Ventura: ”Cerci può crescere ancora tantissimo”

Ventura: ”Cerci può crescere ancora tantissimo”

Visibilmente soddisfatto anche l’allenatore del Torino Giampiero Ventura: ”C’è soddisfazione per come è arrivato il risultato. Abbiamo vinto contro l’Atalanta, che teneva dieci uomini dietro la linea della palla. Abbiamo tenuto noi il gioco, creato numerose occasioni…
Visibilmente soddisfatto anche l’allenatore del Torino Giampiero Ventura: ”C’è soddisfazione per come è arrivato il risultato. Abbiamo vinto contro l’Atalanta, che teneva dieci uomini dietro la linea della palla. Abbiamo tenuto noi il gioco, creato numerose occasioni da rete e giocato bene anche in velocità. Ora i tifosi vengono allo stadio per divertirsi. Dovevamo tirare fuori l’orgoglio di essere granata. Se andiamo a vedere la partita contro la Sampdoria, loro non hanno fatto nemmeno un tiro in porta. Oggi abbiamo concesso solo un calcio di rigore contro una squadra ostica, e il pubblico si è divertito. Il nostro percorso di crescita passa attraverso la consapevolezza di chi siamo, di cosa possiamo fare e cosa avremmo potuto fare. Cerci è un giocatore che sta crescendo settimana dopo settimana. Oggi c’era Prandelli qua a vedere Alessio; a me ha convinto. Secondo me ha convinto anche lui. Quando ho allenato Cerci per la prima volta avevo intravisto già delle potenzialità, sarebbe potuto diventare devastate. Quando ho ripreso Cerci al Torino, ho trovato un giocatore che aveva bisogno di stimoli nuovi e di ritrovare la voglia di giocare a calcio.” Qualche settimana fa, Ventura aveva detto che Cerci era solo al 50/60% delle sue potenzialità. Oggi il mister ha aggiunto: ”Le percentuali non le so, ma sono convinto che Alessio possa crescere ancora. Ha capito qual’è la strada da seguire per tornare il calciatore che allenavo ai tempi del Pisa.” Interessanti anche le parole riguardo ai ragazzi giovani presenti in rosa: “Abbiamo diversi giovani che possono fare bene, e questo è ottimo. Non dobbiamo avere fretta nel lanciarli perchè Torino è una piazza pericolosa. Noi dobbiamo raggiungere il prima possibile il nostro obiettivo, così anche loro avranno modo di dimostrare il proprio valore.”
 
Manolo Chirico
(foto Dreosti)
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy