Torino, Acquah si candida per la Fiorentina: anche lui si gioca la conferma

Torino, Acquah si candida per la Fiorentina: anche lui si gioca la conferma

Focus on / L’avventura granata di Acquah ad un bivio: finale di stagione decisivo per stabilirne il futuro

di Redazione Toro News

Joel Obi è rientrato ieri in gruppo dopo i problemi muscolari che lo hanno tenuto ai box per una settimana: non è escluso che il nigeriano possa stringere i denti e scendere in campo, ma per un posto da titolare contro la Fiorentina il favorito è Afriyie Acquah. Si tratterebbe della terza gara consecutiva da titolare per il centrocampista ghanese, dopo quelle con Verona e Roma.

CONFERMA DA CONQUISTARE – Queste ultime gare di campionato saranno fondamentali anche per Acquah, che dovrà conquistarsi una conferma per la prossima stagione. Una prima occasione dovrebbe arrivare già questa domenica, partita fondamentale per mantenere un posto da titolare anche nei prossimi incontri. Se da un lato la fisicità del centrocampista può continuare ad essere d’aiuto, gli eccessi di foga e le numerose espulsioni hanno più volte messo in difficoltà i compagni. Per continuare a vestire la maglia granata, dunque, gli si chiede un salto di qualità che lo porti a gestire meglio la grande grinta che lo ha da sempre contraddistinto.

SCADENZA 2019 – Acquah, a fine stagione, si troverà davanti ad un bivio, dato che il contratto scadrà nel giugno del 2019. Se Mazzarri dovesse decidere di continuare a puntare sul centrocampista, la società dovrebbe rinnovargli il contratto per evitare di perderlo a parametro zero. Al momento non sono in atto discorsi per un eventuale rinnovo e tutto è rimandato a fine stagione, quando società ed allenatore saranno chiamati a prendere una decisione definitiva anche sull’ex Parma e Sampdoria, in un senso o nell’altro. Queste ultime gare, a partire da domenica, saranno dunque fondamentali: tra coloro con il futuro in discussione c’è anche Acquah.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy