Verdi, l’unica attrazione di Empoli-Verona

Verdi, l’unica attrazione di Empoli-Verona

Italia Granata / In un match noioso al “Castellani” il trequartista è l’unico a provarci. In Lega Pro, OK Parodi e Sperotto

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

La prima puntata del 2015 di Italia Granata è in versione ridotta : la serie B infatti è ancora ferma e il giorno della Befana hanno giocato solo serie A e Lega Pro.Continua a far bene Simone Verdi, di gran lunga il giocatore più pericoloso dell’Empoli nella brutta partita contro il Verona. E’ lui a meritarsi la copertina di oggi. In lega Pro invece registriamo altri progressi per Sperotto e Parodi. Vediamo tutto nel dettaglio.

SERIE A

VERDI (Empoli) – Bene il trequartista classe 1992 nel noioso match che l’Empoli ha pareggiato 0-0 in casa col Verona (entrambe le squadre ora sono a pari punti col Toro). In un match per cui, come per Chievo – Torino, non è sprecato l’aggettivo “inguardabile”, Verdi è l’unico che, seppur a sprazzi, prova ad accendere la luce. Parte titolare e conferma ancora una volta di aver trovato nella posizione di trequartista la sua dimensione ideale: tra le linee, grazie alla sua rapidità di gambe e di pensiero, è sempre pericoloso. Ogni azione passa dai suoi piedi. Poi, Sarri lo toglie al 67′: il centrale Tonelli si fa espellere e il tecnico sacrifica un po’ a sorpresa il suo trequartista per riparare (Voto: 6,5)

LEGA PRO

SPEROTTO (Cosenza) – Altri novanta minuti di buona fattura per il terzino sinistro classe 1992 nel match che il Cosenza ha vinto per 2-0 sul Melfi. Pur rimediando un cartellino giallo, si conferma una sicurezza per mister Roselli, che non rinuncia a lui nonostante avesse subito solo due giorni fa un acciacco alla caviglia. In Lega Pro, il ragazzo a metà tra Toro e Carpi, ci sta bene (Voto: 6)

IENTILE (Sudtirol) – Neppure in panchina il difensore classe 1995 in Sudtirol – Arezzo 4-3.

COMENTALE (Como) – Passo falso per il Como in casa: vince il Mantova 0-2. Alessandro Comentale si siede in panchina ma Colella non gli concede un minuto. Il centrocampista del 1995 è in procinto, come vi abbiamo detto nei giorni scorsi, di salutare Como.

PARODI (Ancona) – Novanta minuti per Luca Parodi nel match che il suo Ancona pareggia a L’Aquila. Su un terreno in condizioni imbarazzanti, il classe 1995 viene schierato da terzino destro e fa bene, risultando puntuale in fase difensiva e anche presente in fase di cross. Versatile e dinamico come pochi, anche lui va tenuto d’occhio con attenzione (Voto: 6,5)

GYASI (Pisa) – Neppure in panchina Gyasi nel match che il Pisa perde in casa col Forlì, ma l’attaccante esterno classe 1994 è ormai un ex giocatore della formazione toscana.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy