Longo e la maledizione trasferta: il Torino al Franchi per sfatare il tabù

Toro News / Solo sconfitte per il Torino nelle ultime 7 trasferte in campionato: solo in due occasioni i granata hanno fatto peggio in Serie A. E Longo…

di Nicolò Muggianu

Sassuolo, Lecce, Milan, Napoli, Cagliari, Juventus ed Inter: queste le ultime sette trasferte perse consecutivamente dal Torino, che non vince lontano dalle proprie mura amiche da quel 0-2 targato Belotti del 5 gennaio scorso all’Olimpico contro la Roma. Da quel giorno in poi i granata hanno raccolto soltanto sconfitte, mettendo in fila una striscia negativa di sette sconfitte consecutive: la seconda peggiore della storia del club in Serie A.

I NUMERI – Soltanto in due occasioni i granata sono riusciti a fare peggio. Si tratta dei campionati 1932/1933 e 1933/1934, quando il Torino perse addirittura per 13 volte consecutivamente in trasferta. Una netta inversione di tendenza rispetto allo scorso anno, quando i granata allenati da Mazzarri riuscirono a rimanere imbattuti fuori casa fino alla 20° giornata di campionato. Numeri ai quali vanno aggiunte anche le statistiche negative fatte registrare sin qui da Moreno Longo, che ha perso 11 delle sue 13 trasferte disputate in Serie A da allenatore tra Frosinone e Torino. Il tecnico granata è ad oggi l’allenatore – con almeno 12 gare fuori casa all’attivo – con la percentuale di sconfitte esterne più alta nella storia del torneo nell’era dei tre punti a partita: l’84.6%.

AL FRANCHI – Un filotto negativo, che il Torino spera di interrompere al più presto; nonostante i precedenti al Franchi siano tutt’altro che favorevoli (LEGGI QUI). La squadra di Longo, infatti, non vince a Firenze dal lontano 31 ottobre 1976, quando fu un gol di Graziani a regalare i tre punti al Toro. Al di là del trend negativo però, per Belotti è compagni è il momento di pensare al presente: evitare la sconfitta, infatti, permetterebbe ai granata non solo di interrompere il proprio filotto di sconfitte lontano dall’Olimpico Grande Torino, ma anche di compiere un ulteriore passo verso l’obiettivo salvezza.

LEGGI ANCHE: Calciomercato, De Silvestri verso il Bologna: ufficialità a fine stagione

33 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. maxx72 - 3 mesi fa

    È veramente incredibile la mancanza di rispetto che c’è in questo sito fra gli utenti.
    Longo o Mazzarri ma perché bisogna leggere gli insulti che ci sono di sotto?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Luigi-TR - 3 mesi fa

      perchè secondo me qualcuno che scrive o che si diverte a mettere “non mi piace” a iosa anche su commenti innocui non è neanche del Toro

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Bischero - 3 mesi fa

        Non ci vedo nulla di male a mettere un pollice verso. Tante volte non posso rispondere spiegando il mio punto di vista oppure non ho tempo. Ma capita che li metto. Ma non perché uno non la pensa come me gli do del gobbo o del avvizzinato o del colluso. Le opinioni sono opinioni e non cambiano l esito delle prestazioni dei nostri giocatori allenatori dirigenti o presidenti.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. maxx72 - 3 mesi fa

          Perfetto Bischero, la penso come te. E poi a me dei pollici versi non mi importa, mi interessa avere un confronto educato ma qui proprio non si può con certi soggetti.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. ribaldo - 3 mesi fa

      il sito, purtroppo, ha esattamente questa funzione. non ne vedo altre.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. FORZA TORO - 3 mesi fa

    spero ogni partita in un buon risultato,quindi anche oggi,ma se devo guardare il ruolino di marcia specie del ritorno…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. gramelot - 3 mesi fa

      Ah si ?

      E che cosa doveva raggiungere Longo, oltre alla salvezza ? L’EL forse ?

      Cortesemente, riflettete prima di scrivere certi abomini.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. GiaguaroGranata - 3 mesi fa

    L’equazione critici di Longo = Mazzarriani è sbagliata. Andato Mazzarri avremmo dovuto prendere un allenatore con esperienza e fargli fare da traghettatore. In merito ai grandi risultati di Longo, basta una partita in cui le cose girano bene ed ecco tutti a spellarsi le mani…vediamo a fine stagione il ruolino di marcia che avrá ottenuto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. gramelot - 3 mesi fa

      1) Ammettiamo pure che l’equazione critici di Longo = Mazzarriani sia sbagliata. Assolutamente plausibile.

      2) Il giornalio di Masio, per salvare la sua faccia da c….., ha cercato di unire l’utile al dilettevole, spendendo il meno possibile (anche in considerazione che la rescissione del contratto con Mazzarri ha comportato il pagamento di una buonuscita) e calmando la piazza inferocita. Longo aveva entrambe le caratteristiche. E poi il giornalaio di Masio, dopo la fallimentare esperienza mazzarriana da traghettatore prima e da allenatore poi, post Sinisa, non voleva certo rischiare una’altra figura di palta, con la piazza in ebollizione.

      3) L’unico ruolino di marcia che conta è la salvezza, tutto il resto non conta. E poi, come ho già detto, con Longo il Gallo è tornato Grande, Immenso, Unico e Universale, oltre ad essere entrato di diritto nella storia del Toro per aver stabilito un RECORD POSITIVO, tutt’ora migliorabile, sul numero di partite consecutive in cui ha segnato. E se dovesse segnare a Firenze raggiungerebbe Ossola, uno degli Invincibili.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Héctor Belascoarán - 3 mesi fa

      Allenatori con esperienza disposti a rilevare una situazione veramente complicata non ce n’erano perchè si è aspettato troppo, ad un certo punto Longo era l’unica scelta disponibile.
      L’equazione Longo vs Mazzarri, in alcuni suoi detrattori, secondo me esiste ed è lampante, chi critica Longo lo fa perchè non è disposto ad ammettere che questa situazione di precarietà nasce dalle scelte sbagliate, tecnico-tattiche e di uomini, fatte da Mazzarri ad inizio campionato e durante, e nel non voler rimediare, in qualche modo, nel mercato di gennaio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Marchese del Grillo - 3 mesi fa

        De Biasi, Ballardini e forse anche Prandelli sarebbero venuti anche con le mutande in mano secondo me.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Luigi-TR - 3 mesi fa

    oggi si vince

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. maxx72 - 3 mesi fa

      Oggi ci si gratta

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Marchese del Grillo - 3 mesi fa

        …e poi si vince!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. fabio.tesei6_13657766 - 3 mesi fa

    Oggi è 1a1 fisso. Allenamento di scarico.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Bischero - 3 mesi fa

    Tutte queste inutili polemiche fra tifosi della stessa squadra che prendono posizioni nette arrivando anche a palleggiarsi fra di loro non capisco che scopo abbiano.il contraddittorio ci deve essere. Ma anche il rispetto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. GiaguaroGranata - 3 mesi fa

      A parte grumelot mi sembra che tutti ci scambiamo opinioni con rispetto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. gramelot - 3 mesi fa

        Hai letto qualche insulto nei miei post di risposta ?

        Sono mie opinioni personali.

        Se non ti piacciono puoi evitare di leggerle.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. maxx72 - 3 mesi fa

          Zebrati non è un insulto?

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Héctor Belascoarán - 3 mesi fa

    Numeri

    Se la media di gol subiti è rimasta sostanzialmente invariata (1,86 nelle 22 gare con Mazzarri, 1,9 nelle 10 gare gestione Longo tra cui Merde, Inter, Napoli, Lazio), l’occhio dovrebbe cadere sulla media gol fatti perchè si passa da 1,18 a 1,5 (rispettivamente 26 in 22 partite e 15/10).

    Ecco anche questi sono numeri e dimostrano un tentativo di crescita rispetto al recente passato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marchese del Grillo - 3 mesi fa

      Contano i risultati, però, e non i gol segnati in più o in meno, altrimenti non se ne esce e ce la giriamo sempre come più ci conviene. I punti, che sono l’unica cosa che conta, arrivano solo dai risultati e non dai gol segnati.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. GiaguaroGranata - 3 mesi fa

    Il pareggio concordato oggi è certo al 90%. Se non si sono messi d’accordo, ne prendiamo 2 o 3.
    Ricordate che abbiamo vinto contro squadre nulle fin qui nella “gestione” cuore granata

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Héctor Belascoarán - 3 mesi fa

      Le stesse squadre “nulle” da cui abbiamo preso mazzate col Grande Mazzarri
      L’Atletico Spal, il Real Lecce (FRONTE/RETRO), L’Udinese City e Ciclisti United…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Luigi-TR - 3 mesi fa

      la situazione psicologica è oggi però cambiata, prima si giocava con timore, ora con il rischio retrocessione diminuito credo che la squadra possa cominciare a esprimersi meglio…dai che oggi si vince !!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Marchese del Grillo - 3 mesi fa

    Se è vero che i numeri non mentono, questi sono a dir poco imbarazzanti. C’è davvero da riflettere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Fantomen - 3 mesi fa

    Sarà un cuore toro ma Longo ha dei numeri impressionanti, un gioco inesistente è una approccio alla partita imbarazzante…….ha fatto vedere 2 mesi di filmati alla squadra del Frosinone che in serie A non ha vinto una partita……..è un miracolo che siamo quasi salvi ……è riuscito a vincere solo con Udinese Brescia e Genoa …….per il resto solo figuracce e grappoli di goal ……..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Héctor Belascoarán - 3 mesi fa

      Strano che invece al Grande Mazzarri nessuno abbia ancora pensato di fargli un monumento.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Fantomen - 3 mesi fa

      Se ci salviamo è grazie ai 27 punti di Mazzarri e non di certo per Longo ……con mazzarri che ha fatto 64 punti l’anno scorso lo abbiamo insultato……Longo solo perché è cresciuto nel toro lo grazuamo nonostante sia impresentabile…….vatti a vedere la media punti di Longo …….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. gramelot - 3 mesi fa

        Potresti cortesemente elencare anche i record negativi vergognosi, ad onta della storia granata, e tutte le altre idiozie commesse, a partire dalla “rosa corta” (e l’elenco sarebbe lungo come la Treccani), anziche ripetere sempre e comunque la stessa litania dei 27 punti e del “record” dei punti dello scorso anno ?

        Un metro di giudizio imparziale non è nelle vostre corde, vero ?

        P.S.: non appena Longo avrà raggiunto la matematica salvezza, sarà meglio che voi mazzarriani zebrati vi andiate a nascondere: con lo sfacelo e le macerie che ha lasciato il vostro idolo avvinazzato di Livorno, il fatto stesso che Longo sia riuscito a raggiungere la salvezza è un vero miracolo. Vergognatevi.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Héctor Belascoarán - 3 mesi fa

          Numeri

          Se la media di gol subiti è rimasta sostanzialmente invariata (1,86 nelle 22 gare con Mazzarri, 1,9 nelle 10 gare gestione Longo tra cui Merde, Inter, Napoli, Lazio), l’occhio dovrebbe cadere sulla media gol fatti perchè si passa da 1,18 a 1,5 (rispettivamente 26 in 22 partite e 15/10).

          Ecco anche questi sono numeri e dimostrano un tentativo di crescita rispetto al recente passato.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. Luigi-TR - 3 mesi fa

          @gramelot
          non concordo al 100%

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Fantomen - 3 mesi fa

      Quando Longo ci salverà avrà fatto 13/14 punti contro 27 ……giocando come i parrocchiani ……peggior toro degli ultimi anni quindi Mazzarri con i suoi 27 punti ha lasciato il toro non dove c’è l’ha portato Longo ……i numeri parlano chiaro……gol fatti in più servono per i pallottolieri delle giostre …….Iio guardò un’annata record e i punti che ci hanno fatto salvare con la media punti ……il resto è solo simpatie o antipatie per uno o per l’altro allenatore………vedere come all’oratorio i giocatori in cerchio dopo la partita mi fa vergognare …….in serie A l’ho visto fare a qualche neo promossa …….il suo Frosinone che porta come esempio non ha vinto una solo partita in A……il suo successore ha fatto molto meglio con la stessa squadra……..come tifoso Longo lo apprezzo come tentativo di allenatore non vorrei più vederlo sulla nostra panchina…..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Héctor Belascoarán - 3 mesi fa

        Se tu mi dicessi sogno Juric o un altro allenatore con più appeal o esperienza potrei capire… ma se metti sul piedistallo il Grande Mazzarri proprio non ci siamo.
        Se tu avessi guardato le partite anzichè guardare (solo) i numeri ti saresti reso conto da subito che quest’altra stagione sarebbe finita “a schifio”. Se giochi così tanto male prima o poi incominci a perdere, non ci son Santi o Galli che tengano.
        Longo, che ti piaccia o no, arriva dopo le sette pappine in casa con l’Atalanta e i quattro schiaffoni da Tacsidis e Rossettini… anche i gol subiti sembra che servino solo al pallottoliere, peccato che sia il nostro.

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy