo a Farnerud, tra i migliori a Cesena e tra i pochi in grado di ispirare azioni pericolose che le punte possano sfruttare. Il Torino dovrebbe però tentare di sopperire al maggiore tasso tecnico degli avversari facendo valere anche altre doti, prima fra tutti la grinta, la voglia di lottare su ogni pallone: Gazzi è imprescindibile per l’apporto che riesce a dare nel recupero della sfera, mentre si potrebbe fare a meno di un Vives troppo fuori dal gioco in molte fasi della partita; Benassi contro il Cesena ha trovato la rete e giocare con continuità potrebbe fargli bene.

ORGOGLIO GRANATA – Stanti queste premesse il tifoso granata si aspetta questo pomeriggio una partita di orgoglio, giocata senza tirare indietro la gamba e senza lasciarsi schiacciare dai padroni di casa. Ventura e i suoi giocatori dovranno essere bravi a sfruttare la solidità difensiva ed essere cinici sotto porta (capito Quagliarella e Maxi Lopez?) nelle occasioni in cui sarà l’Inter a concedere qualche spazio in più. Portare a Torino dei punti sarebbe già un grande risultato che darebbe continuità agli ultimi risultati; l’importante è non sfigurare in uno scenario come San Siro e onorare i colori del Toro.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy