Toro, Sabato arriva il Napoli

Toro, Sabato arriva il Napoli

 ll Napoli che farà visita  al Toro di Ventura Sabato30 Marzo 2013 sarà una squadra all’ultima chiamata scudetto. Nell’ipotesi in…

 
Commenta per primo!

 ll Napoli che farà visita  al Toro di Ventura Sabato30 Marzo 2013 sarà una squadra all’ultima chiamata scudetto. Nell’ipotesi in cui la Juve nel pomeriggio non riuscisse a prevalere contro l’Inter di Stramaccioni per la Banda Mazzarri l’occasione sarebbe ghiotta per recuperare terreno.

 

Il TORO NON FARA’ SCONTI-Ironia della sorte, il Napoli si gioca le sue ultime chances  in casa del nemico numero uno della sua diretta rivale : il Toro che pero  venderà cara la propria pelle. Facili pronostici e convergenze anti-juventine sono da escludere, Ventura deve ancora completare il suo percorso salvezza e la squadra è chiamata a dare continuità nei risultati in vista soprattutto della sfida cruciale tra Genoa e Siena. 

 

IL NAPOLI NON E’ AL TOP- I partenopei sono reduci da una timida ripresa dopo un Febbraio nero e misero di risultati; Cavani è tornato a segno ma la prestazione della squadra nel complesso non  legittima un entusiasmo incondizionato. In particolare, Mazzarri lamenta le prestazioni a rendimenti decrescenti di due suoi giocatori chiave : Maggio e Behrami. Il primo dopo cinque anni spesi a coprire ogni spazio sulla fascia destra oggi inizia a pagare il conto per tanta fatica accumulata, Prandelli dovrebbe prenderne  atto nelle sue convocazioni. Hamsik e Cavani non si discutono, inutile dire che per i ragazzi di Ventura saranno le minacce più insidiose. Tuttavia la loro prestazione dipenderà inevitabilmente dalla condizione dei suoi compagni e della squadra in generale.

 

COME STA CAVANI- Il Matador sembra aver perso il suo spazio vitale in area e la manovra azzurra nel frattempo è divenuta sempre più lenta e prevedibile, a volte persino farraginosa. Hamsik è un fenomeno certo,ma non ha ancora maturato un respiro da leader che gli consenta di addossarsi il peso dell’intera squadra nei momenti difficili e di condizionare il gioco anche quando il supporto dei compagni viene meno. Armero nel frattempo entra a regime nelle alchimie di Mazzarri, Pandev recupera in incisività nelle conclusioni oltre a confermare le sue straordinarie doti nel palleggio e intuizioni negli inserimenti dei compagni.

Insomma elementi positivi e negativi si compensano nel complesso, un pronostico quando siamo ancora ad una settimana dal calcio di inizio è pressoché impossibile da avanzare. Una cosa è certa, col Napoli sarà dura per i granata ma la partita che ci attende non può che essere viva ed avvincente.

 

 

 

 

REDAZIONE TN

( FOTO DREOSTI)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy