Toro, un punto e qualche giocatore ritrovato

Toro, un punto e qualche giocatore ritrovato

Ottava giornata di campionato e il Toro si trova davanti un avversario che lotta per le zona alte della classifica, l’Inter. Guardando il risultato e l’avversario non si dovrebbe rimanere delusi, certo che giocare la maggior parte della partita in superiorità numerica aveva fatto sperare a qualcosina in più.

Commenta per primo!

Ottava giornata di campionato e il Toro si trova davanti un avversario che lotta per le zona alte della classifica, l’Inter. Guardando il risultato e l’avversario non si dovrebbe rimanere delusi, certo che giocare la maggior parte della partita in superiorità numerica aveva fatto sperare a qualcosina in più.

 

GIUSEPPE ROSSI – Segna per noi, Giuseppe Rossi segna per noi! Scusate.

 

HANDANOVIC – Il portiere serbo gioca 5 minuti. In questo breve periodo di gioco ha tempo di guardare il bel sinistro di Cerci che disegna una traiettoria insidiosissima e sbatte contro il palo, e qualche minuto dopo, nel tentativo in uscita di anticipare sempre Cerci, gli frana addosso procurando il rigore, la sua espulsione e anche una bella scarpata del giocatore del Toro che involontariamente lo colpisce sul volto. Ad Handanovic non assocerei un cocktail ma un chupito, troppo breve.

 

CERCI – Davvero bravissimo, Alessio sta continuando a giocare ad alti livelli, prende un palo, sbaglia un rigore, corre sempre tantissimo e quando punta lui l’uomo c’è sempre da divertirsi.Gli manca solo il gol in questa partita. Che dire, io spero che giochi sempre così e per quanto riguarda il rigore sbagliato, sono certo che nel prossimo continuerà a gonfiare la rete.

 

FARNERUD – Prima di questa partita questo giocatore era una delle mie perplessità più grandi. Contro l’Inter disputa un primo tempo davvero eccezionale, serve l’assist che procurerà il rigore, e segna il suo primo gol in serie A con la maglia granata. Lascia il posto ad Immobile, molto buona la prestazione dello svedese che si candida per una maglia da titolare. In alto i calici, benvenuto!

 

CAPITAN D’AMBROSIO – Si prende la fascia dello squalificato Glik e gioca sempre ad altissimi livelli. Terremo le dita incrociate fino a quando non si avranno novità sulla sua situazione contrattuale, continua ad essere un giocatore fondamentale per i granata.

 

RODRIGO PALACIO – A mio avviso uno degli attaccanti più forti del campionato e lo dimostra con una prestazione davvero maiuscola. Al 55′ sfrutta una brutta uscita di Padelli e si ritrova una palla che appoggia facilmente in rete di testa con la quale l’Inter agguanta il momentaneo pareggio. Passano pochi minuti e al 71′ , l’argentino si fa trovare pronto, dopo una bellissima sgroppata di Belfodil sulla destra e un altrettanto fantastica dormita della difesa del Toro, sigla il 3- 2. Il migliore dei suoi.

 

CIRO IMMOBILE E NICK BELLOMO – Due amici, entrambi a segno. Immobile sfrutta bene una palla offerta da Cerci dopo una bella giocata individuale e Ciro insacca il 2 – 1 e Nick calcia una punizione da posizione defilatissima e disegna una traiettoria perfetta che vale il definitivo 3 – 3 ,1 punto per il Toro e la prima rete per il giovane centrocampista che dimostra carattere, piacendo sempre di più ai tifosi granata.

 

GUARIN – Uno dei migliori dell’Inter. Segna il primo gol dell’Inter in acrobazia, mette in difficoltà Padelli nell’azione che porterà al secondo gol dell’Inter, si riprende gli applausi degli interisti che ultimamente lo avevano criticato.

 

GAZZI E BARRETO – Tornano in campo dopo la squalifica. Giocano entrambi bene, Barreto si rende utile in attacco pungendo la difesa dell’Inter con la sua velocità. L’importante era ritrovare il campo e farlo contro l’Inter e giocando una buona prestazione sicuramente aiuterà a far uscire i ragazzi da questo fastidioso stop forzato.

 

Tante emozioni stesso risultato, il Toro gioca bene ma non sfrutta la superiorità numerica.Il cocktail di questa settimana sarà un Vodka Sour aromatizzato alla violetta, un drink dal colore viola, piace molto alle donne ma potrebbe soddisfare anche i palati maschili, per chi ama i cocktail dolci. Si consiglia di non berne 3 in un quarto d’ora perchè potrebbero causare problemi, la difesa della Juve ne sa qualcosa.

 

1,5 oz di vodka

0,75 oz crema alcolica alla violetta

2 oz di sweet & sour

 

Buona bevuta
Daniele Graziani

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy