Calciomercato Toro, il saldo: arriva solo Singo, equilibrio tra costi e “risparmi”

Calciomercato Toro, il saldo: arriva solo Singo, equilibrio tra costi e “risparmi”

Il saldo / La sessione invernale ha chiuso i battenti, ecco il punto sull’operato del club granata: poche operazioni sia in entrata che in uscita

di Nicolò Muggianu

Il gong è arrivato puntualissimo alle ore 20 di ieri, giovedì 31 gennaio. Suono che ha decretato la fine delle trattative del mercato di riparazione edizione 2018/2019. Come di consueto, a giochi definitivamente conclusi, andiamo ad analizzare il saldo tra entrate e uscite per quanto riguarda il Torino. Finestra di mercato invernale che è stata in linea con il trend degli ultimi anni, con i granata non particolarmente attivi in entrata e predisposti piuttosto a lasciar partire in prestito quei giocatori che stavano trovando meno spazio. Unico vero colpo in entrata il difensore classe 2000 Wilfried Stephane Singo, arrivato a titolo definitivo dal club ivoriano Denguélé d’Odienné e pagato circa un milione di euro.

Oltre ai tanti colpi in entrata per la Primavera però, il Torino il lavoro più evidente di questo mercato invernale lo ha fatto in uscita. Partito Roberto Soriano in direzione Bologna: il club con sede in Via dell’Arcivescovado godeva di un contratto di prestito con diritto di riscatto (fissato a circa 14 milioni di euro) nei confronti del Villareal, con l’ex Sampdoria che in granata percepiva circa 1,4 milioni di euro l’anno. Ingaggio che, con il passaggio al Bologna, il Torino non pagherà più “risparmiando” di fatto i 700 mila euro netti facenti riferimento all’ingaggio che il giocatore avrebbe dovuto percepire nella seconda metà di stagione. Discorso economicamente simile anche per Lyanco ed Edera. A differenza di Soriano però, il Torino manterrà il pieno controllo sui cartellini dei due giocatori classe 1997 (per entrambi trasferimento con la formula del prestito secco). Per loro, oltre a un vantaggio di tipo sportivo, anche una riduzione di costi sugli stipendi di circa 375 mila euro. Per una somma totale di circa 1,075 milioni di euro “risparmiati” dal Torino sul monte ingaggi.

ACQUISTI: Singo, Denguélé d’Odienné: acquisto per circa 1 milione di euro. TOTALE SPESA: 1.5 milioni di euro.

CESSIONI: Soriano, Bologna (riduzione di costo sugli stipendi di 700mila euro), Edera, prestito secco al Bologna (riduzione di costo sugli stipendi di 200mila euro); Lyanco, prestito secco al Bologna (riduzione di costo sugli stipendi di 175mila euro). TOTALE “RISPARMIO”: 1,075 milioni di euro.

24 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. robert - 9 mesi fa

    Qualcuno di voi si chiede come ha fatto Petrachi a scoprire questo Singo.Semplice,questo ragazzo è arrivato con un barcone l’anno scorso, è andato dalla polizia dicendo che è un calciatore della serie B Ivoriana e di seguito è stato tutto facile abboccare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Gigi Sulla Fascia - 9 mesi fa

    A me sembra che la questione del mercato del Toro sia male impostata nell’articolo. A me non è dispiaciuto:
    1. ci siamo liberati di Soriano, dei suoi like ai gobbi e del suo scarso rendimento
    2. abbiamo rinforzato la primavera con buoni innesti, che spero di vedere presto in prima squadra. Sarò un nostalgico, ma io sogno un Toro come quello di Mondonico, che faceva esordire in coppa Italia contro la Lazio Bobo Vieri a 17 anni (con gol…), e schierava in prima squadra i prodotti del vivaio
    3. abbiamo ceduto in prestito Edera e Lyanco al vecchio Mister, che probabilmente garantirà loro una certa continuità di gioco
    4. non abbiamo preso bidoni
    5. se poi ci va di culo, il Rennes riscatta Nijang…

    Detto questo, il gioco del Toro non mi esalta, Mazzarri non mi esalta, ma trovo l’allenatore onesto: sta facendo crescere difesa e il centrocampo (per la parte di interdizione), non fa svenare la società con acquisti insensati (vedi Nijang), difficili da rimediare per una società come il Toro. Vediamo dove arriva. Per come sta facendo, sicuramente non lascerà la squadra peggio di come l’ha ricevuta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 9 mesi fa

      Auspicherei una crescita visibile prima di aver ottant anni.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Carlin - 9 mesi fa

      Caro Gigi. 1 ci siamo liberati di Soriano,che ha avallato lui, ma non di Zaza, che è paragonabile a Niang. 2 I giovani primavera ,per Mazzarri sono inutili. 4 é vero non si sono presi bidoni,quando non si compra,diventa difficile prenderne . Concordo neanche a me piace il gioco

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Gigi Sulla Fascia - 9 mesi fa

        Ciao Carlin, io mi sarei tenuto tutta la vita Lijaijc e avrei lasciato lì dov’era Zaza. Sono d’accordo con te che Mazzarri non vede i giovani della primavera (e non sai quanto mi fa incazzare), ma adesso abbiamo una rosa snella e il Mister potrebbe essere obbligato a schierarli. E poi cerco di guardare oltre: stiamo costruendo un ottimo settore giovanile, è vero che Mazzarri non fa giocare i primavera, ma fa allenare i migliori con la prima squadra… ho la sensazione che stiamo mettendo le basi per il Toro che piace a noi… cerco di vedere Mazzarri come traghettatore che consegnerà una buona squadra a un mister alla Gasperini… se poi Mazzarri mi stupisce ed inizia a far giocare Millico, Adopo e Ferigra, tanto meglio…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Daniele abbiamo perso l'anima - 9 mesi fa

    Da anni ho capito qual è il progetto imprenditoriale di Cairo nel Toro.
    Non ho ancora invece capito quale sia il progetto sportivo.
    Sembrerebbe, dati i risultati, che sia semplicemente quello di restare a galla in serie A stabilmente, creando quindi ogni anno una squadra da salvezza ultra sicura, e niente più. Il che si traduce in piazzamenti che variano sempre tra l’ottavo e il dodicesimo posto. Ciò gli permette ogni anno di guadagnarci qualcosa in termini di plusvalenze.
    Si, il progetto imprenditoriale è chiaro. Per me lo è anche quello sportivo, e non è la malafede a farmelo dichiarare, ma i fatti.
    I fatti sono lì davanti ai nostri occhi ad ogni fine campionato.
    Il resto è fuffa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. iard68 - 9 mesi fa

      E’ esatto. Ho gia avuto modo di ricordare più di una volta, come l’obiettivo Europa League sia stato fissato dai tifosi (che non vogliono giustamente accontentarsi) ma NON dalla società, che al massimo, ha speso qualche dichiarazione parlando di ricercare il salto di qualità. Unico a parlare di coppa Uefa fu il prode Sinisa che amava scaldare gli animi ad ogni occasione (nel bene e nel male). I giocatori, interrogati all’uopo da “arguti” giornalisti di ogni radio e tv, hanno sempre fatto salti mortali e capriole verbali per dire e non dire un emerito cz. Questo forum è pieno di gente che non vuole accettare l’evidenza, che continua a vedere quel che spera (invece della realtà), e poi si sorprende, si arrabbia quando anche il più piccolo dei desideri viene puntualmente disilluso. E’ questione di borsa, di capitali, di investimenti che devono rientrare: il cancro del mondo. Io mi arrabbio per gli errori evitabili: vendere Ljaijc per prendere Zaza e Soriano è una follia tecnico/tattica imperdonabile (del ds e dell’allenatore che immagino si parlino…) che non produce neppure vantaggi economici (perché il serbo lo hai svenduto e zaza lo hai strapagato, e con quei soldi potevi anche permetterti di aumentare lo stipendio del primo…). Assumere un allenatore come Mazzari che non si preoccupa di giocare, ma solo di non far giocare l’avversario è un errore grave (del presidente e del ds) che causa la svalutazione della rosa, oltre a farci vedere una squadra incapace di tirare in porta più di un paio di volte a partita.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. prawda - 9 mesi fa

    Certo che a TN i conti li fate davvero in modo originale. Il Torino compra un giocatore per circa 1M e viene riportato come totale spesa 1,5M aumentati quindi di mezzo milione; i risparmi sugli ingaggi sono invece conteggiati al netto, come se le imposte sui compensi percepiti dai giocatori le pagasse babbo natale. Quindi giusto per la precisione il Torino ha speso 1M e ne ha risparmiati circa 2M di stipendi lordi. Per quanto riguarda il diritto di riscatto di Soriano era una semplice opzione che ovviamente non verra’ esercitata, non si traduce quindi in nessun risparmio visto che non era stato imputato nessun costo ma non significa nemmeno che saranno disponibili per il mercato di giugno. Infine il Torino ha scelto di non fare acquisti e di avere una rosa ridotta, si vedra’ a fine campionato se sara’ stata la scelta corretta, soprattutto in considerazione che potrebbe non bastare arrivare settimi per andare in Europa; sulle mancate cessioni e relative cifre direi che sarebbe meglio farci una bella tara, soprattutto visto che Piątek e’ stato ceduto per 35M. Pensare che Belotti potesse andare a giocare in una squadra cinese arrivata 11esima nell’ultimo campionato conclusosi a novembre 2018 e che in quello precdente giocava nella serie b cinese, mi pare onestamente una notizia decisamente risibile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 9 mesi fa

      Infatti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. BAVARO GRANATA - 9 mesi fa

    CONTINUA LA ASSOLUTA Mediocrità . LA UNICA COSA CHE INTERESSA LO ESCARIOTA E GUADAGNARCI IL Più POSSIBILE .Compra i giovani sperando in succulente plusvalenze del risutato sportivo gli frega nulla anzi prova un notevole fastidio ……….

    recentemente un tifoso meritevole ha pubblicato dati statistici alla mano un dettagliato e analitico studio che dimostra come questo piccolo uomo (piccolo in tutti i sensi ) e la sua cairese siano i peggiori nella storia del toro ……..

    spero vivamente che fiorentina e samp vadano in europa mentre l toro arriverà decimo se va bene …………

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Il_Principe_della_Zolla - 9 mesi fa

    Com’è che siano andati a pescare un giocatore da un milione di euro al Denguélé d’Odienné, un club di cui credo non si sospettava nemmeno l’esistenza, stuzzica quanto meno la curiosità. Sarebbe interessante conoscere i dettagli dell’operazione: non c’è niente di misterioso, no?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. anpav - 9 mesi fa

      Se è buono si è fatto un affare. Se brocco si è buttato un milione circa. Il resto è malcelata dietrologia. Che come sempre, in assenza di prove, diventa conglomerato di parole al vento.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Il_Principe_della_Zolla - 9 mesi fa

        A parte che con un ragionamento cosi’ si puo’ prendere anche mia sorella. Io sarei curioso di sapere come si è arrivati a questo Sig. Singo, a questa società che sfido chiunque a dire che si sapesse chi fosse prima di ieri, quanto della transazione arriverà nelle casse del Denguélé d’Odienné. Sarebbe interessante conoscere i dettagli dei nostri mercati cosi’ votati alla visionarietà, all’anticipazione, alla scoperta e cosi’ restii agli asset più tradizionali, tipo quelli attivati da squadre come la Viola o la Sampdoria.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Marco59 - 9 mesi fa

    Sarebbe interessante che una Società di Revisione Contabile non “accondiscente” mettesse le mani sui bilanci della società.

    Se ne vedrebbero delle belle…!!!

    Urbano, il bilancio della società è falso come te.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. marione - 9 mesi fa

      Ma a che punto arriva la cattiveria umana… Addirittura mettere in dubbio la correttezza dei bilanci. Proprio Cairo che ci rimette tutti gli anni per amore della squadra e dei tifosi. Siete dei caini, invece di essere riconoscenti a questo uomo che da 14 anni vince tutto quello che c’è da vincere.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. ProfondoGranata - 9 mesi fa

    Ma i 14 milioni erano una previsione di spesa.
    E grazie a Dio non li abbiamo effettivamente spesi.
    Quindi, tutti o in parte, saranno disponibili per il mercato estivo oppure semplicemente abbiamo evitato un negativo…
    Davvero non capisco il voler puntualizzare a tutti i costi sempte l’aspetto economico.
    Non abbiamo acquistato nessuno perché (è stato detto chiaramente) non c’era nessuno (immagino, “alla nostra portata economica”) che andasse bene per noi (e magari che volesse venire al Toro, anche se non espressamente citato, non dimentichiamo questo piccolo particolare, e dunque non sarebbe stato furbo acquistare giocatori non adeguati (per poi trovarci un Soriano 2?!).
    Il voler rimarcare che Cairo è tirchio mi sembra fazioso avendo comunque speso quello che ha ricavato dai prestiti e dalle cessioni ed avere rifiutato 60 milioni per Belotti.
    Comprando un altro attaccante (Piatek è costato 35 mln al Milan) poteva fare almeno 20 mln di plusvalenza.
    Se l’unico obiettivo di Cairo fosse intascarsi i soldi del Toro avrebbe agito molto diversamente negli ultimi due anni.
    Altra cosa è spendere oculatamente le poche risorse a disposizione.
    Senza contare che non è l’unico a decidere. Al tavolo si siede anche Mazzarri con le sue idee…
    Quindi basta con sta storia del braccio corto… averne di imprenditori così…
    Detto questo, non conosco questo nuovo acquisto ma speriamo che si riveli utile oppure semplicemente bravo così da poterlo rivendere facendo plusvalenza.
    Piaccia o no anche questo è un modo per essere sostenibili…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 9 mesi fa

      Vedete ciò che volete. La realtà è inconfutabile. Ricordo a te e agli altri che i giocatori da prendere ci sono, ne serviva uno solo, si tiravano fuori i soldi come hanno fatto quelli che in Europa almeno provano ad andarci sul serio. Dopo quattordici anni siamo sempre decimi e si accampano le medesime scuse dei soldi. I soldi ci sono oppure si fanno i prestiti, come in ogni società seria del mondo, che vuole investire. Invece Cairo non investe un cazzo. Questa è la verità il resto sono fandonie per quelli che vogliono continuare a crederci. Non si è mai vista una azienda che per crescere i soldi li mettono gli altri. Come credete che l abbia comprata Cairo l rcs? Ccon i soldi del monopoli? Ebbene, che ne metta qualcuno anche nel Toro, per la miseria.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. marione - 9 mesi fa

        Sul come bracciamozze abbia comprato RCS ci sono molte domande nell’ambiente economico, a dirla tutta ci sono anche molte risposte e non sono proprio di elogio. Del caso presto si occuperà la Corte Suprema dello stato di Ney York. Se digiti Blackstone Cairo e Intesa su Google, ti rendi conto di come siano andate le cose. Ovviamente sono tutti gobbi e maicuntent

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. user-14036712 - 9 mesi fa

    I conti sul bilancio finanziario facciamoli fare a chi di dovere. Importante anzi importantissimo che i conti da noi al TORO siano in ordine e se qualcuno osa dubitare su certe operazioni, sarebbe meglio che guardi ad una società di Venaria, dove “incassano” 20 per Audero e spendono 12 per Perin!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. alrom4_8385196 - 9 mesi fa

      OK però poi mi pare che da quelle parti vadano a comprare chi sa giocare a pallone e non solo perfetti sconosciuti che possono risultare in seguito buoni (pochissimi) o scarsi ( quasi tutti) .

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. alrom4_8385196 - 9 mesi fa

    Come al solito siamo tra i primi nel campionato dei risparmi : FORZA BILANCIO GRANATA !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. ddavide69 - 9 mesi fa

    Peccato che ci si dimentica di dire che il costo del carrellino di Soriano era stato portato a bilancio negativo di 14 milioni di euro la scorsa sessione di mercato , naturalmente non pagati perché erano subordinati ad un certo numero di presenze. Si contano le uscite due o tre volte in modo da far apparire che Cairo spende più di quanto incassi dal player trading, ma non è così.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 9 mesi fa

      Sette piciu

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. user-13793800 - 9 mesi fa

    Vedremo il saldo finale del campo se sarà positivo o negativo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy