Le tre sentenze di Torino-Roma 2-3: la meritocrazia paga, grossi limiti difensivi

Le tre sentenze di Torino-Roma 2-3: la meritocrazia paga, grossi limiti difensivi

Sentenze / Ecco cosa resta dopo la sfida contro i giallorossi: lavorare e mettersi al servizio della squadra paga, e molto. Singo come esempio

di Gualtiero Lasala, @LasalaGualtiero

LE TRE SENTENZE

TURIN, ITALY – JULY 29: Edin Dzeko of AS Roma salutes Andrea Belotti of AS Roma at the end of the Serie A match between Torino FC and AS Roma at Stadio Olimpico di Torino on July 29, 2020 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

Il Torino esce sconfitto nel confronto con la Roma, in una partita vivace ma che ha costretto i granata ad accumulare la ventesima sconfitta in campionato. Ma in ogni caso restano anche degli aspetti positivi, che possono dare anche iniezioni di fiducia alla squadra di mister Longo, che si proietta all’ultima partita di campionato con calma e serenità, vista la salvezza già acquisita.

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Innav (CAIRO VATTENE) - 2 settimane fa

    Comunque è uscita la copia della mail della Console a Cairo. Ora non può più nascondersi. Hanno messo sul piatto 200 milioni in Lussemburgo. Il nano rispetto a questi è un morto di fame, quando li ha mai visti 200 milioni tutti assieme?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. rcorra68 - 2 settimane fa

      Scusami per la battuta, ma mi sa che tra poco dovrai cambiare nick in “Innav (CORDATA VATTELAPESCA VATTENE)”

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Alfio - 2 settimane fa

    Non so se a qualcuno di voi ancora interessano i risultati oppure L unica cosa che conta è parlare di Millico e Edera e di chi merita o non merita o di chi è uomo e di chi no. Perché anche ieri sera con la Roma per L ennesima volta abbiamo di nuovo perso. Cioè perdere per noi quest anno è stata una costante Siamo la squadra che ha perso più partite dopo Spal e Brescia Ne vogliamo parlare oppure vogliamo ancora andare avanti con sto pippozzo moralistico sulla meritocrazia ? Tanto chiunque scenda in campo meriti o non meriti si perde sempre Questo è il vero problema

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Innav (CAIRO VATTENE) - 2 settimane fa

    Se sono pippe prima, saranno pippe anche dopo.
    Gigi, Lyanco, Meite, Aina, Berenguer, Zaza, (Verdi, per ciò che è stato pagato) Boye, Edera, Parigini, Vanja, pippe saranno tutta la vita professionale. Solo qui ce li spacciano x fenomeni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Innav (CAIRO VATTENE) - 2 settimane fa

      Ah, dimenticati il cameriere moldavo ed il palo Sadiq. Ma vi rendete conto il duo nano pernacchio, che cacate solenni hanno fatto? Ma secondo voi è gente da gestire una squadra almeno da metà classifica? Manco a bocce.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. eurotoro - 2 settimane fa

    i limiti difensivi come l’ho vista io sono stati accentuati dall’impostazione a 3 dietro dove troppe volte ho visto veramente difendere in 3 con i laterali in affanno in ritardo e sincronizzati uguale nel senso tutti e due avanti e alti o entrambi bassi a fare il 532 molto piatto e passivo..mettiamoci la poca concentrazione di qualcuno e la frittata è stata servita!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy