Il Toro contro la Fiorentina fa la partita e vince

Il Toro contro la Fiorentina fa la partita e vince

L’Analisi di Gino Strippoli / I granata sono più squadra dei Viola e i tre punti sono meritati

di Gino Strippoli
torino

Nulla da eccepire sulla vittoria del Torino contro la Fiorentina, più che meritata visto che per quasi tutta la gara i granata hanno fatto la partita giocando in maniera ordinata e pungendo il giusto con un ottimo Zaza in grande spolvero dopo tanta panchina. Il ragazzo è stato bravo non solo per il gol segnato ma anche perché si è sempre fatto trovare pronto in ogni momento. Ma il Toro oggi ha trovato anche un Bremer pressoché perfetto insieme ad Ansaldi sicuramente il migliore il campo. L’argentino ha creato con una bella azione e assist per la testa del numero 11 granata il primo gol del Torio e poi ha messo al sicuro il risultato con un bel tiro dopo un’azione personale, iniziata però da Ola Aina.

Sicuramente, non me ne vogliano gli amici viola, la Fiorentina che ha giocato ieri al Grande Torino è sicuramente la squadra più brutta vista in questa stagione. Molto confusionari e macchinosi, ogni volta che cercavano di imbastire un’azione. Ecco perché il Toro ha avuto vita facile, senza contare l’inconcludente Chiesa, suo uomo più forte, mai in partita rispetto alle sue qualità.
Nonostante questa superiorità il Toro ha come al solito regalato brividi ai suoi tifosi. Infatti al minuto 61 Sirigu si è messo a fare muraglia su Chiesa e sulla seconda palla Sottil non è riuscito a intervenire da posizione facile. Al 69′ ancora la Fiorentina pericolosa con Sottil che si libera in area e tira un siluro che Sirigu respinge bene. Arriva dopo due minuti il raddoppio granata e meno male visto che poi negli ultimi minuti Bremer si erge a salvatore della patria respingendo un tiro a botta sicura di Pedro. Passa solo un minuto e ancora è Sirigu che para a terra un tiro di Milenkovic. Al 91′ arriva il gol di Caceres su assist di Chiesa, l’unica cosa buona fatta dall’esterno gigliato. Poi, negli ultimi due minuti in cui la Fiorentina ha tentato il tutto per tutto, la squadra granata ha tenuto bene con una bella barriera davanti a Sirigu.
La vittoria è importante, ma quei rischi finali sono determinati sicuramente da una paura di vincere. È la seconda vittoria consecutiva che toglie nei guai della classifica il Toro e mette in grosse difficoltà la Fiorentina con l’allenatore Montella sicuramente sulla graticola e a rischio esonero.

Quello che è piaciuto del Toro sono la voglia di vincere che ha messo in campo sin dal primo minuto e la voglia di essere squadra, dimostrando buona determinazione. C’è da dire che per la prima volta il Toro ha giocato con un 4-3-3 con un centravanti sempre in area  avversaria, e questo dice molto anche sul risultato.
Una vittoria che non placa la contestazione visto che sia l’allenatore Mazzarri sia il presidente Cairo sono stati coperti di cori non positivi durante la partita, anche quando il Toro era in vantaggio di un gol.
Per dire che questo Toro sia uscito definitivamente dalla crisi tecnica bisognerà aspettare partite più importanti, però uscire da una crisi di risultati è sicuramente un buon inizio.

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Fabio - 10 mesi fa

    Non sia troppo triste, signor Strippoli, alla prima occasione in televisione potrà di nuovo gettare un po’ di fango addosso a Cairo e a Mazzarri. Grandissimo tifoso! Però allo stadio sempre con il biglietto gratis, eh?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Toro Forever - 10 mesi fa

    Mazzarri ha detto che l’importante è fare un gol in più degli avversari. Banale forse, ma è la verità. È impossibile oggi non concedere nulla a qualsiasi Squadra. Basta leggere i punteggi delle partite. Tutti corrono, tirano e creano molto più di prima. Vincono quelli che corrono, tirano e creano di più degli avversari. Esiste poi sempre l’effetto “natta”. Ma al Toro si appalesa raramente, anche se, quando capita, è più che “benvenuto”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-13967438 - 10 mesi fa

    Ero in volo intercontinentale e ho visto la partita registrata solo stamani…
    Beh, che dire…
    Intanto il modulo che prevede i 3 avanti o il 2-1 ha finalmente trovato la luce e si è visto che così la squadra gioca con voglia di vincere e non con l’intenzione di arenarsi in un possesso palla sterile.
    Per contro mi trovo d’accordo sulla analisi di Mazzarri circa l’assenza di equilibrio, perché quando è finita la brillantezza muscolare e siamo calati fisicamente abbiamo sì cambiato modulo ma abbiamo perso ogni distanza tra singoli e tra reparti e su quello c’è tanto da lavorare.
    Meno male che qualcuno ha acceso la luce prima della 3ª giornata del girone di ritorno come l’anno passato.
    È dai piccoli dettagli, infatti, che si scorge che l’andazzo sta per cambiare, e i risultati ne saranno la conseguenza, anche se non mi aspetto che siano buoni come quelli dello scorso anno.
    Papillon

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Conta7 - 10 mesi fa

    Il modo in cui li siamo andati a prendere e li abbiamo letteralmente dominati nel primo tempo dimostra ancora una volta che tatticamente Mazzarri è un maestro!
    Dobbiamo solo ottimizzare la condizione per essere in grado di giocare quel calcio aggressivo per 70/80 minuti…
    (Avete sentito cosa ha detto Conte a riguardo post Inter-Roma?)
    Fiducia, fiducia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Madama_granata - 10 mesi fa

    Mi sembra un’analisi troppo negativa: a leggere queste valutazioni pare che “la peggior Fiorentina” abbia assediato costantemente Sirigu e la porta del Toro.
    La partita racconta un’altra storia, anche se ovviamente anche i viola hanno avuto alcune occasioni, peraltro sventate dal solito SuperSirigu e dalla nostra difesa.
    Magari il Toro avesse giocato con questo modulo, con questa grinta e con questi risultati durante tutto il campionato!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy