Vasyl Pryima, da oggi gli occhi di Ventura addosso

Vasyl Pryima, da oggi gli occhi di Ventura addosso

In Sisport / Il difensore ucraino Pryima ha svolto oggi il primo allenamento sul campo; quella bravura nel gioco aereo…

vasyl pryima

L’allenamento a porte aperte del Torino andato in scena in Sisport questa mattina è coinciso con il primo allenamento sul campo di Vasyl Pryima agli ordini di Ventura. Il gruppo, infatti, venerdì aveva lavorato atleticamente in palestra, mentre sabato e domenica ci sono stati due giorni di riposo. Il difensore ucraino ha così per la prima volta potuto effettuare una sgambata con i compagni, con esercizi tecnici e con tanto di partitella finale.

CHE BRAVURA NEL GIOCO AEREO – Pryima, un classe 1991 la cui ultima squadra è stata il Metalurg Donetsk, si è disimpegnato infatti nella sua prima partitella a tempo e campo ridotto, giocando ovviamente da difensore. Nell’occasione, ha colpito subito per la bravura nel gioco aereo: grande capacità di stacco e di scelta di tempo nel vincere i duelli di testa per Vasyl, che poi ha dimostrato di possedere una non disprezzabile tecnica di base. Un po’ come Maksimovic, infatti, Pryima ha iniziato la carriera di calciatore come centrocampista, per poi affermarsi come professionista nel ruolo di marcatore.

Sisport allenamento del 12 ottobre
Un momento della Partitella in Sisport del 12 ottobre (foto Chirico)

IMPARARE LA LINGUA – Per i primi tempi, Pryima ha e avrà bisogno dell’aiuto di un traduttore, che oggi lo ha accompagnato in Sisport. Questo può sicuramente essere un ostacolo per un suo rapido inserimento: non è un mistero, infatti, che Ventura ami fare entrare dei concetti teorici nelle teste dei suoi giocatori. E per farlo, c’è bisogno che essi utilizzino la lingua italiana. Inoltre, non gioca a suo favore il fatto che l’ultima partita ufficiale disputata risalga a maggio. Ecco perché non è fuoriluogo pensare che il Torino stia pensando a Pryima come potenziale innesto per il futuro, e non solo come soluzione-tampone per le assenze di Maksimovic e Jansson.

Quel che è certo è che da oggi inizia la vera occasione di Vasyl Pryima: una potenziale svolta per la carriera è alla portata, ora lo staff tecnico granata dovrà essere convinto sotto l’aspetto tecnico ma anche quello umano.

8 commenti

8 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. maxmurd - 2 anni fa

    Per fortuna, al contrario di tre anni fa con Maksimovic, lui ne ha di gente brava da scavalcare… dovrà crescere molto se vuole spazio…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. robert - 2 anni fa

    Dove lo hanno scovato questo qua ?Se fosse un bravo giocatore non sarrebbe venuto al Toro, questo è poco ma sicuro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. pupi - 2 anni fa

      Ragionamento molto intelligente……limitato, ma molto intelligente!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. RDS - 26/04/15 Toro 2 - Merde 1 - 2 anni fa

      Dopo questa affermazione, sono senza parole….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. ivangommesanrem_585 - 2 anni fa

      Ma perchè?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Brawler Demon - 2 anni fa

      Queste son frasi che io stesso usavo quando l’attuale “Eroe d’Albania” sedeva (indegnamente) sulla nostra panchina, ora, di questi tempi, mi sembrano decisamente fuori luogo… è anche vero che Pryima dovrà convincere Mister Ventura, auguriamoci sia buono alla causa granata!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Papa Urbano I - 2 anni fa

      …+ o meno dove hanno scovato Moretti Bovo Maxi Molinaro…tutta gente che non voleva nessuno arrivata al TORO a 0 euro…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Papa Urbano I - 2 anni fa

    …il ragazzo la tecnica ce l’ ha…fare un goal da 35m come ha fatto lui come si vede dal video…è roba che riescono a fare in pochi…solo il provare a tirare da quella distanza vuol dire essere in possesso di grande tecnica e personalità…se poi ha anche il colpo di testa…allora mi sa che comincia ad essere un giocatore molto interessante…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy