Serie A, l’ipotesi in caso di annullamento: “Possibili tagli agli stipendi dei giocatori”

Focus on / Questa l’indiscrezione raccolta da Calcio e Finanza

di Andrea Calderoni

C’è un’ipotesi estrema e clamorosa che non è stata però stata ancora discussa formalmente, nemmeno a livello tecnico in Lega Serie A. L’ipotesi viene, comunque, presentata da Calcio e Finanza, noto portale che abbina le notizie sul pallone ai dati offerti dall’economia. Per il portale, infatti, già alcuni club del massimo campionato avrebbero avviato approfondimenti sul seguente tema: tagliare gli stipendi dei calciatori sotto contratto come misura per contenere il danno derivante dai mancati ricavi legati ad un eventuale sospensione definitiva del campionato di Serie A 2019-2020 per il protrarsi dell’emergenza sanitaria legata al Coronavirus. Tali approfondimenti fin qui sono stati effettuati con i legali dei rispettivi club, in modo tale da poterne discuterne con coscienza di causa nei prossimi giorni sui tavoli più importanti dello sport e del calcio nostrani.

Serie A, Tommasi: “Impossibile tornare a giocare ad inizio aprile”

COME MUOVERSI – Sempre secondo quanto raccolto da Calcio e Finanza, nel caso in cui dagli approfondimenti legali in corso emergesse la percorribilità di questa strada, l’orientamento dei club  sarebbe comunque quello di non muoversi d’imperio, ma di avviare un tavolo negoziale con l’Associazione italiana calciatori (Aic) per trovare una soluzione condivisa e accettabile. Ricordiamo che i calciatori sono lavoratori dipendenti e quindi la normativa giuslavoristica è favorevole ai datori di lavoro, i club, che in tal senso avrebbero maggior potere negoziale ad un eventuale tavolo con il sindacato dei calciatori.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy