Torino – Sampdoria è anche Farnerud contro Soriano: qualità al servizio delle punte

Torino – Sampdoria è anche Farnerud contro Soriano: qualità al servizio delle punte

Verso Torino – Sampdoria / Due elementi dalle caratteristiche simili e due pedine fondamentali per i rispettivi tecnici

Commenta per primo!

Per il confronto di oggi relativo a Torino – Sampdoria abbiamo scelto due centrocampisti offensivi, che all’occorrenza possono giocare anche come trequartisti, due mediani dalle caratteristiche simili, pronti a colpire e a farsi notare: Alex Farnerud e Roberto Soriano.

ALEXANDER FARNERUD – Il Principe di Svezia, fin qui, nonostante gli innumerevoli problemi fisici, a Torino ha convinto. Arrivato nell’estate del 2013 dallo Young Boys Berna, in Svizzera, sotto la Mole ha avuto subito un buon impatto, mettendo insieme gol pesanti (vedi ad esempio quello di Udine) e prestazioni positive. Di elementi come lui, nella rosa del Torino, ce ne sono pochi. Farnerud è infatti un centrocampista tecnico, mai banale, che prova sempre la giocata di classe e che tenta spesso e volentieri di saltare l’uomo, regalando brio, imprevedibilità e fantasia alla manovra. Dotato anche di un buon tiro, lo ha messo in mostra all’Olimpico contro la Lazio, con una rete bella quanto inutile. Dopo i tanti problemi fisici Farnerud ha convinto Ventura a riaffidargli una maglia da titolare, e lo sta ripagando con profitto. Un giocatore nel pieno della maturità calcistica che potrà davvero essere utile al Toro in questo girone di ritorno.

ROBERTO SORIANO – Nato a Darmstadt in Germania, ma con nazionalità italiana, ha militato nelle giovanili del Bayern Monaco e della Sampdoria. Dopo una parentesi in serie B a Empoli, a farsi le ossa, nella stagione 2010/2011, Soriano è tornato alla Samp e, soprattutto sotto la sapiente guida di Mihajlovic, è diventato un protagonista assoluto, perno insostituibile nel 4-3-1-2 del tecnico serbo.
Il ragazzo è veloce, tecnico, puntuale negli inserimenti e dotato di un gran tiro, l’elemento ideale per il calcio aggressivo e dinamico dell’ex Mister del Catania.
Agli inizi della sua carriera molti lo paragonavano al grande Michael Ballack, lui rimane con i piedi per terra, attento solo a dare una mano per fare sempre più grande la sua Samp.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy