Col Varese si valuta la forza del Toro

 

La prova contro il Padova ha mostrato un Torino non in perfette condizioni dal punto di vista psicofisico. D’altronde la squadra era reduce da tre settimane di inattività forzata e il ritorno alle competizioni non è mai semplice. La gara dei granata è però stata contraddistinta ancora una volta dall’incredibile forza di volontà: sotto di 1-0 Bianchi si è…

di Edoardo Blandino

 

La prova contro il Padova ha mostrato un Torino non in perfette condizioni dal punto di vista psicofisico. D’altronde la squadra era reduce da tre settimane di inattività forzata e il ritorno alle competizioni non è mai semplice. La gara dei granata è però stata contraddistinta ancora una volta dall’incredibile forza di volontà: sotto di 1-0 Bianchi si è caricato la squadra sulle spalle e l’ha trascinata al pareggio.

Domani contro il Varese servirà una prova maiuscola e il Torino non si potrà permettere di regalare gran parte del match agli avversari. Le matricole lombarde sono una compagine estremamente pericolosa, specialmente in casa, dove non hanno ancora perso in questo campionato, centrando 5 vittorie e 5 pareggi. Non è dunque un caso che in classifica occupino il quarto posto, due punti più in alto del Torino.

All’andata una squadra in pieno cantiere aperto venne surclassata sul piano fisico. Oggi i granata sono una squadra formata: c’è ancora molto su cui si può lavorare, ma questo gruppo è un lontano parente di quello di inizio anno. Dopo la sconfitta con il Frosinone la squadra ha toccato il fondo del barile ed ha voltato pagina: da allora sono arrivati 10 risultati utili consecutivi ed è cominciata la rincorsa alle zone alte di classifica. Domani sarà dunque un test impegnativo per capire dove potrà arrivare questo Torino. L’esito finale non indirizzerà né in un verso, né nell’altro il resto della stagione, ma darà un segnale importante in vista del futuro.

Intanto, Petrachi pensa a come rinforzare la squadra. Dopo i vari addii, ieri è finalmente arrivato il primo giocatore: si tratta di Alessandro Budel, esperto giocatore per questa categoria. L’ex Brescia non sarà però l’unico arrivo. In programma il DS del Torino ha ancora qualche colpo. Bisognerà solo attendere il momento propizio per comporre il mosaico e affondare il colpo.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy