Questione di cm o mq commerciali?

“Pietas granata” è uno spazio ospitato sulle pagine di TN e realizzato da tifosi facenti parte del direttivo del Centro Coordinamento Toro Clubs, aperto con l’obiettivo di creare un confronto tra chi scrive e tutti gli altri tifosi che leggessero. Gi autori si offrono infatti di condurre un dialogo aperto anche attraverso i commenti a pié di pagina; sarà pertanto possibile chiedere, osservare, affermare…

di Redazione Toro News

“Pietas granata” è uno spazio ospitato sulle pagine di TN e realizzato da tifosi facenti parte del direttivo del Centro Coordinamento Toro Clubs, aperto con l’obiettivo di creare un confronto tra chi scrive e tutti gli altri tifosi che leggessero. Gi autori si offrono infatti di condurre un dialogo aperto anche attraverso i commenti a pié di pagina; sarà pertanto possibile chiedere, osservare, affermare e anche criticare. Senza offese, illazioni e post incivili in generale, naturalmente.

——————

 

Risulta sempre difficile pensare qualcosa sul Nostro amato Toro dopo una scoppola come quella di sabato.
Scriverne poi e’ impresa ardua. Come diceva Viola, “Il Calcio e’ una questione di centimetri…” e lo diceva dopo il tristemente famoso goal di Turone.

Sono i cm l’argomento principe delle italiche trasmissioni calcistiche del week end. E ne mancano sempre, oppure ce n’è sempre qualcuno di troppo, in quasi tutti gli episodi salienti delle partite.

Invece a noi del Toro non mancano solo i cm. Nelle occasioni dei goal subiti e in quelle poche create a Varese, difettano i metri. Nell’allestimento della Rosa, quindi della famosa storiella della “coperta”, la nostra non e’ corta per pochi centimetri, ma abbiamo delle grosse lacune che andrebbero colmate. Più che per gli 11 titolari, e’ tutto il Gruppo che ha pochi elementi e poche alternative. Penso che abbiamo 13-14 elementi arruolabili e questi non possono reggere 42 partite (più, probabilmente, quattro). Quindi bisogna espanderlo almeno a 18-19 elementi. E questi devono essere validi, perché dall’avere i Filipe e gli Zavagno, piuttosto che i Pellicori o i Belingheri, sia il mister nelle scelte, che i compagni in campo non traggono nessun beneficio.

Ma torniamo alla vera nostra lacuna: I METRI QUADRI COMMERCIALI.  Si perché fino a quando non verranno definiti i mq inerenti alle attività commerciali che potranno essere aperte nelle Aree Filadelfia, Comunale/Olimpico e Combi, saremo sempre ostaggio di questa politica CAIRESE. Solo con la loro definizione sarà fissato un prezzo del Nostro Toro e solo allora gli acquirenti potranno trattare.

Pertanto fino ad allora cosa prevede il manuale del calcio CAIRESE? Tirare a campare, vendendo tutto il possibile per sanare il bilancio senza dover aggiungere neanche un eurocent (non ci facciamo ingannare dai trucchetti contabili). L’importante e’ arrivare ai play off, perché si prende sempre tempo e poi si può mettere in moto la macchina da guerra mediatica, che farà sembrare tutte le azioni come positive e casuali (e magari dipingerà il carnefice come vittima dopo un rigore non dato!!!!). E se vinci alla lotteria vai in serie A (ma solo col favore degli astri…).

E poi, come possiamo considerare positivamente la cessione sistematica di buoni calciatori, talvolta pure giovani? Stiamo parlando di una squadra di calcio e il dettaglio delle capacità calcistiche non e’ trascurabile. Aver sostituito, ad esempio, nel corso degli anni Dzemaili con De Feudis (in prestito), piuttosto che Rosina con mezzo Stevanovic o magari Sereni con Rubinho (in prestito secco), oltre che aver prodotto degli utili per il bilancio cosa hanno prodotto in termini di rendimento della squadra? E si e’ lavorato per avere una squadra in futuro (non dico competitiva)? Secondo me si e’ lavorato solo per far passare il tempo, per arrivare alla definizione di questi metri commerciali, in modo da fare il colpaccio.

Ma aver seminato tutte queste cattive azioni proprio ai Tifosi Granata senza calcolarne le conseguenze e’ stato molto superficiale. Pensate l’ironia, chi vuole tanta superficie commerciale e’ stato superficiale. Mai sottovalutare i tifosi del Toro, perché al momento opportuno faranno saltare il banco.

Non si può essere un cattivo amministratore a tutto tondo, sperperando 220 milioni in 5 anni dal punto di vista economico e  portando la squadra ai minimi storici come risultati sportivi e giocatori di proprietà, senza pagare dazio. Anzi la macchina mediatica ci fa già sapere che si pretende un premio dai 50 ai 70 milioni!!!!!

Non sarà così.

Speriamo tutti che vengano definiti i mq commerciali così potremo finalmente tornare a parlare di centimetri anche Noi. Come tutti gli altri tifosi, anzi no, meglio di tutti gli altri.

 

Piero Galano

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy