Toro: che bella sorpesa Vives!

Toro: che bella sorpesa Vives!

In questo bell’avvio di campionato del Toro c’è un giocatore che ha avuto un ottimo rendimento, fatto di belle prestazioni e di costanza, ma se ne parla poco. Quel giocatore è Giuseppe Vives.

Commenta per primo!

In questo bell’avvio di campionato del Toro c’è un giocatore che ha avuto un ottimo rendimento, fatto di belle prestazioni e di costanza, ma se ne parla poco. Quel giocatore è Giuseppe Vives.

RENDIMENTO COSTANTE – Si esaltano Cerci e Glik, si loda El Kaddouri e ci si complimenta con Padelli. In pochi però hanno fatto caso ai miglioramenti che sta avendo quest’anno Giuseppe Vives. Il centrocampista napoletano sta diventando uno degli intoccabili di Ventura, che gli ha fatto giocare finora sei partite su sette. Insicuro e disattento la scorsa stagione Vives quest’anno sta dimostrandosi una pedina fondamentale di questo Toro. Sin dallo splendido debutto contro il Sassuolo è stato tra i migliori della squadra, facendosi apprezzare oltre che per una grinta notevole, che gli è valsa fra l’altro già tre ammonizioni, per un notevole miglioramento dal punto di vista tecnico. Certamente non è stato esente da errori (è anche sua la responsabilità del rigore trovato dalla Sampdoria all’ultimo minuto della sfida di domenica scorsa) ma è evidente un grande miglioramento rispetto alla passata stagione.

I VOTI NON MENTONO – Che per Vives si tratti di una stagione diversa si può notare anche dalle votazioni ricevute dal giocatore sui principali quotidiani sportivi nazionali. Vives fino ad oggi è il migliore dei granata nel suo ruolo, in maniera netta. Nelle nostre pagelle ha ottenuto due soli 5,5 a fronte di un 6, due 6,5 ed un 7,5. La sua media voto combinata tra Gazzetta, Corriere e Tuttosport e di 6,06; si tratta dell’unico giocatore del centrocampo granata a superare la sufficienza. Il secondo se consideriamo anche D’Ambrosio, solitamente annoverato tra i difensori, che ha una media altissima di 6,5. Lo scorso anno Giuseppe disputò solo sedici partite e il voto medio che riceveva dai tre principali giornali sportivi era 5,79. E’ davvero cambiato un mondo.

INSOSTITUIBILE – Che il ragazzo stia diventando sempre più un ‘’cuore granata’’ lo dimostra anche la sua ultima intervista post-partita, contro la Sampdoria: di fronte ai microfoni Vives non ha avuto paura di dire che secondo lui contro il Toro si fischiano falli che a parti invertite non verrebbero mai assegnati. La personalità insomma non gli manca, anche e soprattutto nei momenti difficili. Forse è anche per questo che Ventura sta pensando di schierarlo addirittura come centrale difensivo nella sfida di settimana prossima contro l’Inter. Un ruolo certamente non suo, ma la situazione della retroguardia è di piena emergenza e occorre un sacrificio per il bene della squadra. Non ci stupiremmo se fosse lui, ‘’l’insostituibile’’, la soluzione al problema.

Matteo Senatore

 

(foto Dreosti)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy