Udinese-Torino, Zapata e Thérèau gli arieti bianconeri. E Perica…

Udinese-Torino, Zapata e Thérèau gli arieti bianconeri. E Perica…

L’avversario / L’attacco della squadra di Del Neri è molto pericoloso: dagli alfieri più concreti, all’uomo dei minuti di recupero

probabili formazioni

L’Udinese di Del Neri sarà il prossimo avversario del Torino, per quella che sarà la undicesima sfida di campionato per le due squadre. I friulani arrivano alla partita in uno stato quasi di grazia, a causa della buona prestazione contro la Juventus (nonostante la sconfitta per 2-1) e le conseguenti vittorie contro Pescara e Palermo: a guidare questa squadra che cerca di riemergere insieme al nuovo allenatore, ci sono stati degli attaccanti fondamentali che saranno mine vaganti anche nella sfida contro il Torino di Sinisa Mihajlovic.

Tra questi attaccanti troviamo una bella coppia gol che si sta scoprendo sempre più in forma: si parla di Duvan Zapata e Cyril Thérèau, che con i loro gol hanno guidato l’Udinese in questa prima parte di campionato. Entrambi a segno per tre volte, sono stati i mattatori delle ultime due sfide: il francese ha segnato ben tre gol in due partite, diventando il miglior marcatore della propria squadra in sole due giornate. Il colombiano ha segnato nella sfida contro il Pescara, dimostrando di essere in forma nonostante contro il Palermo sia rimasto a secco: i due arieti dell’Udinese sono pronti a far male, il Toro dovrà fare attenzione.

UC Sampdoria v Udinese Calcio - Serie A

Ma oltre a questi due attaccanti, c’è anche un’altra importante mina vagante che potrebbe però essere anche decisiva: il suo nome è Stipe Perica, e al Torino ha già fatto male. In questa stagione, inoltre, il giocatore di Del Neri è stato più di una volta l’uomo da “zona Cesarini”, decidendo anche un match importante. Contro il Milan, infatti, un suo gol al minuto numero 92 ha permesso ai bianconeri di strappare tre punti a San Siro, ma non è finita qui: anche nella sfida contro l’Empoli di Martusciello, che era rimasta in bilico per 1-0 per più di 90 minuti, il croato l’ha decisa al novantacinquesimo abbattendo definitivamente gli azzurri.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy