Antonio Comi, da giocatore a dirigente: 56 anni dedicati al Toro

Antonio Comi, da giocatore a dirigente: 56 anni dedicati al Toro

Figurine / Il Direttore Generale del Torino FC spegne oggi 56 candeline: per lui una vita in granata

di Redazione Toro News
comi

Antonio Comi, nato a Seveso il 26 luglio 1964, è il direttore generale dei granata dal 2011. Per lui 56 anni e una vita dedicata al Toro: dal settore giovanile all’esordio del 1983, passando per il ritorno in dirigenza nel 2001 e arrivando ad oggi. Un ruolo dirigenziale importante per uno di quelli che più di tutti conosce il mondo del Toro avendogli dedicato gran parte della sua carriera.

LEGGI ANCHEL’ultimo saluto a Vatta, Comi: “Un Maestro di vita”

Carriera da calciatore professionista che inizia ufficialmente a 19 anni, con l’esordio del 20 marzo 1983 in Toro-Fiorentina e che poi continuerà per 6 stagioni, fino ad interrompersi a causa della dolorosa retrocessione del 1989. Viene ceduto alla Roma, con cui gioca 5 stagioni e poi con il Como per un solo campionato prima di lasciare il calcio giocato nel 1995. Poi qualche anno di apprendistato e il ritorno al Torino nel 2001, ancora dal settore giovanile. Questa volta, però, prima da coordinatore tecnico e poi da responsabile dal 2003. Anche dopo il fallimento e l’arrivo di Urbano Cairo alla presidenza del Toro, Comi riveste la stessa carica sino al 2011, anno in cui viene promosso a Direttore Generale del Torino FC.

Tanti auguri da tutta la redazione di TN!

9 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. pinco pallino - 2 settimane fa

    Non capisco l’astio contro Comi, se ha la pancia se mangia ma chi se ne frega.
    Calciatore che nel Toro fece il suo, poi andó via e non è certo Roberto Cravero la nostra vera ultima bandiera. Personalmente faa piacere vedere Comi e Benedetti al TORO e che abbiano appoggiato le carriere dei figli.Perché no?Forza TORO
    Sui ragazzi, che dire?Purtroppo il gruppo ha pensato agli interessi personali, l’ “io” sempre prima del “noi”. Perché la squadra l’avevamo, adesso va rifatto tutto, in mezzo al campo e dietro, sperando che Sirigu, il miglior portiere del TORO, dell’era moderna (o ditemi uno piú forte di lui),non vada via.
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. GiaguaroGranata - 2 settimane fa

    Buon appetito

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. loik55 - 2 settimane fa

    L’articolo non è completo, perchè almeno 20 anni dedicati alla tavola…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. spiritolibero - 2 settimane fa

    Auguroni Antonio ! Vero cuore Toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Luigi-TR - 2 settimane fa

    beh…come scritto correttamente dall’autore dell’articolo ha giocato anche con la Roma e il Como quindi 56 anni dedicati al Toro non è proprio un titolo esatto…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. geloofsgranaat - 2 settimane fa

      …e soprattutto, quando il Toro fu retrocesso in B, anziché rimanere sino in fondo, se la diede a gambe verso la Roma.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. gm - 2 settimane fa

    Teniamo stretti almeno lui e Benedetti..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. geloofsgranaat - 2 settimane fa

    No comment.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Fb - 2 settimane fa

    Non so dire se sia bravo… ma e’ uno con il sangue granata ed ha garantito continuita negli anni, contributo da non sottovalutare. Lui e Benedetti

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy