Le tre sentenze di Brescia-Torino 0-4: continuità post derby, ma serve crescere ancora

Le tre sentenze di Brescia-Torino 0-4: continuità post derby, ma serve crescere ancora

Analisi / La squadra granata risponde sul tema dell’atteggiamento in maniera positiva, Berenguer entra e si mangia il campo

di Gualtiero Lasala, @LasalaGualtiero

LE TRE SENTENZE

Dopo un mese e mezzo, il Torino torna alla vittoria in campionato. I granata tornano quindi a muovere la classifica, allontanando quella zona retrocessione che era diventata pericolosamente vicina e recuperando qualche punto sul settimo posto al momento occupato dal Napoli. La partita vinta 0-4 a Brescia ha dato una buona spinta a questo Toro, che era atteso ad una risposta dopo le due sconfitte consecutive contro Lazio e Juventus. Ma c’è ancora molto su cui lavorare. Ecco le tre verità indiscutibili lasciate dal match del Rigamonti.

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. suoladicane - 5 mesi fa

    le tre sentenze
    1.risultato: ottimo, il miglior risultato con il minimo sforzo, teniamoci il risultato
    2.mentalità e calo psicologico: la squadra ha ancora tanto, tanto, tanto, lavoro da fare
    3.formazione: se sul 2-0 non metti i tuoi giovani contro una squadra allo sbando, non vedo come potranno mai giocare; a gennaio tutti via, tanto a quest’allenatore non servono Parigini, Edera, Millico, Bonifazi e Rauti
    MAZZARRI VATTENE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Dan - 5 mesi fa

      Bonifazi potrebbe servire e infatti ha già giocato e pure fatto gol all’Atalanta solo che adesso ha una mano rotta. Parigini ed Edera sono sul mercato da questa estate solo che nessuno li aveva voluti anche perché all’epoca erano infortunati. Nessuno li ha voluti ma a questo allenatore servono, certo. Millico doveva andare in prestito al Chievo. Rauti è sempre stato in Primavera. Tra l’altro sabato aveva giocato alle 13 a Verona. Sono tutte cose che i tifosi veri sanno e che quelli da tastiera ovviamente ignorano.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. suoladicane - 5 mesi fa

        ah meno male che ci sei tu che sai, mancavi proprio………
        arrogantello……

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Calogero - 5 mesi fa

      Per quanto riguarda i cambi, penso che in questa partita Mazzarri li ha azzeccati, il campo ha emesso il verdetto 4 a 0 penso che non ci sia nulla da commentare. Naturalmente è un risultato maturato più per demeriti altrui che per reale supremazia granata. L’ingresso di Laxalt e Berenguer è stata la svolta propiziatrice definitiva. La gestione dell’organico da parte di Mazzarri è quanto meno discutibile, i cambi sono una risorsa importante: sia per portare nuove energie nel corso della gara, ma è anche un importante banco di prova per valutare quei calciatori che di solito hanno meno spazi, a me non va a genio la politica squadra vincente non si cambia. Io sono per la meritocrazia, la squadra va preparata in base alle caratteristiche dell’avversario e i cambi e le modifiche in corso d’opera sono essenziali al buon esito della partita, è compito del mister fare in modo che la squadra sia in condizione di eseguire SEMPRE l’approccio giusto e in caso contrario è lui che deve apportare gli opportuni correttivi, se no che ci sta a fare non ci deve essere l’autogestione… Probabilmente un paio di giovanissimi in forza nell’organico sarebbero da cedere in prestito, gli unici che proverei a cedere sono Singo e Rauti, gli altri proverei a tenerli, salvo che non siano un problema per lo spogliatoio e visti i ripetuti infortuni non cercherei di scarnificare troppo la rosa attuale, ne ora ne a gennaio.
      Naturalmente è la mia visione di calcio e si può non essere d’accordo.
      Altra cosa di difficile digestione è la mentalità di alcuni tifosi. Vi ricordo che non c’è uno standard ideale del tifoso granata, questo significa che non sono meritevoli soltanto quelli che vanno allo stadio o ancora meglio che seguono la squadra in trasferta o che spendono di più. Ognuno di noi segue la squadra come può e con i mezzi che ritiene più opportuni, tutti hanno il diritto di dire come la pensano e naturalmente sono liberi di scriverlo, senza doversi attribuire l’appellativo di draghi da tastiere o peggio di essere gobbi. Si può dissentire ovvio, ma in modo costruttivo e ci dovrebbe essere sempre rispetto per la comune causa, mentre in queste pagine emergono sempre tifosi “purosangue” che si arrogano il “diritto” di essere più tifosi di altri, questo non è un bene per l’ambiente e per la squadra… I tifosi hanno il diritto di esprimere liberamente il proprio pensiero che piaccia o no, tanto poi alla fine squadra e società fanno quello che ritengono più opportuno, senza curarsi delle classifiche di merito stipulate da tifosi che presumono di essere più meritevoli di altri…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. suoladicane - 5 mesi fa

        io credo che i giovani debbano giocare, cosa serve tenerli in panca? almeno nelle partite abbordabili sulla carta uno lo metterei sempre, diciamo l’ultima mezz’ora, altrimenti non saranno mai pronti quando ne dovrai fare uso in caso di necessità; è assolutamente inutile fare come fa testadighisa che chiede addirittura 4 cambi, quando lui non fa i tre disponibili, e se li fa mancano 5-10 minuti alla fine, come può incidire così un giovane che non gioca mai se gli dai 10 minuti?
        sull’arroganza ed ignoranza di certi forumisti, non li definisco nemmeno tifosi, non mi esprimo nemmeno
        MAZZARRI VATTENE

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Junior - 5 mesi fa

    Condivido quanto scritto. Credo la nostra sia una buona squadra, l’anno scorso sebbene ripescati, meritavamo l EL. Ma l’asticella si è alzata. Servono più punti.
    Tutti conosciamo WM ed il suo credo, non avremo un gioco spettacolare ma concreto. Lo ritengo un allenatore preparato. E se la squadra, come si vede, è con lui un motivo ci sarà.
    Sono certo i problemi vengono soprattutto dalla testa dei giocatori.ed è anche paradossale come il migliore risulta essere da quando è stato preso proprio il nostro portierone a cui vanno i migliori elogi, sia come professionista che come uomo. Teniamocelo stretto.
    La prox partita sarà dura contro l’Inter ma confido sempre nei nostri ragazzi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy