Torino, occhio ad Amrabat: è lui la mina vagante della mediana di Juric

Torino, occhio ad Amrabat: è lui la mina vagante della mediana di Juric

Focus on / L’Hellas sorprende e gran parte del peso dei risultati positivi è da attribuire al centrocampo: Amrabat e Veloso sono indispensabili

di Redazione Toro News

La stagione dell’Hellas fin qui è stata una vera sorpresa. Buona parte del merito va al centrocampo veneto. Amrabat e Faraoni sono i nomi sulla cresta dell’onda, ma anche due vecchie conoscenze di Juric come Miguel Veloso e Lazovic hanno avuto un ruolo di fondamentale importanza all’interno del centrocampo degli scaligeri. Andiamo a conoscere il reparto centrale agli ordini del tecnico croato.

INTERPRETI – Juric fin qui ha sempre schierato un centrocampo a 4, che potesse appoggiarsi anche sulla trequarti. Il modulo più utilizzato dal tecnico croato è stato il 3-4-2-1, cambiato solo contro Sampdoria, Parma e Fiorentina (tre delle cinque vittorie dell’Hellas) in un 3-4-1-2. La filosofia dell’ex tecnico del Genoa dà al centrocampo veneto la possibilità di essere sempre in superiorità numerica. Nella linea a 4 gli attori principali sono stati: sulla destra Faraoni, fin qui sempre in campo con 2 reti e 2 assist (10° in Serie A per km percorsi, primo in casa Hellas), al centro Miguel Veloso, già alla corte di Juric a Genova, ha ottenuto lo stesso bottino tra gol e assist, scendendo in campo però “solo” 12 volte. Per affiancare il portoghese Juric ha puntato su Amrabat, diventato vero e proprio pilastro nella squadra: in 15 presenze il marocchino non ha ancora trovato la rete, ma si è senza dubbio affermato tra le sorprese della Serie A. Sulla sinistra invece Lazovic è sempre stato la prima scelta, anche lui già allenato da Juric coi grifoni, ha trovato 1 rete e 1 assist fin qui.

GOL E QUALITÀ – Dei 14 gol segnati dall’Hellas fino ad oggi, 5 sono arrivati dal reparto centrale. Se Di Carmine è attualmente il capocannoniere dei veneti con 3 reti, dietro di lui si trovano quasi tutte le pedine principali del centrocampo di Juric: Faraoni e Veloso seguono con 2 marcature a testa, mentre Lazovic è fermo ad 1. L’assente più evidente è però, come detto, Sofyan Amrabat. Il centrocampista marocchino, già seguito da Napoli e Lazio, è stato un’intuizione del direttore sportivo Tony D’Amico. Spesso messo a confronto con il più noto fratello Nordin, nazionale marocchino ed ex tra le altre di Psv e Galatasaray, Sofyan ha dato prova di grande dinamismo (15° in Serie A per km percorsi) e visione di gioco. Lo stesso Amrabat, riferendosi al primo impatto con il gioco di Juric, aveva detto:È uno dei motivi per i quali ho scelto il Verona. È un allenatore grintoso che cura anche la tattica e tutto ciò esalta le mie qualità”. Il Torino dovrà stare attento.

Lorenzo Chiariello

7 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. miele - 7 mesi fa

    Scusa, ma scritto così mi pareva che fosse già del Toro. Forse con un condizionale sarebbe stato più chiaro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. miele - 7 mesi fa

      È una risposta a Bischero finita al posto sbagliato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. miele - 7 mesi fa

    Ho visto 5 partite del Verona e Amrabat è sempre stato eccellente. Questo è un giocatore di 23 anni che servirebbe come il pane al nostro squinternato centrocampo. Complimenti al Verona che l’ha scovato e comprato, mi pare, per 3,5 M.ni, mentre le nostre volpi inseguivano fino all’ultimo minuto di mercato il 27enne Verdi per un ruolo che non era sicuramente una priorità e che a tutt’oggi, dopo 15 partite, raggiunge a stento la sufficienza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Mimmo75 - 7 mesi fa

    Amrabat è il profilo che avremmo dovuto prendere per avere un’alternativa serissima a Rincon. Un investimento per il futuro e per il presente. Dinamismo e cattiveria agonistica le sue armi migliori con piedi e velocità di pensiero e esecuzione in fase di impostazione già leggermente migliori di quelle del General. E con l’età dalla sua parte. Lo han pagato un sacchetto di lenticchie: chapeau!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Bischero - 7 mesi fa

    Con un giocatore così in mediana con rincon svoltiamo. È dinamico e sa palleggiare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. miele - 7 mesi fa

      Perché? L’ha comprato Cairo a fari ispenti?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Bischero - 7 mesi fa

        Bo. Non ho capito cosa intendi. Per me serve un giocatore con queste caratteristiche in mediana. Sopratutto fuori casa.se si vuole giocare con un centroavanti e 2 mezze punte serve una mediana a 2 di corsa e sostanza. Tolto rincon abbiamo tutti palleggiatori dal passo lento in mediana.

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy