Belotti boom boom spedisce il diavolo all’inferno

Belotti boom boom spedisce il diavolo all’inferno

L’editoriale di Gino Strippoli – Granata gran secondo tempo e vittoria in rimonta con Sirigu salvatutto

di Gino Strippoli
È una vittoria importante nata dopo una partita difficilissima dove ha visto il Toro a due facce, quella del primo tempo dove pativa la circolazione di palla dei rossoneri, che facevano vedere sicuramente una cattiveria agonistica maggiore. I granata sembravano imballati e preda di un diavolo più in palla, infatti dopo il gol su un rigore,  davvero generoso su fallo di De Silvestri su Piatek, solo un grande Sirigu è riuscito a tenere a galla e in parità il Toro salvandolo con due grandi parate. Già, una difesa che per tutti i 45 minuti ha ballato come non mai con Lyanco apparso insicuro e impreciso, che ha messo più di una volta in difficoltà i compagni. Il Toro sembrava davvero alla deriva con il solo Belotti capace di far l’unico tiro al 48′.  Stessa difficoltà in difesa con il brasiliano Lyanco in grossa difficoltà infatti ad inizio secondo tempo Mazzarri è costretto a sostituirlo con Ansaldi portando i granata ad un cambio modulo immediato con il 4-4-2 che ha portato subito un risultato quello di mettere in difficoltà i rossoneri, stringendoli nella propria metà campo. Infine il cambio il Berenguer con Verdi, con lo spagnolo capace dopo pochi minuti di mettere tre palloni in area con cross ben dosati.
È un Toro sicuramente più pimpante e aggressivo quello dei secondi 45 minuti, con Ola Aina che inizia a impegnare, dopo un doppio dribbling, con un tiro secco Donnarumma che si salva in angolo. Il Milan concede più spazi e il Toro ne approfitta mettendo prima paura alla difesa rossonera con Verdi e Belotti al 60′ e poi andando in gol con Belotti autore di un gol davvero bello. Il centravanti granata prima punta Musacchio, lo passa in velocità e poi fa esplodere un tiro che fulmina Donnarumma, non esente da colpe. Il Milan accusa il colpo e i granata diventano una furia in attacco e la voglia di vincere passa in mano granata. Solo 4 minuti passano dal pareggio granata che una bella azione con Zaza e Belotti protagonisti portano al gol vittoria il Toro. Zaza ricevuta palla va al tiro che Donnarumma respinge una prima volta, Belotti riprende e tira da distanza ravvicinata con altra respinta del numero 99 rossonero, la palla si impenna e Belotti scaltro e sveglio  in rovesciata la butta in rete. Lo stadio Grande Torino esplode come non mai. I rossoneri si sono poi buttati  in massa in avanti e prima Kessie grazia Sirigu a tu per tu ma poi è il portiere granata che salva la vittoria con un intervento miracoloso all’ultimo minuto su Piatek. Non è stata una vittoria facile tutt’altro e il Milan nel primo tempo poteva anche andare in doppia cifra, costruendo molte occasioni da gol, ma il Toro ha sfoderato un Sirigu che oggi come oggi merita la titolarità della Nazionale  e la sfida ovviamente la vinta lui sul rossonero. Il Toro deve sicuramente migliorare, viste le magagne del primo tempo ma il carattere dimostrato nel secondo tempo fa sicuramente sperare bene.
3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Ziano - 4 settimane fa

    Vittoria conquistata con cuore e grinta ma senza gioco non può sempre andar bene, come successo contro Lecce e Samp; a centrocampo solo Ansaldi fa la differenza… ciao

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. prawn - 4 settimane fa

    442 o ritorno di N’Kolou, non credo ci siano alternative…
    Se una difesa migliora togliendo un uomo…
    Meno male che Izzo e Bremer sanno fare il 442 e che il Milan non ha sfondato sulle fascie.
    Cosa tra l’altro prevedibile, Gianpaolo ‘evita’ da sempre le fascie.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. PrivilegioGranata - 4 settimane fa

      La difesa migliora perché il centrocampo diventa più solido e la squadra più equilibrata.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy