Toro, l’attacco della Roma: dalla velocità di Salah alla qualità di Perotti

Toro, l’attacco della Roma: dalla velocità di Salah alla qualità di Perotti

Verso Torino-Roma / Abbondanza nel reparto avanzato per i giallorossi: che ventaglio di scelte per Spalletti!

CAGLIARI, ITALY - AUGUST 28: AS Roma player Diego Perotti celebrates during the Serie A match between Cagliari Calcio and AS Roma at Stadio Sant'Elia on August 28, 2016 in Cagliari, Italy. (Photo by Luciano Rossi/AS Roma via Getty Images)

Il tecnico Luciano Spalletti per preparare al meglio la sfida di domenica contro il Torino dovrà pensare a chi schierare in attacco; il tecnico toscano, vista la grande abbondanza, avrà sicuramente molti dubbi sui giocatori da inserire nel suo tridente offensivo.

L’ATTACCO – Il simbolo per eccellenza della Roma e dei romani è Francesco Totti, il capitano da molti anni viene dato ormai per “finito” ma lui smentisce sempre tutti e si carica la squadra sulle spalle nei momenti di difficoltà; pur non potendo tenere più i 90 minuti, a quasi 40 anni – li farà tra una settimana – rappresenta ancora un valore aggiunto per la sua squadra. Mohamed Salah, esterno egiziano dotato di una grande velocità ad oggi è l’unico attaccante quasi sicuro del posto, quando si accende lui la squadra disputa delle grandi prestazioni. Diego Perotti, argentino arrivato lo scorso gennaio dal Genoa per Spalletti è un vero e proprio jolly, infatti può giocare tranquillamente in diversi ruoli in base al modulo di gioco scelto dal tecnico; in questa stagione fin’ora ha giocato sulla fascia ma può tranquillamente giocare anche dietro le punte o da “falso 9”; lui il posto lo contende continuamente a Stephan El Shaarawy, talento italo-egiziano che dopo stagioni di sofferenza al Milan si è ritrovato alla Roma grazie alla cura Spalletti. Edin Dzeko, acquistato lo scorso anno dal Manchester City, dopo una stagione negativa sembra aver ritrovato il fiuto del gol, in 5 partite ha messo a segno 4 reti e si è riguadagnato i galloni da titolare al centro dell’attacco. Infine c’è Manuel Iturbe che dopo una grande stagione al Verona si è perso alla Roma, l’argentino rappresenta una buona alternativa ai titolari.

LE SCELTE DI SPALLETTI – In base alle caratteristiche dei suoi attaccanti il toscano può adottare diversi metodi di gioco; quello utilizzato principalmente fino ad oggi è stato il tridente con Salah e Perotti sugli esterni e Dzeko terminale offensivo, quando invece ha deciso di non dare un punto di riferimento al centro dell’attacco in diverse occasioni ha spostato uno tra Perotti e Salah al centro dell’attacco con El Shaarawy ad agire su una delle due fasce. A partita in corso – soprattutto quando la partita era bloccata – ha spesso inserito Francesco Totti che con le sue giocate riesce ancora a fare la differenza.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy