Serie A: si pensa al “7+7”, la nuova formula per rilanciare il Totocalcio

Campionato / La FIGC pensa al rilancio del gioco nato nel 1946 introducendo qualche novità

di Luca Sardo

Il calcio e in generale tutto il mondo dello sport in Italia – e non solo – si è fermato a causa dell’emergenza del coronavirus. Un virus che sta devastando il mondo e che ha costretto la Lega a sospendere tutti i campionati. Ovviamente questa sospensione porterà la Serie A a perdere diversi milioni di euro: ecco dunque che, tra le misure pensate dai club per ridurre le ingenti perdite, si sta pensando ad introdurre nuovamente il Totocalcio in Italia per evitare un tracollo economico che potrebbe avere conseguenze negative.

Cairo: “Per me campionato finito. Giusto rimborsare gli abbonati”. E sugli stipendi…

NUOVA FORMULA – Il Totocalcio nacque il 5 maggio 1946 grazie ad un’invenzione di un giornalista triestino, Massimo Della Pergola: per vincere si doveva fare il famoso 13, ovvero indovinare i risultati finali delle partite mettendo solamente 1, X o 2. Tre soli esiti, molto più semplice rispetto a tutte le combinazioni che si possono mettere oggi nella schedina. La nuova formula del Totocalcio di cui si parlerà nelle prossime assemblee sembrerebbe quella di passare dai 13 risultati da centrare (1, X o 2), alla formula 7+7, ossia una colonna con sette risultati vincenti da azzeccare e sette parziali relativi ai primi tempi delle partite. Sette più 7, dunque. Il tutto dovrà essere accompagnato da una modifica alla legge legislativa che consenta alla FIGC e allo sport di suddividersi gli eventuali guadagni derivati da questa formula. Ovviamente tutto questo sarà possibile solamente se il campionato potrà riprendere regolarmente, cosa – al momento – ancora incerta.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy