LIVE! Covid-19, gli aggiornamenti del 24 aprile / Calano gli attualmente positivi, ma ci sono altri 420 morti

Diretta TN / Gli aggiornamenti di giornata, dallo sport e non solo, sulla grave emergenza sanitaria che sta affrontando il nostro Paese

di Redazione Toro News

Di seguito i principali aggiornamenti di venerdì 24 aprile, sulla situazione del Covid-19 in Italia e all’estero, relativi al mondo dello sport e non solo.

21.45 – Uno studio condotto dalla Società Italiana di Medicina Ambientale (Sima) con le università di Trieste, Bari, Bologna e l’Ateneo di Napoli “Federico II” ha confermato la presenza di RNA virale del SARS-CoV-2 sul particolato atmosferico rilevando la presenza di geni specifici, utilizzati come marcatori molecolari del virus.

20.25 – Come riportato da La Gazzetta dello Sport, il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha firmato la conversione in legge, con alcune modifiche, del Cura Italia. Il dl approvato dal Parlamento oggi, reca le misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19.

18.40 – Eredivisie, in Olanda il campionatoi si ferma. Dunque, Ajax primo, ma il titolo non verrà assegnato. Per le prossime competizioni europee, varrà invece la classifica alla 26^ giornata.

18.00 – Come di consueto, ecco il bollettino diramato dalla Protezione Civile. Dall’inizio dell’emergenza, almeno 192.994 persone hanno contratto il virus Sars-CoV-2 (3.021 in più rispetto a ieri, per una crescita dell’1.6%; ieri +2.646). Di queste, 25.969 sono decedute (+420, +1.6%; ieri +464) e 60.498 (+2922, +5.1%; ieri +3033) sono state dimesse. Attualmente i soggetti positivi dei quali si ha certezza sono 106.527 (il conto sale a 192.994 — come detto sopra — se nel computo ci sono anche i morti e i guariti, conteggiando cioè tutte le persone che sono state trovate positive al virus dall’inizio dell’epidemia).I pazienti ricoverati con sintomi sono 22.068; 2.173 (-94, -4.2%; ieri -117) sono in terapia intensiva.

Il Piemonte (+2,9%) è la regione con il più alto tasso di crescita dei positivi rispetto a ieri davanti al Veneto: (+2,1%), alla Sicilia (+1,9%) ed alla Liguria: (+1,8%).

16.35 – L’Organizzazione mondiale della sanità ha dato avvio a un’iniziativa globale che riunisce molti paesi, tra cui Francia e Germania, per accelerare la produzione di vaccini, trattamenti e test contro il nuovo coronavirus e garantire un accesso equo, requisito fondamentale dottolineato dal Presidente francese Macron. “Questa è una collaborazione storica per accelerare lo sviluppo, la produzione e l’equa distribuzione di vaccini, tamponi e trattamenti contro Covid-19”, ha affermato il capo dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus

15.28 – Germania, la ripresa della Bundesliga sembra davvero indirizzata alla ripresa il 9 maggio. Si attende solo il via libera dal del Governo.

14.50 – A Roma nella mattinata di oggi, per circa 3 ore si è svolta una prima sperimentazione nella fermata della metro di San Giovanni. Il personale Atac ha contingentato gli ingressi: alla fermata hanno avuto accesso gruppi di 30 passeggeri, tutti muniti di mascherina, ogni 3 minuti. L’obiettivo era quello di avere un massimo di 150 persone sui convogli.

14. 45– Come riportato da Gianluca Di Marzio, Giovanni Rezza, dirigente di ricerca dell’Istituto Superiore di Sanità, ha commentato così riguardo ad un’eventuale ripresa del calcio: “Far ripartire il calcio è una decisione difficile, non mi sembra che ci siano le condizioni per rischio zero. Il distanziamento sociale mi sembra scarsamente applicabile. Dal punto di vista tecnico il calcio implica il contatto diretto e quindi controlli molto stretti su un numero di persone molto ampi. L’assunto è che si gioca a porte chiuse, ma ci sono 22 giocatori in campo e intorno ci sono almeno 200 che stanno intorno. I controlli da fare dovrebbero essere a cadenze molte strette“.

14.28 – In un’intervista rilasciata a TuttiConvocati, Pierluigi Collina ha espresso la propria opinione riguardo alla l’ipotesi di ripresa del campionato senza l’utilizzo delle sale VAR. L’ex arbitro ha così commentato: “Non si può passare da un campionato in cui viene usato il VAR ogni due per tre e uno in cui viene usato poco e nulla. Per questo dobbiamo renderne l’utilizzo più omogeneo”.

13.54 “Se non osservassimo le cautele del caso, a partire dal distanziamento sociale, in fase 2 si rischia di tornare con l’indice di contagio R0 sopra l’1 in due settimane, anche meno”. Lo ha detto Lo ha detto il direttore del dipartimento malattie infettive dell’Istituto Superiore di Sanità Gianni Rezza.

13.52 In Lombardia “ci sono centinaia di casi che hanno avuto sintomi prima di febbraio”. Lo ha detto Stefano Merler dell’Istituto Kesler alla conferenza stampa all’Iss sull’andamento epidemiologico dell’epidemia di Covid-19. “Credo – ha detto – ci siano state introduzioni multiple del virus, e ciò spiega come mai al 20 febbraio ci siamo trovati gia’ con centinaia di casi”

12.49 Su circa 4.500 casi di Covid notificati tra l’1 e il 23 aprile, il 44,1% delle infezioni si è verificato nelle Rsa, il 24,7% in ambito familiare, il 10,8% in ospedale o ambulatorio e il 4,2% sul luogo di lavoro. E’ quanto emerge dai risultati preliminari di uno studio Iss sulle fonti di infezione in pieno lockdown, presentati oggi in conferenza stampa.

12.36 Sempre Brusaferro ha aggiunto: “La curva mostra che i sintomatici si riducono, ma ci sono ancora casi, anche questi però in riduzione. Aumenta l’utilizzo dei tamponi. Crescono gli asintomatici o coloro che hanno patologie lievi e si riducono i pazienti critici. Inoltre le età più avanzate, con più patologie, sono a maggior rischio mortalità'”.

12.27 Conferenza stampa dell’Istituto superiore di sanità (Iss). Brusaferro: “La situazione epidemiologica è nettamente migliorata ma c’è una circolazione del virus che continua e di cui tener conto, e ci vuole cautela nelle misure di riapertura. Il numero dei casi di Covid-19 si sta riducendo dappertutto, ma è ancora necessaria prudenza rispetto alle misure di riapertura perché la situazione è diversificata nel Paese”.

12.20 La Spagna registra 367 vittime nelle ultime 24 ore, il bilancio giornaliero più basso da un mese a questa parte. Lo riferisce il governo spagnolo. Il totale delle vittime passa quindi da 22.157 a 22.524. I casi totali nel paese passano da 213.024 a 219.764.

11.52 Ai microfoni di Radio Due ha fatto il punto della situazione il presidente del Coni Giovanni Malagò: “La ripresa non potrà che essere progressiva. Mi auguro il 4 maggio come data di una lenta ripartenza” (LEGGI QUI)

11.35 “La curva si è piegata, possiamo guardare con fiducia al futuro, ma con cautela. Ci sono le condizioni per programmare il domani ma con i piedi ben piantati nell’oggi. Il virus circola ancora nel nostro territorio, guai a pensare che la battaglia sia vinta. Abbiamo creato le condizioni ma adesso prudenza e gradualità massima, siamo davanti a un nemico difficile”. Cosi’ il ministro della Salute Roberto Speranza.

10.43 Nel mondo sono ormai stati superati i 2,7 milioni di casi di coronavirus, con quasi 191 mila morti. Secondo il bilancio fornito dalla Johns Hopkins University, i contagi sono stati finora 2.709.408 mentre i decessi 190.858.

10.19 Junior Sambia del Montpellier in terapia intensiva, sospetto caso di Coronavirus. Lo scrive L’Equipe, mentre il club francese in un comunicato generico conferma solo il ricovero di un suo giocatore per “problemi digestivi e respiratori”. Sarebbe il primo caso di positività in Ligue 1.

10.03 Un giocatore della squadra austriaca dell’Sv Mattersburg è stato posto in quarantena a seguito di un tampone positivo. In Austria gli allenamenti delle squadre sono ripresi lunedì scorso con precise disposizioni a seguito dalla pandemia di Coronavirus. Il giocatore non si è presentato in campo alla ripresa degli allenamenti. La formazione ha ripreso gli allenamenti con gruppi suddivisi per ruoli. Nei tamponi eseguiti agli giocatori “non è stata notata nemmeno una carica virale debolmente positiva”. La società ha fatto sapere che “il giocatore è in quarantena e verrà nuovamente testato in coordinamento con le autorità prima di poter prendere parte agli allenamenti”.

9.33 La ministra dei trasporti e delle infrastrutture Paola De Micheli, in un’intervista al Corriere della Sera, parla delle misure previste per i trasporti nella fase 2. “Nel prossimo decreto legge, ci saranno incentivi per l’acquisto di bici, bici elettriche e monopattini. Stiamo predisponendo misure legislative che potranno aiutare perché modificheremo il codice della strada per consentire l’apertura di piste ciclabili in via transitoria anche solo con segnaletica orizzontale e anticiperemo risorse”. E poi aggiunge: “La riapertura sarà graduale. Ci saranno regole chiare nelle stazioni dei mezzi pubblici e negli aeroporti, in particolare segnaletica e percorsi guidati per garantire flussi unidirezionali in entrata e uscita e il distanziamento sociale di un metro. I mezzi viaggeranno al massimo col 50% dei posti occupati. E ci vorrà personale per controllare il rispetto delle regole”. E ancora: “Diventa fondamentale differenziare gli orari di lavoro, un tema sul quale stanno lavorando i ministri del Lavoro e dello Sviluppo con le associazioni imprenditoriali e sindacali”.

9.31 Secondo i dati del Robert Koch Institute sono 2.337 i nuovi casi di positività in Germania, che portano il totale a 150.383. Le vittime aumentano di 227 e portano il numero complessivo a 5.321.

9.30 Il presidente americano Donald Trump non esclude la possibilità di estendere le linee guida sul distanziamento sociale fino all’estate: “le estenderemo fino a quando non ci sentiremo sicuri”. Intanto gli Stati Uniti si avvicinano 50.000 morti per Coronavirus. I casi accertati sono 866.646 e i decessi 49.759.

Bentrovati amici di Toro News: in questo articolo troverete tutti gli aggiornamenti, minuto per minuto, sulla situazione Covid-19 e sulle sue ripercussioni per il mondo sportivo e non solo. Lo sport è stato fermato in tutta Europa, con svariati campionati di diverse discipline che  sono stati interrotti fino a data da destinarsi. Già rinviati anche Euro 2020 e le Olimpiadi di Tokyo 2020.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Madama_granata - 6 mesi fa

    La ripresa della Bundesliga sarà il 9/5?
    Bene, allora lasciamo ai tedeschi la palma di essere
    “i primi”, e noi stiamo ad aspettare e a vedere cosa succede…
    Tra l’altro in Germania il numero dei “colpiti dal virus” è infinitamente inferiore a quello dell’Italia.
    Nel nostro Paese il numuro dei morti e dei contagiati, detto da medici, sarebbe da moltiplicare almeno “X 10”, considerando tutti coloro, tantissimi purtroppo, che sono stati ignorati, a cui la sanità pubblica non ha neppure dato risposta (“Ha tosse e febbre? Bene, se ne stia a casa sua e si metta in quarantena”).
    Aggiungiamo gli asintomatici, tutti quelli con sintomi lievi e i tanti morti nel loro letto, senza aver ricevuto né assistenza, né ricovero.
    Quindi:
    “Tutto va bene, tutto migliora e il calcio può ripartire..
    Ma con cautela, eh, mi raccomando!!!”.
    Bene, i “Signori e Padroni del calcio nostrano” vadano a dirlo ai parenti dei 420 morti di oggi o dei 464 morti di ieri..
    E ai numerosi “nuovi infetti”…
    Che manchino, o non possano lavorare, medici e contadini, operai ed agricoltori poco importa:
    L’importante è che “riparta la serie A”!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy