Le tre sentenze di Toro-Empoli 3-0: nessuna ripercussione post-derby

L’analisi / La difesa ha numeri da Europa, inizia a rivedersi il vero Belotti

di Redazione Toro News

POST DERBY

TURIN, ITALY - DECEMBER 26:  Iago Falque (R) of Torino FC celebrates a goal with team mate Andrea Belotti during the Serie A match between Torino FC and Empoli at Stadio Olimpico di Torino on December 26, 2018 in Turin, Italy.  (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)
TURIN, ITALY – DECEMBER 26: Iago Falque (R) of Torino FC celebrates a goal with team mate Andrea Belotti during the Serie A match between Torino FC and Empoli at Stadio Olimpico di Torino on December 26, 2018 in Turin, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

Il Toro sembra aver messo fine alla depressione post-derby. L’ultima volta ad aver ottenuto risultati positivi dopo la stra-cittadina era la stagione 2015/2016, quando, nel girone di ritorno, dopo aver perso 4 a 1 contro i bianconeri, la squadra, all’epoca allenata da Ventura, conquistò 3 vittorie consecutive (con Inter, Atalanta e Bologna). La motivazione va ritrovata nella prestazione fornita nel derby, che non ha lasciato strascichi negativi, anzi i granata sono usciti a testa alta dopo una partita giocata alla pari con la prima della classe. Sfiorato il colpo esterno al Mapei Stadium, con l’Empoli è arrivata una vittoria netta, che può dare solo morale alla squadra.

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. TOROHM - 2 anni fa

    Belotti è forte e pure sfortunato.Ieri mi è piaciuto tantissimo.Acquistarne uno migluore costa minimo 50 mln e non è detto(vedi higuain).Se servito bene fa la differenza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Pepe - 2 anni fa

    Mancano degli articoli sul coglione della figc no?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 2 anni fa

      Un anno per partorire sto demente, le cose che dovrebbero cambiare continuano a rimanere come sono. Gli stadi che si svuotano, i diritti che sono sproporzionati, la difesa strenua delle posizioni di potere in mano a quattro o cinque società, arbitri da sorteggiare e invece si continua con le nomine, e forzare il cambio d uso del Var, dopo le innumerevoli cazzate fatte dagli arbitri.. ce ne sarebbero di cose da mettere a posto. Lasciamo perdere poi il fatto di tutelare i calciatori italiani che dovrebbe essere una missione per la figc dopo lo schifo visto dalla nostra nazionale, magari mettendo un limite di stranieri in campo… Eh ma poi si rompono le palle ai potenti…. Le merde non potrebbero più comprare undici top player e metterli in campo contemporaneamente. Meglio pensare ai cori razzisti e scassare i coglioni ai tifosi che vanno allo stadio, mentre gli amici di monociglio fanno entrare di tutto… Bah, scusate lo sfogo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Pepe - 2 anni fa

        Bravo davide ben detto, certe cose come quelle che hai sottolineato tu dovremmo scriverle in un diaro per non dimenticarci che questo mondo é in mano a pezzi di merda che ci prendono per il culo in faccia e ci fanno sentire degli inutili e impotenti. Il potere dalla politica al calcio per me sono tutti da bruciare vivi.

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy