Immobile, Quagliarella e Zapata non smettono di segnare. Adesso il Toro li rimpiange

Immobile, Quagliarella e Zapata non smettono di segnare. Adesso il Toro li rimpiange

Curiosità / I tre sono stati in orbita granata, prima di approdare nelle rispettive squadre

di Marco De Rito, @marcoderito

POCHI GOL

AS Roma v Torino FC - Serie A

E’ un Torino che fa difficoltà a segnare. Solo 24 gol fatti in 20 giornate, il 12° attacco della Serie A e, per una squadra che ha ambizioni europee, il dato è deludente. Contro la Roma altre occasioni gol sbagliate: come le due di Belotti – prima su assist di Iago Falque e poi di Berenguer – e anche quella di Iago Falque alla fine della ripresa. Sette i gol siglati sin qui dal capitano del Toro – nove se si considera anche la Coppa Italia – il dato non è negativo ma da lui ci si aspettava di più. Andando a guardare fuori dal Toro, infatti, si nota che gli attaccanti delle dirette concorrenti segnano di più e tre di loro sono ben conosciuti nell’ambiente granata.

50 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. gianTORO - 11 mesi fa

    …SE ARRIVASSERO PALLE GLI ATTACCANTI LE METTEREBBERO DENTRO….A NOI NN SERVE UN ATTACCANTE SERVONO GIOCATORI CHE BUTTINO IN MEZZO PALLE DI QUALITA’…E BON.
    LA LEGGE DEI NUMERI: 2 CROSS FORSE DI CULO UN GOAL, 10 PALLE FORSE ALMENO 2 GOALS.
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Junior - 11 mesi fa

    Io penso che un calciatore debba sempre parlare in campo; vedere il goal di Quagliarella e i goal di Muriel per capire la differenza tra un calciatore e un uomo che da calci al pallone ; tutto il resto sono chiacchiere!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-14134673 - 11 mesi fa

    RIPETO QUAGLIARELLA UOMO DI MERDA SE VI PIACEVA TANTO ORA TIFATE Doria….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. GlennGould - 11 mesi fa

    Granatismo, passione granata diversa dalle altre etc.. ma non è questo il nostro mantra?
    Si? E allora, chi lo rivuole, mi spieghi come si fa a rimpiangere uno che SEGNA IN UN DERBY E NON ESULTA.
    Sto aspettando.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. iard68 - 11 mesi fa

      Quello è il mantra di un gran numero di nostalgici… (dove per mantra si intende, generalmente, una cantilena abbastanza noiosa, che addormenta gli ardori e ti fa sentire in pace col mondo…), di sicuro non il mio! Mi sta bene un po’ di granatismo, ma la passione in senso letterale (il patire fino alla fine), quella la lascio agli irriducibili dalle sinapsi confuse. Quagliarella lo rimpiango eccome perché era forte, e me ne fotto se non ha esultato nel derby e non si è genuflesso di fronte alla curva. Rimpiango Immobile che se n’è andato perché non potevamo pagarlo abbastanza. Rimpiango Cerci che mi ha fatto godere un anno e mezzo, anche se non era un genio e ha una moglie stupida. Rimpiango Ljaijc ed i suoi piedi buoni, che da qualche mese rimpiangono quasi tutti… e pazienza se non era un cuor di leone con il fisico da bufalo e non faceva cento km di corsa per partita (ma correva, eccome se correva). Certa gente schiferebbe anche Messi, se non fosse disponibile a recitare qualche “favola granata” in tv… Con il mantra (se è solo questo) non si va oltre il decimo posto. Altro che colpa di Cairo…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Conta7 - 11 mesi fa

    Se davanti hai uno che come tocca palla fa gol (e se li inventa pure dal nulla), poi diventa facile giocare a pallone…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. prawda - 11 mesi fa

    Dei tre credo che l’unico che si possa realmente definire un errore da parte del Torino sia stato Immobile, che alla Lazio percepisce 3M di contratto solo dopo il rinnovo vale a dire da ottobre 2018; quando la Lazio lo acquisto’ nel 2016 dagli spagnoli l’ingaggio di Immobile era di 2M, esattamente quello che percepiva al Borussia prima e al Siviglia dopo e con ancora tre anni di contratto. La Lazio lo prese a 8M ed alle medesime condizioni contrattuali che aveva con gli spagnoli, quello che il Torino a torto o a ragione non volle dare. A posteriori fu probabilmente una scelta decisamente errata.
    Per quanto riguarda Quagliarella credo che andrebbero ricordate le prestazioni in quel girone d’andata, 5 reti in 18 partite, oltre alle famose scuse dopo il rigore alla curva del Napoli; fu ceduto a 33 anni, alle medesime cifre a cui fu acquistato, a gennaio arrivo’ in sostituzione Immobile, non credo anche a posteriori sia stata una scelta sbagliata.
    Per quanto riguarda Zapata, fu accostato per diversi anni al Torino e se vi siano state delle vere trattative lo sanno solo i diretti interessati, ma sarebbe stata sempre e comunque una alternativa a Belotti, non certo a Niang; vale a dire se fosse arrivato Zapata significava la partenza di Belotti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Filadelfia - 11 mesi fa

      Se arrivava Zapata e partiva Belotti si faceva l’affare del secolo. Nel TORO manca la lungimiranza.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. prawda - 11 mesi fa

        Puo’ darsi tu abbia ragione, anche se in quel momento la valutazione di Belotti era decisamente superiore ed anche il rendimento. In ogni caso, ad oggi, Zapata dopo sei stagioni e mezzo in serie a ha realizzato 54 reti, Belotti con una stagione in meno 61 reti.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. user-13964747 - 11 mesi fa

    La tifoseria continua a sostenere il gallo che ormai da un anno ha la testa altrove oltre a non avere i piedi buoni … possiamo cambiare tutti gli allenatori di sto pianeta ma se mancano i fondamentali in attacco….vendiamo belotti teniamoci millico e zaza e prendiamo un centrocampista che costruisca gioco

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. iard68 - 11 mesi fa

      A favore del gallo mi sento di spezzare ancora una lancia… Magari non avrà più la testa di due anni fa e di sicuro non ha i piedi buoni… ma come fa a fare i gol (che sono il suo mestiere) se gioca a 30 mt dalla porta, se fa il terzino, il mediano, il suggeritore (un disastro), tutto meno che il centravanti? Persino nei calci d’angolo, lui che è forte di testa, è posizionato ultimo della fila, sul secondo palo… E per piacere, non cominciate con Millico… magari diventa un fenomeno, speriamo, perché sarebbe il primo dopo Lentini… E in mezzo ne abbiamo battezzati tanti di fenomeni, Parigini ed Edera compresi…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. morassut.maur_9001655 - 11 mesi fa

    L’unico per il quale c’è rammarico è quagliarella, mandato via per le pippe mentali di una frangia della tifoseria che così, adesso, si tiene zaza. Bene vero?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. valex - 11 mesi fa

    Siamo proprio sicuri che nel Toro di testadighisa i vari Immobile, Zapata e Quaglia farebbero i gol che hanno fatto nelle loro attuali squadre?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Grizzly - 11 mesi fa

      Gli stessi probabilmente no, ma credo che qualcuno in più sì e la nostra classifica sarebbe ben diversa, con almeno 5/6 punti in più (che erano sicuramente alla nostra portata) dove saremmo?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. user-14134673 - 11 mesi fa

    Un uomo di merda come Quagliarella non si rimpiange nemmeno se facesse 100 gol a campionato. Non ha esultato nemmeno quando ha segnato contro la Juve merda. QUAGLIARELLA71!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. valex - 11 mesi fa

      Ma vaff…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. iard68 - 11 mesi fa

      Ma fatti furbo! L’uomo di merda non è certo quello che sceglie liberamente cosa fare (e magari non sceglie come piace a te) e se ne assume la responsabilità. Molto ma molto più uomo di merda è colui che recita a soggetto, per compiacere quelli come te. E sono in tanti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Grizzly - 11 mesi fa

    Immobile alla Lazio percepisce 3 milioni netti più bonus se non è rimasto da noi non è certo per colpa nostra o magari c’è qualcuno che li tirava fuori di tasca propria?

    Quagliarella non l’ha mandato via la società e comunque cerchiamo anche di ricordarci che nell’ultimo periodo non è che facesse sfracelli ed era comunque un trentenne non una promessa come il Gallo, certo paragonato alla pochezza di adesso anche Pellissier potrebbe ritornare!!

    Zapata non lo possiamo neanche giudicare visto che non è mai stato sotto contratto con noi, perchè con i se e i ma avremmo almeno 6 o 7 punti in più in classifica e parleremmo di tutt’altro. Comunque l’anno scorso Zaza ha segnato più di Zapata quindi sulla carta non era un’operazione assurda, se fosse arrivato Zapata avremmo tenuto fuori il Gallo? Io non credo, come al solito è sempre facile parlare a posteriori, ma un Gallo così poco incisivo in tutto, non solo per i soli 3 gol su azione, chi se lo poteva immaginare?

    Per non parlare di Iago che non salta più l’uomo e non riesce più a tirare in porta… solo una questione di posizione? io non credo anche perchè Mazzarri gli da possibilità di spaziare dove vuole per sfruttare le sue qualità, se però non riesci a fare neanche una giocata brillante in tutta la partita, di testa non centri neanche la porta e tiri sul palo un’occasione enorme… non stiamo neanche a parlare di schemi tanto non conta una nulla.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Diego Madrid - 11 mesi fa

    Mah no… Noi abbiamo Belotti…il nostro capitano…bla bla bla, un monumento per Belotti dai.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Wallandbauf - 11 mesi fa

    Zapata lo volevo eccome già prima, immobile non voleva rimanere e quagliarella l’abbiamo scelleratamente cacciato noi. A parte zapata che si sapeva fosse forte, ne farei più una questione di gioco, non di gol non fatti. Creiamo poco, siamo messi bene in campo ma non sappiamo bene come si manda in gol un attaccante. C’è poco da fare, se all’oro preferiamo la legna si fa possesso, si corre tanto ma non si crea una mazza

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Marco59 - 11 mesi fa

    “Chi è causa del suo mal pianga se stesso”, dice un vecchio, saggio proverbio.

    Tuttavia c’è da dire che, in questa squadra, dalla contola in su c’è il nulla assoluto, mentre Zapata ha il supporto del fortissimo Papu Gomez e di Ilicic, mentre Immobile ha, ai suoi fianchi, Savic e Carlos Alberto.

    Anche Quagliarella è fortissimo in area ed è in grado di risolvere una partita.

    In ogni caso, imperdonabile non aver riscattato Immobile dal Siviglia, ma soprattuto Zapata doveva solo firmare il contratto, poichè tutto era stato definito, ma il serbo gli ha preferito Niang, l’ennesima scommessa persa (e io ho detto che lo era già in partenza, vista la “professionalità” del soggetto, prima ancora che si concludesse l’operazione).

    Ancora una volta il problema di queste scelte scellerate va ricercato nei quadri dirigenti, certamente non all’altezza e troppo “influenzabili” dai voleri dell’allenatore.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Hastasiempre - 11 mesi fa

    beh …..lè mia lè tua lè morta l’umbria ……..quaglia , immobile o zapata , tutta nà cazzata….basta far giocare il Gallo e Jago nel loro ruolo naturale e i gol li fanno ,cazzo se li fanno .
    Certo che se arriva uno E SNATURA COMPLETAMENTE due giocatori x noi fondamentali e ne modifica x un suo credo tattico sia i compiti che la posizione in campo x di più svendendo l’unico in rosa dotato di fosforo , possiamo farci tutte le seghe mentali del mondo …ma nulla può modificare un dato di fatto .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marco59 - 11 mesi fa

      Assolutamente d’accordo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. alrom4_8385196 - 11 mesi fa

        Perfetto ,il problema sta soprattutto nel manico.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Filadelfia - 11 mesi fa

          Il manico della SAMPDORIA è migliore del nostro?

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. iard68 - 11 mesi fa

            Puoi dirlo forte. Anche scriverlo se vuoi. E’ di gran lunga migliore. Non che ci voglia molto…

            Mi piace Non mi piace
    2. Grizzly - 11 mesi fa

      L’unico dato di fatto è che sbagliamo gol incredibili perchè le occasioni le creiamo oppure non hai visto il colpo di testa di Iago o il suo palo? o forse non hai visto il pallone che ha dato Berenguer al Gallo o forse non hai visto De Silvestri contro la Lazio (ma anche contro la Roma) o forse non hai visto Belotti e Zaza lisciare il pallone da soli in mezzo all’area o le ciabattate del Gallo o i suoi tiri da fuori sbilenchi? Iniziamo a segnare almeno qualcuna delle occasioni che abbiamo e poi vediamo se la colpa è del modulo o di chi sta in campo.
      Davanti abbiamo dei limiti tecnici enormi, Iago usa un solo piede e penso che sia palese a tutti, il Gallo non è in grado di tirare da fuori area, ha un controllo di palla molto approssimativo e ultimamente non vince neanche i contrasti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. biziog - 11 mesi fa

    Signori, per favore… con il gioco di Mazzarri i tre in questione che segnano gol a raffica da noi non ne avrebbero fatti manco 5…
    L’atalanta ha una squadra compatta che quando attacca lo fa in 7-8 e Zapata ha Gomes e Ililic
    Immobile ha Luis Alberto, Correa Milinkovic… e Quaglierella gioca in una squadra propositiva che ha come obiettivo segnare, produrre gioco…
    Tutte le squadre in questione giocano con almeno due giocatori che sappiano fare l’ultimo passaggio, noi abbiamo il solo Falque (e non è neanche il suo ruolo perché Falque è un’ala alta, non un trequartista/rifinitore). Ne avevamo uno in squadra e l’abbiamo cacciato…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Daniele abbiamo perso l'anima - 11 mesi fa

    Immobile sbagliarono a non aumentargli lo stipendio ai livelli del Gallo, sennò sarebbe rimasto. Quindi fu un errore di valutazione, nel senso che in società pensavano che a Belotti fosse un campione da 100 mln mentre Immobile si poteva perdere…

    Zapata è un non-regalo di Sinisa che gli preferì Niang.

    Quagliarella è un discorso a parte: non ha mai legato con noi tifosi e noi siamo così romantici che non vederlo esultare nel gol durante il derby ci ha allontanato ulteriormente da lui. Ci sta. Non siamo compatibili, lui dopo tutto ha giocato con juve Udinese e Sampdoria …agli antipodi del Toro.,

    Le responsabilità a mio avviso sono su Immobile e Zapata , e chi doveva vederci lungo in questi casi era Petrachi. DS secondo molto molto sopravvalutato (da alcuni di noi e da Cairo, non dal mondo, infatti non c’è la coda per accapararselo )

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Grizzly - 11 mesi fa

      Su Immobile non potevamo farci niente, guadagna 3 mln più bonus…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. granata70 - 11 mesi fa

    Immobile è voluto andar via lui e Zapata non lo abbiamo mai preso ma Quagliarella è solo colpa nostra, di noi tifosi che ci siamo accaniti su un calciatore di estrema professionalità e serietà. Tante volte prendiamo posizioni contro il nostro interesse e questo è il caso più lampante dell’ultimo decennio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. dennislaw - 11 mesi fa

    non condivido le scuse puerili di chi dice “se ne volevano andare…”, di Immobile avevamo il diritto di riscatto a 9 milioni, La Lazio lo ha preso per 8 e non è che è andato al Real Madrid…per cui…Quagliarella era del Toro ed è stato ceduto per 3, un piatto di lenticchie. Fa bene chi ricorda che il vice Belotti a un ceto punto era Sadiq..per non parlare di Carlao e Ajeti di Milinkovicn Savic, il Donnarumma serbo che neanche la Spal vuole come riserva o il fenomeno Damascan, o Niang valutato quasi il doppio di Ljajic. che è andato via perchè Petrachi e Mazzarri non lo volevano più tra i piedi ed era relegato in panchina pur giocando bene.. certo oggi bisognerebbe far giocare assieme Belotti, Zaza e Iago e non una partita ogni tanto …ma ci vorrebbe un allenatore…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Toro71 - 11 mesi fa

    Gigi Radice a gente come Zaza, Iago Falque e Belotti li avrebbe fatto filare!!!! Altro che paragoni surreali con Sala, Pulici e Graziani. Io critico spesso Mazzarri però se questi 3 pseudo-attaccanti non segnano neanche a porta vuota tutte le colpe non sono sue. Vogliono puntualmente l’adeguamento dell’ingaggio e, una volta ottenuto, non hanno più mordente (vero Iago Falque). I contratti andrebbero fatti con una base fissa e l’altra in base al rendimento. Cairo fatti furbo!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. suoladicane - 11 mesi fa

    VOGLIAMO ESSERE DIVERSI,CREDIAMO DI ESSERE DIVERSI
    ma nel calcio di oggi, è abbastanza complicato, perchè il progetto sportivo delle società di calcio non segue le aspirazioni della tifoseria (i clienti) se non a Venaria dove vige il credo “vincere sempre e comunque, non importa come”
    allora se la società interpretasse in qualche modo le aspirazioni della tifoseria (i suoi clienti) data l’impossibilità di essere competitivi a costi ragionevoli, credo dovrebbe mettere in piedi una squadra fatta solo di giovani, per la maggior parte provenienti dal vivaio (cito sempre il TORO di Giacomini).
    Fatto questo, e dichiarato chiaramente che gli obiettivi sarebbero la salvezza ed al massimo il 10^ posto, non cambierebbe nulla in termini di presenze allo stadio o di abbonamenti alle pay tv, ma si sarebbe centrato l’obiettivo: soddisfare almeno parte delle aspirazioni della tifoseria.
    Cairo farebbe bene a chiedersi se oggi interessa veramente a qualcuno arrivare 8^ o essere “stabilmente nella parte sx della classifica”?
    Secondo me no, i valori del TORO sono altri, ed allora torno al mantra del MONDO, siamo una riserva indiana, comportiamoci come tale.
    SFT

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. user-13974210 - 11 mesi fa

    Ci piace tanto rigirare il coltello nella piaga…vero?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. GranataForce - 11 mesi fa

    Il problema sta nella rosa, VM professava, un anno fa, che le sue rose ideali non avevano più di 18/19 giocatori, tradotto, che tolto il terzo portiere, che dovrebbe esser quello della primavera, attuale o passata, i 18 giocatori in rosa dovrebbero essere, secondo le strategie tattiche del mister, 2 portieri, 2 punte, 4 esterni, 4 centrocampisti, 4/5 centrali. questo fa 18/19 giocatori. Considerando che sostanzialmente si sarebbe giocato ad una punta, Belotti, diventa fondamentale che tra i 4 di centrocampo ci fosse la Mente della squadra, meglio 2 menti, metti che uno era indisponibile…
    Fatta questa premessa, ieri e sabato ho guardato i gol delle altre squadre, cosa che non faccio mai, io sono del Toro, degli altri non mi frega un …, ma ho voluto, come si dice, guardarmi intorno, ed ho visto come le altre squadre segnano, non chi segna come riporta l’articolo dei “rimpianti” Immobile, Quagliarella, Zapata. Penso che le due punte che abbiamo siano valide, Belotti e Zaza, il punto è, che ripensando ai 26 gol realizzati finora dal Toro, ricordo pochissimi gol su azione vera e propria, intendo Belotti San Siro, i gol con la Samp, poi ci sono solo rigori, su calci piazzati, o prodezze balistiche, Ansaldi.
    IO credo che sia questo il problema, manca, e torno alla rosa, Brain, Cervello, non voglio giudicare la scelta di Soriano, perchè tutti posson sbagliare, ma non aver pensato ad un sostituto, o aver provato a trovarlo sul mercato o in casa, non oggi ma da quando ci siamo accorti che Soriano non rispondeva alle aspettative, trovo sia un suicido calcistico.
    Leggo, Anslsi in mediana, potrebbe esser una risorsa…scherziamo? alla 20 di campionato scopriamo che un laterale, fragile e trentenne potrebbe esser la panacea ai nostri difetti?
    Sempre pensando alla rosa ed al suo numero di componenti, fatta male e dir poco, ribadisco non critico gli acquisti in termini di qualità, ma il numero di giocatori in ruoli che non hanno futuro di esser impiegati, ma risulteranno involuti. Mi riferisco ai vari Edera, Parigini, Berenguer, Damascan, ne bastava uno di questi, permettendo, in caso di emergenza, di inserire qualcuno dalla Primavera
    Grazie per il tempo dedicato a questa lettura, che avrei voluto anche esser più estesa, ma poi chi mi leggeva, forse manco così…
    Forza Toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. user-13814870 - 11 mesi fa

    i tifosi fischiavano Quagliarella che vogliamo ora??? Immobile ha scelto lui… ma poi se segnano è per il tipo di gioco che fanno e giocatori che aiutano. Anche Belotti segnerebbe al posto loro. Non so se loro segnerebbero fossero da noi. Il male è non aver costruito una squadra che si assemblasse per tale scopo. Si vede che da noi non ci sono intenditori. Di certo non è colpa di Cairo ma di chi gli fa spendere soldi inutilmente a tutti i costi. Lui si è fidato. Ma ultimamente mi sembra abbastanza inc….to

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. torracofabi_13706409 - 11 mesi fa

    Senza centrocampo non segnerebbe neanche Maradona. Il problema non sono gli attaccanti, se lo spartiscono il modulo di gioco e la qualità dei centrocampisti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. crclaudio6_126 - 11 mesi fa

    NON vedo come si possa addossare alla dirigenza granata eventuali responsabilita’ su questi casi :
    Immobile andato via per scelta sua, in effetti si era spalancata l’opportunita’ di giocare a livelli impensabili stando al Toro,
    Zapata e’ tutto da vedere cosa avrebbe fatto in una situazione diversa da quella in cui e’ ora,
    Quagliarella allontanato perche’ quelli che a mio giudizio sono un problema per questa societa’ non gli hanno perdonato il tifare Napoli e il rispetto per le squadre in cui ha giocato precedentemente, quindi quelli a cui non va MAI bene niente, che sanno SOLO criticare, che pensano che al Toro dovrebbe arrivare un presidente il cui unico credo sia mettere tutti i soldi che ha in societa’ solo ed esclusivamente per la gloria sportiva ed i giocatori vanno presi solo se hanno tutto l’iter nelle giovanili del Toro e tifano Toro, altrimenti non vanno bene perche’ non sono da Toro, lo hanno praticamente mandato via.
    Personalmete penso che se i tifosi non cominciano a rendersi conto che il calcio non e’ piu’ quello degli anni 60/70 ed a vedere le cose in maniera piu’ attuale e concreta, resteremo sempre in questa dimensione, dentro questa scatolina che si fa sempre piu’ piccola rispetto al calcio moderno, immenso rispetto e ricordo per quello che questa societa’ e’ stato ed ha rappresentato, ma si deve capire che ora e’ un altro mondo e quel modo di gestire una soiceta’ non puo’ piu’ esistere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. marione - 11 mesi fa

      Vabbè, ma al posto di Zapata abbiamo preso Sadiq… Mica è colpa del presidente se non si è dimostrato un fenomeno. E nemmeno Carlao, Amauri ecc ecc.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. alrom4_8385196 - 11 mesi fa

        Ma neppure solo colpa dei tifosi ancorati ai sogni. Più sotto ho fatto il mea culpa ma si è trattato di un solo giocatore ( Quagliarella ) allontanato su pressione dei tifosi ma per le cantonate della società ( Cairo) non bastano le dita delle 2 mani.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. GlennGould - 11 mesi fa

      Concetto che condivido. È la triste realtà, poca poesia, i giocatori bandiera come orchidee nel deserto e molto, molto, molto denaro. Ormai il calcio è sempre più teatrino e sempre meno calcio. Stamattina leggevo di Balotelli che va al Marsiglia, dopo l’ennesimo flop nell’ennesima squadra, e guadagnerà 3 milioni di euro fino a giugno. Cosa c’è di sensato, di calcio, in tutto questo? Assolutamente niente.
      Tornando al titolo, con l’attacco odierno, al momento composto da attaccanti fuori forma, fuori ruolo ed in più sacrificati dal modulo, è facile rimpiangere tutti e tre i citati.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. dennislaw - 11 mesi fa

    La cessione di Imobile e quagliarella per pochi soldi, in rapporto al loro valore , yè stato un grave errore di valutazione della dirigenza societaria che dovrebbe far riflettere il presidente. Ma l errore è anche di una tifoseria troppo provinciale, complessata , quella parte non minoritaria che pensa sia meglio vincere il derby che andare in coppa. Errore ancor piu grave per Immobile
    che era anche tornato e si poteva riprendere per 8 milioni …abbiamo valutato Niang 14. La squadra si rafforza a partire dalla società che deve avere una struttura di professionisti in grado di non prendere lucciole per lanterne…troppe lucciole e poche lanterne…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. Il mio Toro - 11 mesi fa

    Ottima osservazione…….e non siamo addetti ai lavori come Pernacchio……ma dopo 40 anni di calcio forse capiamo più noi che lui.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. Kaimano - 11 mesi fa

    Stiamo parlando di 3 grossi attaccanti e lo dico soprattutto pensando a Ciro e Zapata. Il Quaglia è da encomiare ma nessuno scordi che Zapata gioxa con quel fenomeno del Papu Gomez, Ciro con Savic e Carlos Alberto e Quaglia ga tanti piedi buoni vicino a lui. Da noi doce sono i piedi buoni che giocano a ridosso della prima punta? Solito discorso…ne avevi 1 e l’hai venduta. Il calcio si gioca con i piedi e le fortune degli allenatori sono quei giocatori che sanno dare del tu al pallone. Mazzarri ha le sue colpe ma è sempre la società a prendere le decisioni finali. Il Gasp avrebbe fatto tanto bene senza il Papu? Mazzarri senza Cassano? In tutto questo includuamo il fatto che nn abbiamo un giocatore da 100 metri per cui i contropiede sono un miraggio. Ricordo ub contropiede di Curo contro l’udinese..bei ricordi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. mario.martinengh_629 - 11 mesi fa

      Il commento é senz’altro pertinente. Tuttavia Quagliarella quando ha fatto 17 gol nel 2014-2015 non é che avesse esattamente dei fenomeni coi piedi di velluto vicino a lui. Ma ovviamente la presenza di giocatori di qualitá amplifica il potenziale di qualsiasi bomber, non ci sono dubbi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  30. mario.martinengh_629 - 11 mesi fa

    Immobile = penso sia stata principalmente una sua scelta.
    Zapata = si é seguito il volere di M.
    Quagliarella = personalmente (e so che molti discordano) penso sia stato un errore il suo allontanamento a seguito delle pressioni della curva. Grande professionista, alla Samp se ne fregano se nel suo intimo tifa Napoli o rispetta il suo passato alla Juve, e vanno avanti da anni grazie (anche) ai suoi gol.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. mario.martinengh_629 - 11 mesi fa

      Quagliarella venduto (mi sembra di ricordare) a 2.5 milioni, per liberarsene il piu in fretta possibile, credo abbia segnato alla Samp quasi come tutti i nostri attaccanti messi insieme dalla data del suo trasferimento. Io credo che dobbiamo a volte essere piu pratici e meno emotivi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. alrom4_8385196 - 11 mesi fa

      Hai perfettamente ragione . Debbo recitare il mea culpa perché ero tra quelli molto infastiditi dalle scuse al Napoli in quella gara.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. mario.martinengh_629 - 11 mesi fa

        Per me, nonostante 51 anni di fede granata, é piú facile essere equilibrato perché vivo all’estero, non frequento italiani, e quindi non ho nessuno che al lunedí mi rompa i c…i con aria di superiorità e battute del c…o. Quindi ho meno rabbia accumulata, diciamo. Il Quaglia poteva risparmiarsi gli inchini ai Fedayn, e é ovvio che questo atteggiamento le faccia girare a tutti. Poi a mio aviso, come quando si litiga in famiglia, piano piano si dimentica la str… ata che l’altro ha fatto, e se ne vale la pena si va avanti.

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy