Belotti ancora spuntato: a questo Toro manca solo il suo capitano

Belotti ancora spuntato: a questo Toro manca solo il suo capitano

Focus on / I granata convincono contro la Sampdoria. Ma per fare il salto di qualità manca un… Belotti in più

4 commenti

Che cos’è un pollaio senza il suo Gallo? Il Torino pareggia ma convince a Marassi contro la Sampdoria: i granata offrono una delle migliori prestazioni della stagione, combattendo con le unghie e con i denti sino all’ultimo minuto contro una delle squadre più in forma del campionato. Ma la sensazione è che manchi ancora qualcosa alla squadra di Mazzarri. Ma cosa? La squadra sembra essere cresciuta molto dal punto di vista tattico, da quello dell’attenzione e della solidità difensiva. Ma è in fase offensiva che manca il vero bomber. Quell’attaccante con il killer instinct, quel Belotti che lo scorso anno fece 26 gol in 35 partite.

 

Già, Belotti. Il capitano granata ha vissuto una prima parte di stagione fortemente condizionata dagli infortuni, che gli hanno impedito di esprimersi sui livelli dello scorso anno. Ora però il peggio sembra essere alle spalle. Certo, il Gallo non è ancora al 100% dal punto di vista fisico e mentale, però la strada intrapresa sembra essere quella giusta. Contro la Sampdoria qualche miglioramento si è visto: il granata è tornato a lottare, non tirandosi indietro nei duelli corpo a corpo e dimostrando di essere sulla via del recupero. È altrettanto vero però che da lui ci si aspetta di più. Le due occasioni avute contro la squadra di Giampaolo erano troppo ghiotte per essere fallite da un giocatore con le sue qualità.

Prima il contropiede sciupato: una trentina di metri palla al piede per poi essere raggiunto dal doppio intervento (ai limiti della regolarità) di Bereszyński e Murru. Pochi minuti dopo invece, a tu per tu con Viviano, Belotti ha sciupato un’occasione d’oro sparando alto da buona posizione. Insomma, il Gallo è fisicamente tornato; ma non è ancora al 100%. Ora per fare il salto di qualità al Torino servirà recuperare appieno il suo bomber e trascinatore. E con un Belotti al massimo della condizione, nessun obiettivo sembra essere precluso…

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. CUORE GRANATA 44 - 2 settimane fa

    I vecchi cronisti sportivi erano soliti dire che gli attaccanti sono come il vino: vanno ad annate ed è effettivamente così. Il ns. caso è alquanto diverso anche se Andrea già ad inizio stagione era apparso mentalmente poco sereno poi gli infortuni hanno fatto il resto.La volontà del giocatore è fuori discussione tuttavia il recupero della condizione, a mio avviso, non appare così prossimo. Ovviamente dobbiamo sostenere Belotti senza caricarlo di troppe aspettative, dopodiché Società e giocatore decideranno cosa fare nel reciproco interesse che potrebbe anche essere proseguire con noi un’altra stagione per un pieno rilancio.FVCG!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. FVCG'59 - 2 settimane fa

    Ma lasciatelo stare il Gallo! Si sta riprendendo e il Toro non può fare a meno di lui: credete forse che il primo ad essere dispiaciuto per non aver potuto alzare la cresta non sia proprio lui? E allora incoraggiatelo e auguratevi che ritorni presto ad essere la macchina da gol che tanto abbiamo apprezzato l’anno scorso: se non il Gallo, chi?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. abatta68 - 2 settimane fa

    La scorsa campagna acquisti, oltre a puntare sul rifacimento completo della difesa portiere incluso, confidava sulla permanenza di due giocatori che ci avrebbero fatto fare la differenza, ovvero Baselli e Belotti.
    Oltre a questi due, si puntava ad una stagione migliore per Ljaic e alla consacrazione di un paio di giovani, come Barreca e Lyanco.
    5 giocatori…mezza squadra… siamo a febbraio e non ne abbiamo ancora visto uno di questi 5! se aggiungiamo che anche l’allenatore è stato esonerato, io non so come facciamo ancora ad essere dove siamo….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Akatoro - 2 settimane fa

    Vero che se il Gallo avesse avuto stesso rendimento dell’anno scorso avremmo avuto almeno 7/8 punti in più, però è anche vero che una squadra come si deve ( vedi il nostro stesso Toro contro la Samp, o la Lazio senza immobile ) deve riuscire a sopperire alla mancanza dei top player. L’anno scorso i gol di Andrea hanno tenuto a galla squadra e allenatore, il toro di Mazzarri invece è riuscito a far partita anche senza del gallo. Con questo Toro, e con il gallo in forma possiamo fare risultato contro chiunque

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy