Toro Primavera, è Morra il mattatore

Toro Primavera, è Morra il mattatore

Torino – Sampdoria, ottavi di finale Coppa Italia Primavera: le pagelle di TN / Aramu non molla, Parodi lottatore, sottotono il brasiliano Pardini

di Diego Fornero, @diegofornero

Diamo i voti ai granata in campo in questo Torino – Sampdoria 1-0, gara valida per gli ottavi di finale della Coppa Italia di categoria, coi granata che conquistano l’accesso ai quarti:

SORDI 7: Esordio perfetto per il portierone valdostano, già a Bormio l’estate scorsa con Giampiero Ventura. Salva il risultato nel primo tempo e, in generale, trasmette fiducia alla retroguardia

MAZZARIOL 6: Gara attenta, senza troppi fronzoli: a volte resta troppo avanzato e si prende i rimproveri di Longo, ma alla fine recupera sempre la posizione in tempo utile. Generoso.

BENEDINI 6: Ha il compito arduo di sostituire Scaglia e la sua prestazione è, tutto sommato, positiva, anche se si concede qualche disattenzione e, con un po’ di precisione, avrebbe potuto indirizzare facilmente in rete di testa nel primo tempo a due passi dalla porta.

IENTILE 6.5: Attento e ordinato, è lui l’insostituibile nella retroguardia granata: anche oggi partita più che sufficiente la sua, sfiorando anche la rete di testa nella ripresa

PAUTASSI 6.5: Gioca poco solo perché solitamente ha davanti Barreca, ma la qualità del terzino sinistro granata c’è e si vede. Stantuffo sulla corsia di competenza esce stremato per i crampi (44’st BARRECA: n.g.).

COMENTALE 7: Prova magistrale la sua, il centrocampo granata con lui guadagna tantissimo in termini di personalità e qualità. Sfiora la rete con un’azione capolavoro: Longo può sorridere per il suo rientro.

MORRA 7: Decide l’incontro nel modo più banale: un colpo di testa da posizione ravvicinata. In realtà, il repertorio dell’ex Verona è molto più ampio, e la sua qualità fa la differenza sulla fascia destra, considerato quanto è difficile togliergli un pallone. Con la giusta concentrazione è, potenzialmente, uno dei ragazzi di maggiore qualità, a livello di tecnica individuale, dell’intero settore giovanile del Torino.

BARALE 6: Si vede poco, il suo però è un lavoro silenzioso, fa a sportellate coi centrocampisti doriani nel primo tempo, poi cala alla distanza.

PARDINI 5.5: Sarà la sbornia di gioia per la prima rete italiana, sabato scorso col Genoa, o sarà, più semplicemente un po’ di stanchezza: Pardini non incide e sbaglia anche un paio di goal “facili”, non la sua miglior partita… (23’st CAPOCELLI 6: Ha il merito di metterci il fisico e guadagnarsi qualche fallo utile, ma in attacco non punge)

ARAMU 7: Anche quando non segna, non molla un centimetro ed è sempre a disposizione della squadra. Grinta da vero capitano, proprio l’unica piccola cosa che gli mancava nelle passate stagioni… diventerà un giocatore completo? Tutti ci crediamo.

PARODI 7: Instancabile, un lottatore nato: i suoi duelli con Petdji, fisicamente molto più imponente, ci restituiscono l’immagine di un giocatore generoso e determinato.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy