Toro, il calendario da qui a Natale

Toro, il calendario da qui a Natale

Mancano quattro gare alla pausa invernale del campionato. Due partite in trasferta e due in casa. Due scontri diretti contro formazioni che lottano per salvarsi, entrambi fuori casa, e due sfide con squadre che lottano per la Champions all’Olimpico.
Domenica a Siena il primo degli scontri diretti contro l’undici allenato da Giampaolo, compagine che tra le mura amiche ha totalizzato ben 12 dei 16 punti totali, frutto…

Commenta per primo!

Mancano quattro gare alla pausa invernale del campionato. Due partite in trasferta e due in casa. Due scontri diretti contro formazioni che lottano per salvarsi, entrambi fuori casa, e due sfide con squadre che lottano per la Champions all’Olimpico.
Domenica a Siena il primo degli scontri diretti contro l’undici allenato da Giampaolo, compagine che tra le mura amiche ha totalizzato ben 12 dei 16 punti totali, frutto di 3 vittorie, altrettanti pareggi e nessuna sconfitta. Da sottolineare la solidità dei bianconeri toscani: al Franchi hanno subito appena 2 reti, erigendo la miglior difesa “casalinga” insieme all’Inter e coprendo così bene una certa sterilità offensiva (il Siena in casa ha siglato 6 reti ed ha il terzo peggior attacco della A).

La settimana successiva i granata se la vedranno con la Fiorentina di Prandelli, che il mercoledì seguente si giocherà un posto Uefa a Bucarest contro la Steaua (basterà un pareggio).
I gigliati, persa la Champions, si concentreranno al massimo sul campionato ma al contempo vorranno confermare la propria presenza in Europa, anche se nella manifestazione meno prestigiosa.
In trasferta i viola, sinora, non hanno conosciuto le mezze misure: quattro sconfitte e due vittorie. Attenzione però alla ritrovata continuità di Mutu, elemento decisivo così come un Gilardino che pare tornato quello dei tempi di Parma.

Sabato 13 dicembre, poi, il Toro affronterà un’altra sfida diretta, di quelle valgono più dei semplici 3 punti in palio. I granata faranno visita al Bologna di Mihajlovic in serie positiva da 3 gare, tutte terminate 1-1 (contro Roma, Siena e Palermo) . I rossoblu cercheranno con tutte le loro forze una vittoria che per loro sarebbe vitale e necessaria per continuare a lottare per la salvezza. I felsinei possono contare su un Di Vaio che pare rinato (7 gol sinora) ma hanno gran difficoltà a mandare in gol altri giocatori.

Il 21 dicembre, infine, i granata ospiteranno il Napoli: un altro impegno interno assai duro contro una compagine che ha iniziato alla grande la stagione ma che ora sembra in fase calante, pagando probabilmente gli sforzi estivi dell’Intertoto. Vedremo in che condizioni arriveranno i partenopei alla sfida in programma  tra poco meno di un mese. E vedremo soprattutto quanti punti riuscirà a fare il Toro nelle prossime tre partite. La speranza è che siano sufficienti per arrivare alla sosta con una relativa tranquillità in classifica, cosa che attualmente manca.

Nel corso della sosta la squadra dovrebbe andare in Spagna a svolgere un richiamo di preparazione al caldo, per poi ripresentarsi tonica alla gara del 10 gennaio.
In quella data infatti, il Toro sarà ospite del Genoa nell’anticipo del sabato a Marassi e poi otto giorni dopo riceverà la Roma in casa. Due gare impegnative che chiuderanno il girone d’andata.

14° Giornata
Siena – TORINO (domenica 30 novembre, ore 15)

15° Giornata
TORINO – Fiorentina (domenica 7 dicembre, ore 15)

16° Giornata
Bologna – TORINO (sabato 13 dicembre, ore 18)

17° Giornata
TORINO – Napoli (domenica 21 dicembre, ore 15)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy