L’Unione Club Granata a Cairo: “Il Toro è nostro, il Torino FC è tuo”

La lettera al presidente: “ Forse tra un anno, forse tra un mese, forse domani tu te ne andrai! Noi, i nostri figli, i nostri nipoti, continueremo a possedere il Toro”

di Redazione Toro News
cairo

Sta circolando in queste ore una lettera indirizzata al presidente Urbano Cairo realizzata il direttivo dell’unione club granata. Quest’ultimi la stanno diffondendo tra i club iscritti per farla sottoscrivere. Di seguito la lettera:

Quanto c’eravamo amati in quei giorni del 2005 …
Quanto amore sprecato!
Pensavamo di aver trovato in te la persona giusta, la guida sicura, l’imprenditore moderno e illuminato. Ci siamo ritrovati Lotito senza la sua conoscenza del calcio …
Quanto eravamo innamorati di te.
Quanto siamo stati ingenui, quante fette di prosciutto sugli occhi.
Sì, perché a guardar bene, in quei venti giorni dalla metà di agosto ai primi di settembre del 2005 avevi già dimostrato tutto …
“Prendo il Toro solo alle mie condizioni (gratis ndr) altrimenti tenetevi Giovannone”.
Chissà perché hai cercato di cancellare ogni traccia della nostra storia!
Hai preteso che il passato glorioso del Toro non potesse farti ombra in nessun modo, ti sei riempito la bocca di Pulici, Meroni, Grande Torino, senza neanche sapere chi realmente fossero.
Hai preteso che fosse allontanata dalla Società la componente tecnica che sapeva tramandare i valori Toro, Renato Zaccarelli su tutti, hai rifiutato la cessione di quote simboliche al Circolo Soci, hai rifiutato qualsiasi proposta di partecipazione popolare come ti avevano chiesto l’Avv. Marengo prima e ToroMio poi, hai liquidato i Lodisti senza neanche un misero grazie.
Hai scelto di essere solo, hai scelto di allontanare il Toro dal Torino Fc!
C’era già tutto in quei primi giorni, che stupidi a non vederlo …
Ma il nostro compito, Presidente, non è più quello di contestarti, si contesta qualcuno quando lo si stima, quando si pensa che possa cambiare, lo si rimprovera per migliorare.
No, quel tempo è passato Presidente, noi non ti contestiamo più!
Tra noi dobbiamo prendere atto che la nostra storia è finita, proprio finita.
Vorremmo dirti VATTENE, lascia la Casa Granata che stai occupando abusivamente da 15 anni, lasciaci ricominciare una nuova vita da tifosi, ma sarebbe troppo semplice e siamo consapevoli purtroppo che la nostra convivenza dovrà durare ancora un po’.
Ed allora (se per caso non l’avessi ancora capito, e non l’hai ancora capito) vogliamo provare a spiegarti quelli che sono stati i tuoi errori, quelli che ai nostri occhi sono le cose più gravi, gli errori più importanti che hai commesso, nella speranza (temiamo vana) che almeno per questi ultimi tempi tu possa non peggiorare meschinamente la tua già grave posizione.
Partiamo dalla considerazione verso i TIFOSI.
Ci hai diviso, ci hai fatto litigare tra noi, ci hai umiliati con dichiarazioni ridicole e promesse ancora più ridicole.
Ma soprattutto non ci hai mai veramente considerato.
Il nuovo Consiglio Direttivo dell’Unione Club Granata (UCG) è da Dicembre 2019 (data dell’elezione) che chiede di venirsi a presentare a te (o a qualcuno dei tuoi sottoposti).
Era un gesto di cortesia nei tuoi confronti, alla ricerca di un dialogo costruttivo.
Risposte: scuse, rinvii, promesse, ma ad oggi il nulla …
Grazie, va bene così, adesso non serve più!
Una mossa però un po’ stupida, se possiamo permetterci, perché alla data dell’elezione del Direttivo UCG contava 107 Toro Club associati, in rappresentanza di circa diecimila tifosi, e per chi vive di numeri e dati non proprio un qualcosa di trascurabile.
In ogni caso, è probabile che tu non sappia neanche esattamente che cos’è UCG …
Ma partiamo dal fondo e andiamo a ritroso.
Partiamo da quelle belle serate di Novembre 2019 dove hai permesso che si mischiassero i tifosi del Toro della Curva Primavera con quelli del Napoli prima e dell’Inter poi.
Un “esperimento sociale” lo ha definito qualcuno …
Probabilmente questa situazione ti avrà anche fatto guadagnare qualche centinaia di Euro in più, ma ha messo a repentaglio la salute di famiglie, anziani, donne e bambini.
Gli anziani ed i bambini del Toro, Presidente.
Su questo investiamo una sola parola: vergogna!
Poi siamo venuti a scoprire che eravamo anche stati denunciati …

Hai tolto gli striscioni dei Toro Club per mettere la pubblicità, e va bene, capiamolo, è il calcio business- bellezza.
Potevamo però concordare una soluzione, quale ad esempio riempire quei settori che non prevedono la pubblicità, come la Curva Primavera o le parti dei Distinti non occupate dagli spazi pubblicitari. Sarebbe bastato informarci, confrontarsi, parlarci …
Perché vedi, Presidente, per te i 52 Euro ricevuti per la pubblicità della “Trattoria Mariuccia” sono fondamentali, ma per noi lo striscione esposto da decenni è sinonimo di appartenenza ed orgoglio, valori a te sconosciuti, almeno per quel che riguarda il Toro!
Ti abbiamo chiesto una maglia della squadra da far firmare a qualche giocatore per inviarla ai Club che non sono di Torino e che non possono avere direttamente la presenza dei calciatori ai loro eventi: i tuoi sottoposti ci hanno risposto che si poteva valutare, ma a condizione che comprassimo noi la maglia … Abbiamo chiesto qualche gadget o la foto della squadra da mandare ai Club, lascio a te ricordare la risposta …
L’UCG ha creato, in questi ultimi tre anni, due eventi allo stadio Grande Torino, una sfilata di tutti i Toro Club, rappresentati dai loro bambini, e la festa celebrativa del compleanno del Torino nel 2018.
Era il compleanno del Toro, ti abbiamo organizzato la festa che avresti dovuto celebrare tu e non sei stato disponibile neanche a darci i formaggini dello sponsor e una bottiglia d’acqua per i bambini che sfilavano …
Ma non ti preoccupare, ci abbiamo pensato noi, i Tifosi del Toro.
Vedi Presidente, (vogliamo provare a parlare la tua stessa lingua), quello che proprio ci sfugge (e ci irrita) è il fatto che noi siamo i tuoi clienti, siamo i soggetti a cui devi vendere il tuo prodotto, siamo quelli che devono andare allo Stadio, comprare i biglietti, comprare il merchandising, abbonarsi alla pay-tv, insomma i “polli da spennare” e questi polli sono complici, vogliono essere spennati, vorrebbero in primis avere una squadra di cui esser fieri, comprare magliette, abbonarsi, fare diritti tv, etc … etc …
Ed allora, perché sei così sordo su questi temi ?
Non ci arrivi ? (non crediamo sia difficile per un imprenditore del tuo calibro).
Non conosci gli argomenti ? (altrettanto grave, ma ti potremmo perdonare se permettessi a qualcuno di insegnarteli).
Non sei libero ? (su questo non avremmo parole …).
Le INFRASTRUTTURE.
Non spenderemo tante parole, perché è molto semplice: stai dimostrando che delle nostre case non t’importa nulla!
Al FILA sei un ospite, un inquilino, pure un inquilino pretenzioso e noioso, ma non fai nulla per tenere nel giusto modo la nostra casa.
Non trovi neanche la dignità di spendere 400 Euro per noleggiare una gru che rimuova quell’obbrobrio di tenda cadente su Via Filadelfia!
Ti anticipiamo … non dire che il Fila non è tuo.
Il Fila è la casa morale del Toro!
Avresti dovuto fare fuoco e fiamme per completarlo, per far arrivare lì il Museo del Grande Torino, la sede della società e lo spazio per i tifosi.
Siamo fermi all’inaugurazione, per il resto: parole, parole, parole …
Certo, bisognerebbe spendere, anzi investire!
Stadio Grande Torino.
In questi giorni, di fronte a questo triste e malato calcio, non possiamo evitar di notare che in tutta la Serie A c’è una sola squadra che non ha fatto gli striscioni per coprire gli spalti vuoti, indovina qual’é ? Siamo anche gli unici a non aver “granatizzato” i seggiolini e a non abbassare (almeno nei settori Distinti e Tribuna) le barriere divisorie.
Anche qui, non dire che lo stadio non è tuo, neanche quelli di Bologna, Brescia, Firenze, Napoli lo sono, ma là i loro Presidenti hanno speso di tasca loro … o meglio dalle tasche delle Società.
Capitolo Robaldo.
E’ caduto il ponte Morandi e l’han ricostruito! E’ bruciata Notre Dame e l’han ristrutturata!
Obama era ancora Presidente e Ventura allenava il Toro.
Il Robaldo è sempre lì, allo stesso punto …
Basta questo …

Ed infine il PROGETTO SPORTIVO.
Non è nostro compito entrare nel merito delle scelte tecniche e non vogliamo farlo, però permettici due sole osservazioni.
La prima: è chiaro che nel Torino Fc non ci sia uno straccio di organizzazione verticale, le scelte sono sempre improvvisate e fatte all’ultimo, la Società intesa come tale è inesistente.
Ma nelle altre tue attività imprenditoriali ti comporti allo stesso modo ?
Crediamo proprio di no, e questo fa ancora più male.
La seconda: ancor peggio è il fatto che ogni volta in cui sembra essersi creato un gruppo umano e sportivo pronto ad esser competitivo, tu sei sempre riuscito a distruggerlo, per testardaggine o incaute scelte prive di lungimiranza.
Basta ricordare il Toro di Cerci e Immobile, la squadra di Bilbao, il Toro dell’anno scorso …
*****
Ti chiederai, cosa posso fare per rimediare ?
Nulla. Il nostro amore l’hai perso da tempo, forse dal giorno in cui sei comparso al fianco di Don Aldo promettendo tre milioni per la ricostruzione del Fila.
Forse in quel momento quello che era un grande amore è diventato prima convivenza ed oggi solo mera intolleranza forzata.
Torniamo alla domanda, cosa puoi fare ?
Niente. Amore e passione, così delusi e così maltrattati, non si recuperano.
E’ fuor di dubbio che dovremo fare ancora un po’ di strada assieme, abbiamo una convivenza forzata davanti, (speriamo breve), cerchiamo di renderla il meno difficile possibile.
Due cose, però, potresti ancora farle: cercare un’acquirente serio per il Toro e salutare.
Concludiamo questa nostra lunga lettera con una spiegazione che riguarda chi ti scrive.
La troverai sottoscritta formalmente dall’Unione Club Granata, la troverai sottoscritta da un singolo Toro Club, la troverai sottoscritta da un singolo Tifoso, la troverai sottoscritta da quell’insieme di emozione e passione che è il TORO, quel qualcosa di intangibile che ci differenzia da ogni altra Società, quel qualcosa che tu non sei mai riuscito veramente a capire e che inevitabilmente ha determinato il tuo fallimento come Presidente.
Il TORO è nostro, il Torino Fc è tuo!
Forse tra un anno, forse tra un mese, forse domani tu te ne andrai! Noi, i nostri figli, i nostri nipoti, continueremo a possedere il TORO!

110 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Luigi-TR - 3 mesi fa

    parole parole parole

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. miele - 3 mesi fa

    Non avevo ancora letto, colpevolmente, questa lettera. L’ho fatto solo ora e non posso che ringraziare l’autore per quanto ha saputo scrivere. Argomentazioni chiare, inappuntabili che raccontano nel dettaglio cosa sono stati per i cuori granata i 15 anni con la volpe del Monferrato nella stanza dei bottoni. Onore a chi l’ha saputa concepire.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 3 mesi fa

      Colpevolmente mi pare una parola grossa…direi che i veri colpevoli sono altri…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. miele - 3 mesi fa

        Si, certo. Diciamo che ho tardato un po’ a leggerla.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. eurotoro - 3 mesi fa

    Cairo : ma insomma ma cosa volete ancora da me? ho smesso di fare plusvalenze e smontare la squadra ogni anno..ho smesso di esonerare gli allenatori … Mazzarri se ne’ voluto andare lui! vi ho tenuto tutti i big qualcuno pure con la forza…ho assecondato Mazzarri in tutte le sue scelte..pure quella di voler fare campionato coppa italia e preliminari europa league con non piu di 14 giocatori ed a dirla tutta ho insistito io perche’ lui avrebbe preferito una rosa di 13 giocatori compreso il terzo portiere…pare per un puro discorso di facilita’ nelle scelte!…ma insomma mi criticavate per la mancanza di identita’ granata in societa’.. vi ho inserito in un colpo solo Moretti Asta e Longo…e ancora mi criticate?…basta sapete chevvi dico?..m’avete rotto!..Siete degli ingrati! adesso vi vendo al primo che passa!!!…scherzeeettttooooo!..vi piacerebbe ehhh!!!…tie’!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. CUORE GRANATA 44 - 3 mesi fa

    Leggo solo ora questa lunga,cicostanziata ed appassionata lettera\appello rivolta a Cairo.Riassume in buona sostanza le tante considerazioni fatte nel tempo, da molti noi tifosi aggiungendo particolari che lasciano basiti per la “piccineria”di questo Presidente accecato dal Suo egocentrismo.Temo che l’iniziativa resti purtroppo “lettera morta” sopratutto nel caso in cui il Suo “mandato”sia ancora in vigore.”Pacta sunt servanda!”Ma in tutte le umane vicende esistono Alfa ed Omega…Sempre FVCG!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. policano1967 - 3 mesi fa

    Nn c era bisogno di questa lettera per capire urbano cairo.urbano cairo e un opportunista.vende aria in cambio di soldi.nel 2005 incontrai cairo in un ritiro prepartita.gli parlai due minuti e facemmo foto insieme sperando ke quella foto fosse un bel ricordo.nel 2007 cancellai la foto dal mio telefono….siamo nel 2020 e ce ancora gente ke nn ha capito ki sia urbano cairo?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. policano1967 - 3 mesi fa

      Ecco i fans di cairo.mostratevi almeno.qua anke con opinioni diverse si puo dialogare almeno per quanto mi riguarda

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Bischero - 3 mesi fa

        Il dialogo è le argomentazioni delle “stampelle” presidenziali si limita a… 1 vuoi cimminelli. 2 vuoi fallire. 3 lui spende… Stop. Fine della discussione.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. policano1967 - 3 mesi fa

          Nn ce solo cimminelli ma anke i sergio rossi e attualmente anke i percassi volendo nn scomodare magnati mondiamoli.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Il_Principe_della_Zolla - 3 mesi fa

    Verrà il giorno che se ne andrà, sempre un giorno troppo tardi. Forse s’intravede un barlume in fondo al tunnel.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. gramelot - 3 mesi fa

    Il 31 agosto si può pertanto dire che il Toro diventò proprietà di Cairo. Formalmente no. Divenne agli effetti di legge di proprietà Cairo il 2 settembre, allorché, nell’ufficio dell’assessore Peveraro, tutti noi sedici soci del Torino f.c. procedemmo a cedere a lui, con atti a rogito della notaio Francesca Ciluffo, le nostre quote, ricevendo cadauno la somma di €625,00, con 16 assegni bancari a firma Urbano Cairo, tratti su Unicredit conto corrente n.30049854 filiale di Milano San Marco, per un totale di 10 mila euro. Questa fu la totale somma corrisposta da Cairo per l’acquisto del 100% delle quote di proprietà della società Torino f.c., con squadra regolarmente iscritta al campionato di serie B e la dotazione di cui ho parlato nei precedenti capitoli. Una somma da lui versata che mi rimborsava di quanto avevo precedentemente versato per costituire la società. Un semplice ed esclusivo rimborso; non misi quindi in tasca neppure un euro e, come me, nulla misero in saccoccia Sergio Rodda e gli altri soci. Si era lavorato per due mesi ventre a terrà esclusivamente per amore del Toro e ciò ci sarebbe bastato se… Aggiungo solo che, in quella sede e mentre il notaio stava predisponendo gli atti nel salone principale, mi recai in una stanza adiacente per un tu per tu con Cairo e gli dissi: “ora è tutto finito, il Toro è tuo e ti chiedo solo 15 abbonamenti nei distinti centrali da regalare ai soci che ti stanno cedendo le quote…solo 15 perché sia io che Rodda non ti chiediamo nulla”. Quei 15 abbonamenti non arrivarono mai, probabilmente se ne scordò.”

    (Avv. Gigi Marengo)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. gramelot - 3 mesi fa

      “Ora sei tornato un semplice tifoso e, da tifoso, c’è qualcosa che lamenta nella gestione Cairo, a partire da quel famoso 2 settembre?
      Non mi piace la mancanza di trasparenza gestionale verso i tifosi. Non posso accettare la lesione di territorialità che ha caratterizzato l’attuale gestione sin dal famoso 3 settembre 2005. Mi fa arrabbiare la scarsa attenzione posta a livello societario sulla nostra storia. In ultimo, le due situazioni che più mi fan girare i cabasisi, rendendomi furente su quanto ogni giorno tocco con mano: l’imprenditorialità gestionale sistematicamente applicata sin’anche oltre la manualistica di settore e la ricerca di intesa e convivenza con l’impero zebrato e la sacra famiglia”. (Avv Luigi Marengo)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Toronelcuore - 3 mesi fa

    Ho già scritto in un altro post il fatto di rimanere basito nel vedere quanti Cairoboys ancora circolino in giro a difendere il cialtrone. Poi questa mattina incontro un mio amico che ha il figlio che deve fare i giovanissimi nel Toro. Mi dice che li hanno convocati per la firma e che ad Agosto inizia il ritiro ma a differenza degli altri anni visto che soldi non ce n’è si farà a Torino e i genitori dovranno portare i figli tutti i giorni su e giù. Non aggiungo altro ma solo: dove cazzo vogliamo andare con questo personaggio. Facci un favore: sparire in tempo zero. E ci sarà anche gente che ti piangerà. FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. gramelot - 3 mesi fa

      Più che cairoboys, secondo me la maggioranza di questi squallidi cialtroni sono infiltrati zebrati che fanno il tifo affinchè il mercenario giornalaio di Masio possa ancora restare a lungo per distruggere completamente quel che resta del Toro.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. ddavide69 - 3 mesi fa

    Sempre la solita storia…per alcuni…sono i tifosi a dover trovare un compratore per il Toro , dimenticandosi come sono andate alle vendite di altre società. La gente dimentica o semplicemente non capisce un cazzo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. marione - 3 mesi fa

      Davide perchè comprare? Lui non ha comprato nulla, ha preso a costo zero. Comprare… glielo portassero via gli amrericani

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. ddavide69 - 3 mesi fa

    Questa lettera molto ficcante e ben scritta riassume ciò che molti di noi scrivono e pensano da anni. Moltissimi altri tifosi ancora appoggiano l operato di questo cialtrone che forse per sudditanza e per convenienza ci costringe a vivere la nostra fede in maniera così frustrante . Non verrà mai troppo presto il giorno che si leverà dai marroni. Si trovi al più presto un acquirente e si tolga dai piedi . Quando succederà sarà il mio scudetto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. fabrizio - 3 mesi fa

    intanto toropravda ha spostato l’articolo in fondo….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. FVCG80 - 3 mesi fa

    Grazie UCG, con questa lettera avete scongiurato le sue consuete dichiarazioni post vittoria. Adesso starà nascosto per un po’, ma alla prima occasione per farsi pubblicità tornerà.. Sarebbe bello scriverne una a settimana, in modo da sileziarlo sempre.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. paulinStantun - 3 mesi fa

    Anche io non sono molto d’accordo con questa lettera che è sicuramente animata da sentimenti sinceri, ma che sembra semplicemente uno sfogo da amante tradito.
    Il concetto cardine è che il Torino FC è di Cairo, ci piaccia o meno, e quindi sul se e quando vendere la decisione spetta solo e soltanto a lui; quindi ad un tifoso del Toro restano due scelte: o mediare con la proprietà cercando di migliorare le cose o non essere più tifoso di una squadra in carne ed ossa e cullarsi sui ricordi (o sui racconti dei ricordi: io sono ormai non distante dalla 50ina e il picco massimo che ho vissuto in prima persona è la finale di UEFA, il campionato ero troppo piccolo per ricordare).
    Io in una ipotetica lettera alla proprietà avrei segnalato le mancanze (Filadelfia, Museo, Robaldo etc), magari con un po’ meno di romanticismo che serve a nulla quando si parla di soldi, e avrei anche notato le cose che sono migliorate (comunque si è passato da una squadra di brocchi in prestito a una squadra con Sirigu,Belotti N’Koulu e in passato Falque, Ljiaic, Cerci e Immobile), per concludere con la considerazione che qualsiasi siano le intenzioni di un proprietario di un club di serie A non rientano tra queste il farsi insultare e prendere in giro, quindi forse converrebbe anche a lui avere un Toro che fa come l’Atalanta e non come sta facendo ora (oltretutto spendendo molto di più visto che il monte ingaggi dell’Atalanta è di parecchio inferiore a quello del Toro).
    La richiesta dovrebbe essere in primis quello di strutturare meglio la società, cosa che secondo me è alla base del successo di una qualsiasi azienda (e ormai le squadre sono aziende) oppure, se non ha intenzione di farlo, forse si dovrebbe chiedere se non è meglio, in primis per lui, cedere una società che non gli fa sicuramente una buona pubblicità.
    A cosa servirebbe una lettera come questa??? Molto probabilmente A NIENTE (esattamente come quella originale), però avrebbe, a parere mio, un senso.

    PS: non prendo neanche in considerazione che Cairo sia un fantoccio al servizio della famiglia, non perchè non lo sia (anzi è possibilissimo che lo sia) ma perchè nel momento in cui si da per assodato questo addio sogni di un possibile miglioramento con un cambio societario (che sia uno con la potenza di Cairo o molto più potente di Cairo perchè andarsi ad infilare in un ginepraio invece di acquistare un’altra squadra che non abbia condizionamenti esterni???)

    Quindi concedere come unica scelta quella di vendere equivale a rendere carta straccia la lettera stessa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. paulinStantun - 3 mesi fa

      L’ultima frase è un refuso, scusate

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. gramelot - 3 mesi fa

      Evidentemente o non conosci Urbano Cairo e i 15 anni di nulla sportivo, di distruzione del Toro e dei tifosi non ti hanno insegnato nulla, oppure sei solo uno dei tanti cairoboys che cerca di difendere l’indifendibile e che, puntualmente, compaiono solo in certi frangenti.

      Forse non hai neanche capito cosa vuol dire, a livello mediatico e di tifosi, avere contro l’UCG.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. fabrizio - 3 mesi fa

      certo giriamoci dall’atra parte e facciamo finta di niente…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. TOROPERDUTO - 3 mesi fa

      Non c’è da mediare proprio niente, dopo 15 anni non c’è più niente da fare se non andare allo scontro duro e totale, nessuno presidente per primo può e deve permettersi di chiedere niente ai tifosi.
      Chi continua su questa strada vuol dire che non ha capito niente.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Martin Vazquez - 3 mesi fa

    A prescindere dalla motivazione che portò il padrone dell’ FC toro ad acquistarlo, a prescindere se chi verrà dopo avrà disponibilità economica maggiore, nel mio modesto concetto da tifoso voglio riviverr quel sentimento che da sempre mi ha accumulato al TORO, la voglia di lottare a prescindere da chi fosse l’avversario e sino all’ ultimo secondo, questo viene dato dal senso di appartenenza che è radicato nella società prima e dai giocatori poi. Oggi, il toro è arido di sentimenti ed un motivo c’è.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. paulinStantun - 3 mesi fa

      Il tuo commento fa pensare (in quanto esprime dei desideri credo molto comuni tra noi tifosi del Toro).
      A parte il senzo di appartenenza dei giocatori che purtroppo sarà ogni volta meno prensente in questo calcio-business, credo che se la squadra esprimesse una sua identità di gioco (per esempio come il Verona o anche il Lecce che però ha giocatori inguardabili) e mettesse in campo grinta e voglia di combattere ci sarebbero molti meno malcontenti.
      Non capisco veramente come uno come Cairo (che non credo sia stupido) non ci arrivi a queste conclusioni. Oltretutto una siffatta squadra probabilmente gli costerebbe pure meno!!! (Se al posto dello sculettante Zaza ci fosse una specie di Meggiorni i tifosi sarebbero più contenti e lui risparmierebbe un milione).
      Questa secondo me è la chiave di volta: perchè non struttura bene la squadra, cosa che gli permetterebbe di avere risultati migliori con investimenti uguali o inferiori (oltre a non vedere sui giornali e in tv striscioni che lo insultano ed essere esaltato come un ottimo presidente dai media)???

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. gramelot - 3 mesi fa

        Perchè il suo unico interesse è quello di circondarsi di yesmen e di accentrare a se tutti i poteri, al fine di fare quattrini in qualunque modo, anche con gli zebrati: lui, quattrini per una corretta struttura dirigenziale e funzionariale della società e per dei giocatori validi non li metterà mai, come ha sempre fatto nei suoi 15 anni di gestione.

        Eppure non è difficile da capire, dopo 15 anni.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. ddavide69 - 3 mesi fa

          Appunto

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. gm - 3 mesi fa

    Non permetteranno mai a nessuna persona seria di venire e creare un Toro forte… Cairo fu costretto a prendere il club per non avere casini alle Olimpiadi invernali, quando si è accorto che poteva lucrare ha fatto capire ai padroni che lui non avrebbe disturbato. Gli hanno fatto comprare la 7 ed RCS e lo usano. Tutto qui, purtroppo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Pau - 3 mesi fa

      che c’entrano le olimpiadi invernali, in che senso non avere casini? questa mi è nuova.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. gatsu7_903 - 3 mesi fa

      Una semplice domanda, ma voi che scrivete certi post, da dove le tirate fuori ste cose, se avete prove di quello che dite datele alle iene o altri che fanno di una cosa del genere, uno scoop e ci lucrano loro sopra almeno vediamo se è veramente vero ciò che scrivete
      Alberto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. subcomandante - 3 mesi fa

    Comunque se la lettera rappresenta circa 10.000 tifosi dei club , che sono la parte attiva, con tutti i pollici giù che vedo vuol dire che sto sito e pieno o di infiltrati o di passivi..se sono infiltrati devono andare a prenderlo nel c. Se sono passivi, essendo i commenti praticamente tutti tra uomini si informino che ruolo hanno i passivi nelle coppie omo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Giochi - 3 mesi fa

    La solita lagna del tifoso Granata che prima invidia e si lamenta e poi guarda la realtà.
    Le parole chiave di tutta questa bella lettera di lamentela sono poche: trovare un acquirente. Caro club Torino, cercalo tu un acquirente. Cerca tu un pazzo che si compri il Torino e che spenda e spanda, solo per fare felici noi tristi tifosi del toro.
    Ma siccome non lo trovi neanche con il lanternino , non ti rimane che fare la solita e ripetuta azione : lamentarsi.
    Il presidente Cairo ha tutta la responsabilità di questa annata maledetta, e di errori ne ha commessi molti, ma ha avuto, caro club Torino, un merito che nessuno gli riconosce. Ha tenuto viva la nostra passione VIVA. L ha salvata dalla sparizione o dall oblio di categorie inferiori.
    Certo , a vedere l Atalanta, viene da mangiarsi le mani, perchè noi eravamo cosi, con il nostro vivaio.
    Ma siamo ancora vivi e siamo li.
    Non scordartelo mai, caro club Torino.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. gramelot - 3 mesi fa

      Vergognati, servo e lacchè del mandrogno.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. FVCG80 - 3 mesi fa

      “La sindrome di Stoccolma è un particolare stato di dipendenza psicologica e/o affettiva che si manifesta in alcuni casi in vittime di episodi di violenza fisica, verbale o psicologica. Il soggetto affetto dalla sindrome, durante i maltrattamenti subiti, prova un sentimento positivo nei confronti del proprio aggressore che può spingersi fino all’amore e alla totale sottomissione volontaria, instaurando in questo modo una sorta di alleanza e solidarietà tra vittima e carnefice”

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. ddavide69 - 3 mesi fa

      Dimmi cosa è rimasto di vivo nel cuore del tifoso del Toro. Essere preso per il culo da uno che non tira fuori neanche 50 euro ? Obiettivi annunciati e puntualmente tutti sfumati. Una serie vergognosa di record negativi , peggior serie negative di risultati nei derby, peggior passivo in una partita secca , peggior stagione in fatto di gol subiti…devo andare avanti? Come se non bastasse susmobgli zimbelli tra le tifoserie d italia per tutte le cose elencare sopra. In quest anno abbiamo toccato il fondo, ma CAIRO ricordalo non ha dato NULLA al Toro , anzi lo abbiamo fatto noi tipiche almeno abbiamo fatto abbonamenti allo stadio o alle paytv . Lui ha lucrato sul Toro senza dare un cazzo in cambio. Non c è nulla di cui andare orgogliosi in tutto questo , e non c è dignità in tutto questo E tu dici che ha tenuto viva la nostra passione , invece continuamente frustrata? Ha contribuito ad affossata la passione , te lo assicuro!!!!@

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ddavide69 - 3 mesi fa

        Non tipiche ma tifosi.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. marione - 3 mesi fa

      E delle altre 14 di chi è la responsabilità?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Il_Principe_della_Zolla - 3 mesi fa

      Straparli, senza vergogna.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. subcomandante - 3 mesi fa

    Dove bisogna andare per firmarla ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. granata63 - 3 mesi fa

    Non ci sono parole. Se penso che in questi ultimi anni, quando criticavo braccino, ricevevo un sacco di critiche. Noi siamo tifosi speciali. Riusciamo a veder brillare la stella del TORO anche nel buio totale che questa persona ha creato. Quando te ne andrai sarà sempre troppo tardi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. fabrizio - 3 mesi fa

    Fa piacere vedere che c’e’ qualcuno con la memoria che funziona…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Tor zone - 3 mesi fa

    L’obiettivo di Cairo è la politica ma non sa dove e quando buttarsi.
    Fare bene nel calcio gli serve per l’immagine e la credibilità difronte al popolo.
    Per questo la stagione è stata fallimentare anche per lui.
    I milanisti hanno goduto per anni per questo tipo di sinergia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. Tor zone - 3 mesi fa

    Cairo vorrebbe scendere in campo nella politica, ma non sa ancora dove e quando buttarsi.
    Credo che fare bene nel calcio gli serva a questo scopo e quest’anno è stato fallimentare anche per lui.
    I milanisti hanno goduto per anni per questo tipo di sinergia! E non c’è da rallegrarsi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. VM8 - 3 mesi fa

    La verità è che sono stati ancora corti.. Ci sono tante altre cose da dire..!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. Opi - 3 mesi fa

    Lettera interessante ben scritta ed esplicativa, piena di spunti interessanti su cui riflettere ,spero che chi la leggera’ tenga d’occhio la luna e non il dito!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. fabrizio - 3 mesi fa

      c’e’ qualcuno che non arriva nemmeno alla punta del dito..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. Ardi - 3 mesi fa

    Finalmente una lettera accurata, profonda, vera e piena di passione . L’unica cosa buona che potresti fare è vendere il Torino, ad un prezzo congruo ed a una persona che voglia il nostro bene, ma forse, per diversi favori è qualcosa che non puoi fare. Vergogna

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. FuriaGRANATA - 3 mesi fa

    Tutti uniti e compatti.FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. FuriaGRANATA - 3 mesi fa

    Presinienteee te ne devi andare fuori dai c…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. FuriaGRANATA - 3 mesi fa

    Urbano Cairo VATTENE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. abatta68 - 3 mesi fa

    Direi che ci siamo, con calma e pazienza piano piano ci arriviamo tutti, chi prima, chi dopo e chi magari non ci arriverà mai. Cairo ha sempre avuto la stessa faccia in 15 anni, la faccia di chi non può capire perchè semplicemente non c’era, non c’è mai stato! Il tifoso del Toro ha una radice precisa, determinata da fatti e situazioni che lo hanno visto coinvolto fin da piccolo. Queste cose gli sono rimaste appiccicate addosso e vogliono qualcuno che le sappia rappresentare al mondo, per poter dire “ecco, questi siamo noi! abbiamo questo colore e questa bandiera, rappresentiamo questi valori, questa forma identitaria, non siamo solo una squadra di calcio!” Il tifo granata è stato qualcosa a cui si sono ispirate molte altre tifoserie, diventando esaltazione pura, fatta di una massa umana che rimbalzava al suono dei tamburi, sotto uno sventolio di enormi bandiere e striscioni che coprivano le persone stesse. I cori erano semplici, ritmati e scanditi da tutti, con la voce e le mani e si sentivano da corso Orbassano, molto prima di arrivare allo stadio, ore prima dell’inizio di una partita! Oggi le canzoncine che ci sovrastano 5 min prima dell’inizio di una partita sono nastri registrati e sono il momento più elevato di coinvolgimento collettivo, che ormai ognuno di noi trattiene dentro di sè, quasi come se fosse unicamente un aspetto intimo da tenere nascosto. Quando passano questi 5 min e inizia la partita tutto finisce e io provo sempre malinconia nel pensare cosa è stato il Toro fino a 20 anni fà e come è stato possibile che sia diventato il “nulla totale” di oggi, con una tifoseria divisa che non sà nemmeno più che cavolo vuole rappresentare, se non uno sfogo di rabbia quasi isterica per qualcosa che a ognuno di noi è stato tolto. Io c’ero e c’erano 50mila altre persone intorno a me che sentivano e vivevano lo stesso momento con la mia stessa empatia ed emozione. Lei Presidente no, ne sono sicuro!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marchese del Grillo - 3 mesi fa

      Tutto assolutamente vero. Siamo stati lobomotizzati, anestetizzati e soprattutto costretti a dividerci. Ha davvero dell’incredibile quello che ci sta accadendo e che stanno facendo accadere al nostro Toro.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  30. MV - 3 mesi fa

    Su vari aspetti si può discutere. Su quelli tecnici i firmatari non sono credibili. I bei progetti Ventura-Petrachi che Cairo avrebbe smontato sono stati osteggiati continuamente da quegli stessi che ora li celebrano. Ricordo che Ventura dovette sorbirsi una contestazione quasi continua solo perché aveva detto che venivano da Cittadella. Stesse cose sta dicendo Longo in questo periodo. Per questo i contestatori non sono credibili.
    Inutile aggiungere che “vendi a chiunque” non mi pare una strategia geniale

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. user-14280108 - 3 mesi fa

      Se ti piace il toro attuale tieniti pure Cairo. Io e tanti altri abbiamo un’idea diversa di TORO.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Pau - 3 mesi fa

      Hai ragione a sottolineare queste contraddizioni. Ventura lo si criticò molto e la su a partenza fu festeggiata da molti me compreso e rimpiangerlo ora non ha senso. Questa lettera va vista nel suo complesso, secondo me. Fare le pulci lascia il tempo che trova.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  31. sigfabry - 3 mesi fa

    Io sono d’accordo con la modalità della protesta civile e organizzata , ed anche sul fatto che per quasi tutti gli argomenti affrontati siamo arrivati ad un punto di non ritorno , nel senso che o si affrontano per essere risolti con chiarezza e per il bene del Toro o la contestazione sarà ad oltranza .
    Però la lettera non mi piace proprio , non mi rappresenta assolutamente .
    A parte che lo svincola dalle sue responsabilità .
    Frasi tipo… non ci ameremo più …. ormai è troppo tardi ….eravamo pieni d’amore e di fiducia ,a parte che ci fanno fare la figura dei coglioni , ma poi con tutto il rispetto per chiunque , i primi 10 anni sono stati un vero incubo , e dove cavolo erano sti geni?
    Ora che ha delle possibilità sia personali che derivate come ad esempio diritti TV e Parco giocatori di Proprietà scrivi questa conclusione … Ve la riporto estrapolandola letteralmente e mi dite come fate ad essere d’accordo :
    “””””
    “Ti chiederai, cosa posso fare per rimediare ?
    Nulla. Il nostro amore l’hai perso da tempo, forse dal giorno in cui sei comparso al fianco di Don Aldo promettendo tre milioni per la ricostruzione del Fila.
    Forse in quel momento quello che era un grande amore è diventato prima convivenza ed oggi solo mera intolleranza forzata.
    Torniamo alla domanda, cosa puoi fare ?
    Niente. Amore e passione, così delusi e così maltrattati, non si recuperano.”
    “”””””””””””
    Voi sottoscrivete sta roba ????
    Altro che non deve fare nulla, e certo aspettiamo che ci spolpa e poi quando è comodo ci vende .Sicuro che poi farà di tutto per metterci in mani sicure e amorevoli, infame com’è ci venderà a quelli che reputerà più probabile che non riusciranno a fare meglio di lui, ma è quasi una certezza !
    DEVE MUOVERE IL CULO SUBITO e pure per bene , ma no le magliette ai club o i seggiolini o altre richieste da provinciale mezzo analfabeta.
    Strutture investimenti e impegno reale. Poi si può vincere o perdere anche perché é sport , ma comunque si cresce !
    Ragazzi è veramente da mezzi ritardati sta lettera.
    Ci mancava un’altra figura di merda , ne abbiamo fatte poche .
    Forza TORO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 3 mesi fa

      Certo, si può essere d’accordo o no, anche per me non è scritta bene… ma non credi che dire “DEVI MUOVERE IL CULO SUBITO” sia ancora più inutile? pensi che Cairo non lo abbia mai fatto perchè aspettava qualcuno che glielo dicesse? Cairo ha avuto mille assist per fare qualcosa di significativo per questa piazza, non è stato di sfruttarne uno, a partire dalla strutture!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. sigfabry - 3 mesi fa

        Abatta, se la protesta è organizzata compatta e raggiunge numeri di adesioni importanti , hai una posizione di contrattazione forte e soprattutto lo esponi a livello mediatico,ed è anche un problema che non aveva mai dovuto affrontare con proporzioni significative Ma devi fare delle richieste e proporre delle linee guida entro le quali si trovino degli accordi, devi essere credibile e palesare apertura al dialogo, altrimenti ti sminuisce e soprattutto presti il fianco ad essere etichettato come disturbatore o comunque controparte non attendibile, distruttiva e fine a se stessa .
        Muovere il culo è un modo di dire , non andrebbe sulla lettera ,almeno questo ti era chiaro ?
        Però caro abatta se non ti sei accorto dell’inconcludenza del poema che ci propongono come nostro manifesto invece a me scrivi che sarebbe più inutile un approccio costruttivo , sinceramente non so che ragionamento hai fatto .
        Lo rispetto ma non ti seguo
        Ti rendi conto che quello scempio rappresenterà i Tifosi del Toro.
        Ma un minimo di spirito critico e amor proprio lo vogliamo tirare fuori.
        Lungo in maniera spropositata senza motivo, solo i malati di Toro lo avranno letto tutto e con attenzione , sai quanti di questi che hanno scritto commenti entusiasti lo hanno letto tutto e attentamente ? Un terzo sarebbe già un buon risultato .
        Figurati chi non è del Toro quando mai lo leggerà , ma la barzelletta vera è che se per miracolo riesci a farglielo leggere , alla fine delle mille righe che gli arriva ?
        La solita contestazione delle tifoserie delle squadre che non vanno bene , vogliono cambio di proprietà con maggiori risorse e presidente tifoso .
        Ma non è una soluzione , tutti vorrebbero questo per la loro squadra .
        Addirittura ci fanno pure il commento da intellettuali , che loro per primi avevano trovato la soluzione ai problemi del Torino ,”Deve andare via Cairo e deve vendere a uno MEJO, finalmente vedo che pure l’altri ce stanno a arriva’ a capillo pure i meno svegli , a parte i leccaculo che lo difendono pe qualche euro ”
        Come ci siete arrivati a questa soluzione ???
        Complimenti é geniale , ma ad essere sincero è molto complicata al senso in generale ci sto arrivando piano piano , ma tutti i passaggi ci rinuncio . Dopo deve cedere il Toro a una proprietà con maggiori risorse econ…. e mi perdo.
        Mi fido della vostra intelligenza .
        Soddisfatto abbatta??

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. ddavide69 - 3 mesi fa

          E quindi secondo te, visto che non si riesce ad organizzare una protesta in grande stile, tanto vale non dire nulla, subire passivamente, stare zitti ….complimenti, la tua si che è una posizione che serve alla causa!!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  32. Roland78 - 3 mesi fa

    È da un’ora che applaudo. Bravissimi (a parte “qual è” scritto con l’apostrofo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. sigfabry - 3 mesi fa

      Applaude da un’ora , certo che qual è con l’apostrofo , mannaggia .
      Altrimenti applaudivi due ore

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Roland78 - 3 mesi fa

        Era molto più lungo il messaggio, non so perché è stato tagliato (e dopo qual è avevo messo la faccina per far capire che scherzavo).

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. sigfabry - 3 mesi fa

          Non ti volevo offendere , é che a me proprio non mi piace la lettera , ma non mi fraintendere , sono d’accordo sui motivi e sugli argomenti importanti . E’ lo svolgimento che é pessimo e su alcune cose non mi sento rappresentato .
          Io non sono stato mai innamorato di Cairo , e partiamo già su basi diverse . Anche perché non c’è mai stato uno straccio di motivo nemmeno per affezionarsi ,deve essere molto meno sui sentimenti .Rola ti faccio un esempio per darti modo di comprendere meglio la mia avversione a questo tipo di contestazione , oltre a quello che che ho già scritto c’è l’esperienza che vivendo a Roma ho maturato assistendo alla guerra tra Lotito e la tifoseria laziale . Qui è stata una guerra , noi in confronto non facciamo testo, quella lettera vale meno di zero . Qui hanno fatto un macello e il risultato è stato che il presidente ha fatto ancora più di testa sua, tanto i tifosi sono comunque contro perché preoccuparsene.
          Ma la nostra è anche umiliante sembra una letterina della fidanzata del liceo che ti lascia, perché lei ti amava e tu l’hai sfruttata ,illusa , non hai mantenuto le promesse non gli hai regalato la maglietta che gli piaceva e quando ti ha organizzato la festa non ci sei andato e non gli hai nemmeno fatto arrivare i formaggini che potevi avere gratuitamente , e l’hai proprio umiliata con la tua indifferenza . E ti scrive per farti sapere che nulla di quello che potrai dire o fare le farà cambiare idea su di te ,perché le ferite che le hai procurato sono troppo profonde per essere rimarginate .
          Come cavolo fai a scrivere ho applaudito per un’ora ???
          Ho non l’hai letta bene o sei un nostalgico delle cotte del liceo?
          Ammettilo

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Roland78 - 3 mesi fa

            Sigfabry, non mi hai affatto offeso, ci mancherebbe. Anzi, scitto così, il mio messaggio non aveva senso. Continuavo dicendo che la cosa triste è che tanto le cose non cambieranno mai, ma che ero felice di sapere che per lo meno tutti i tifosi si sono ormai resi conto della bassezza di quest’uomo. Quindi non si tratta di cotte, ma di apprezzare il fatto che almeno qualcuno gli abbia recapitato il messaggio, per quanto in maniera blanda. Vivevo a Roma all’epoca della grande guerra Lazio-Lotito e avevo una collega sfegatata che mi raccontava di ciò che facevano per cacciarlo, invano. Quindi so di cosa parli. Comunque, avere idee diverse non è reato, anzi, è il bello del confronto,per cui comprendo la tua visione pur non condividendola.

            Mi piace Non mi piace
          2. sigfabry - 3 mesi fa

            Rola , ma all’inizio del mio commento dico lo stesso che hai scritto tu, sono d’accordo ad una protesta organizzata e civile e condivido le critiche mosse alla società e quindi al presidente . Poi però hai letto cosa penso di come l’hanno realizzata.
            Ma io non conto nulla , quindi condivido con voi che come me amate il Toro quello che penso . Essere in disaccordo fra noi riguarda esclusivamente modi diversi di come ottenere il bene della nostra squadra, quindi ben vengano più idee possibili
            Ciao Ro’
            Forza Toro
            P.S
            La lettera fa cagare!!!!
            🙂

            Mi piace Non mi piace
  33. Toronelcuore - 3 mesi fa

    Standing ovation e 30 minuti di applausi per la lettera che raccoglie quasi tutto della realtà e del mio pensiero. Ci sono cose scritte per le quali mi vergogno io per il presiniente. È veramente palese la pochezza del personaggio e il menefreghismo verso i nostri colori che la cosa che mi lascia più basito e triste è vedere nei commenti precedenti il numero elevato di spolliciate giù e quelli che in modo incredibilmente incredibile lo difendono ancora. La parte dove si parla delle infrastrutture dovrebbe far capire quanto tenga al Toro il presiniente. GAME OVER.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marchese del Grillo - 3 mesi fa

      Che vuoi fare, ci sono quelli che ci mangiano e che tengono famiglia!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  34. marione - 3 mesi fa

    Azz per la prima volta su questo forum non vedo contrasti. Credo non sia mai successo, se non ai tempi in cui i gobbi vengono sbattuti fuori dalla Coppa. Cairo ha ricompattato una tifoseria.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  35. rza78 - 3 mesi fa

    Cairo vattene

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  36. Stufodellamediocrita' - 3 mesi fa

    Sottoscrivo parola per parola la.lettera che riassume i 15 anni dell’era Cairo
    Quelli che la pensano diversamente argomentassero invece di trincerarsi dietro i soliti luoghi comuni o le consuete frasi fatte.
    Il re è nudo! Sempre più solo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  37. Andrea63 - 3 mesi fa

    Ancora qualche “leccaculo” si ostina a difenderlo ma sono rimasti in pochi, gente che si vende per qualche euro o biglietti gratis…. Sono dei poveri mentecatti e mi fanno solo pena!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  38. Paul67 - 3 mesi fa

    Meglio tardi che mai,
    D’altra parte gli umani si dividino in 3, quelli che capiscono subito, quelli dopo e quelli che nn lo capiranno mai che cairetto nn rappresenta il TORO. Sembravamo indiani chiusi in una piccola riserva, noi “gobbi” che da anni contestiamo il CIARLATANO. Purtroppo per far aprire occhi, orecchie, narici, c’è voluto una stagione fallimentare con il rischio retrocessione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  39. Bischero - 3 mesi fa

    Vattene. Hai chiuso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  40. Synesthesy - 3 mesi fa

    Io mi chiedo solamente queste persone in quale mondo vivano.
    Sarò anche in minoranza (forse, ma queste cose in genere non si sondaggiano veramente) ma io mi DISSOCIO da questa lettera.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. marione - 3 mesi fa

      Comi, torna a tavola da bravo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. grammelot - 3 mesi fa

      Dovresti prima domandarti in che mondo vivi tu, ma sei solo un lacchè che cerca di difendere l’indifendibile.

      Torna dal tuo padrone mandrogno a leccargli la mano e a mendicare le solite briciole.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Marcogol - 3 mesi fa

        sei il solito maleducato, io fossi in te mi vergognerei dopo l’educata risposta di synesthesy, sei proprio uguale al tuo odiato ‘presiniente’

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Marcogol - 3 mesi fa

          Mi fa piacere che la veritá ti faccia male, tu sei il solito provocatore da 4 soldi che cambia nick continuamente fino a che viene sputtanato da gente intelligente ed educata, ci vediamo al prossimo nick suppongo ne hai giá pronto un’altro, ah chi usa queste vie di comunicazione per insultare sappi che é solo un vile vigliacco

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Martin Vazquez - 3 mesi fa

      Prima di dissociarsi, fatti capire.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Pau - 3 mesi fa

      Si veramente spiegati, perché davvero non so come non si possa essere d’accordo con questa lettera. Ma dove vivi tu, viene da chiedersi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Synesthesy - 3 mesi fa

        La questione è lunga, ma visto che me l’avete chiesto vi rispondo in maniera precisa per quanto sia possibile in uno spazio del genere:

        1) Il Torino ha una gran bella storia. E’ vero. Molti di noi si sono innamorati del granata ascoltando storie di questo o quel grande campione che hanno fatto cose incredibili. Però il calcio è business e la storia non lo è. Indossare le stesse magliette di quelle di chi ormai 70 e passa anni fa ha fatto leggenda non ci da alcun vantaggio rispetto alle altre squadre (nemmeno attira più nuovi tifosi da parecchio tempo). La Storia siamo noi che la ricordiamo, ciascuno a suo modo, ma le scelte imprenditoriali, strategiche, calcistiche, non riguardano questo. Se il Presidente del Torino è più o meno fedele a questo nulla mi importa. Mischiare critiche irrazionali come queste a quelle sul management secondo me è stupido e deleterio.

        2) I tifosi sono importanti, ma pretendere che una organizzazione li rappresenti nella totalità è comunque errato. I tifosi che fanno parte di club sono una misera parte della tifoseria totale. Nella lettera si citano 10.000 tifosi; una rapida ricerca su internet parla di circa 760.000 tifosi accaniti del Toro. A casa mia si dice una fragola in bocca a un asino. Non so quanti di quei 760.000 siano stati d’accordo alla contestazione senza se e senza ma che qualche mese fa si fece alla squadra che stava lottando per entrare in Europa League (o qualche anno fa chi contestava senza pietà uno dei migliori allenatori del Torino di tutti i tempi in quanto a risultati, assieme a Mondonico, Radice).

        3) Si parla di “esperimento sociale”. Qualche anno fa io ero andato a vedere Toro-Napoli (3-5) in mezzo a tifosi celesti, mi fece rabbia vedere qualche vecchio cercare di provcarli a fine partita. E mi fa schifo l’idea che qualcuno abbia rischiato, ma mi fa schifo proprio l’idea che a qualcuno pensi sia normale che sbagliare curva e tifare lo stesso non ce lo si possa permettere nel 2020. Su questo qualcuno (peraltro una minima parte del tifo) dovrebbe guardarsi allo specchio e chiedersi cosa desidera nella vita.

        4) Sulla pubblicità non ci vedo nulla di male; tutto ciò che fa cassa fa business e il business è l’anima del calcio che vince. Ne parlerò meglio tra poco. Ma se l’appartenenza e l’orgoglio sono solo il vuoto appendere uno striscione (per poi magari fischiare i tuoi calciatori appena toccano palla) anche qui c’è qualcosa di sbagliato.

        5) Il Fila è una cosa molto romantica. Per me lo è personalmente, perché mio padre ci giocò tanto tempo fa. Ma di nuovo, il romanticismo fine a sè stesso è vuoto, e il Fila è un simbolo vuoto di un passato che non tornerà. Ok farne un museo eccetera. Ma a questo punto non sarebbe invece giusto parlare di un bel moderno stadio di proprietà? Da fare in un posto più comodo e ampio, da fare moderno, bello, all’inglese, degno di portare il nome di Grande Torino al posto del fu stadio Mussolini? Sul Fila si sprecano tempo e soldi per far contenti una manica di romantici inguaribili, e lo capisco, ma non è questo che davvero serve oggi.

        6) A distruggere i gruppi umani non è Cairo, è la modernità. Quando Cerci venne chiamato all’Atletico per l’occasione della vita, cosa avrebbe mai potuto fare Cairo? Lo si vuol capire che i tempi sono cambiati, che ci sono proposte irrinunciabili per dei giovani calciatori, che la fedeltà alla maglia è oggi una stupida inutile chimera? I calciatori sono professionisti mercenari. Per chi ancora non lo comprende consiglio di guardare “The English Game” su Netflix, ambientato a fine ‘800. Serie molto bella. Glik è andato a vincere un campionato francese, lo potete biasimare? Cairo non avrebbe MAI MAI e poi MAI potuto trattenere quei giocatori. E tra parentesi, per un anno che finalmente l’ha fatto (vedesi N’Koulou) si è visto che non funziona e lo si contesta comunque, per cui…..

        6B) Non si può comunque pretendere dal Torino FC la capacità economica delle squadre italiane al top (Goeba tra tutte). E faccio notare che squadre come la Goeba soffrono degli stessi problemi: hanno chi contesta Allegri dopo 4 campionati e 2 finali di Champion’s, e pure loro che hanno Ronaldo a volte devono cedere giocatori che vorrebbero trattenere. Il mondo ormai gira così, a meno di non chiamarsi Real Madrid o Barcellona. Fatevene una ragione.

        6C) e proprio per questo il business è fondamentale. Se non si fa un buon business si possono anche toccare le stelle per un attimo, ma poi si torna nella fossa. Squadre come il Napoli hanno saputo costruire cicli positivi (e non sempre gli va bene), ma ci va tempo e pazienza. Ricordando che il calcio è sempre uno sport, non sempre va da pronostico, e perdere una partita può capitare a chiunque. Ventura è diventato l’allenatore più odiato del paese perchè Darmian ha preso un palo con la Svezia, qualche cm più in là e sarebbe stato un eroe. Davvero è stata colpa sua se Darmian ha preso quel palo?
        Ma un buon business e conti solidi fanno sì che si possa riprovare l’anno dopo. Non come negli anni ’90, dove a una singola finale di UEFA sono seguite vendite in nero, mangiatoie, arricchimenti personali e serie B.

        7) Amore per qualcosa a casa mia significa “in salute e in malattia, in ricchezza e povertà, nella gioia e nel dolore”. Posso scrivere un post di lunghezza analoga sulle magagne di queste ultime gestioni, ma se critico critico costruttivamente e lo faccio dall’interno. Io tifo Toro. C’è Cairo alla presidenza, Longo alla panchina e Sirigu tra i pali, io oggi tifo Cairo, Longo e Sirigu. Se Sirigu para male mi incazzo ma non gli fischio addosso come si faceva col povero Padelli (e se penso a quanto si è contestato Quagliarella nonostante il derby vinto mi chiedo davvero in che mondo vivo); se Longo sbaglia un cambio me ne lamento, d’altra parte in Italia ci sono 60 milioni di allenatori, ci sono pure io. E se Cairo sbaglia qualcosa posso anche scrivere in rete cosa avrei fatto io, con la consapevolezza che A) lo faccio da casa mia al sicuro senza rischi e senza firmarmi e B) comunque non è detto che io abbia ragione. Ma contestare per distruggere, augurare la serie B, chiedere di vendere a chiunque sapendo che chiunque può essere un mafioso, un idiota, uno che ci vuole mangiare sopra, chiunque, questo proprio no.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Tor zone - 3 mesi fa

          Grazie Syn
          Io sono così complicato che mi piace sia la lettera di UCG che quello che hai scritto!
          Si potesse tener conto di tutto…..

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. Marchese del Grillo - 3 mesi fa

          Provi a difendere strenuamente ciò che non è più difendibile, l’effetto è quello di chi si aggrappa con le unghie alla parete per non scivolare. Non posso purtroppo ribattere punto su punto perché ci metterei un’ora e non è nemmeno questo il luogo giusto per farlo, occorrerebbe confrontarsi di persona per farti comprendere quanto sei fuori strada su tante osservazioni. Una su tutte: al punto 6B trascuri il caso Atalanta, al quale dovremmo ispirarci come esempio virtuoso di progettualità ed obbiettivi raggiunti con budget limitati e vendendo pezzi pregiati sistematicamente. Ma ogni punto può essere facilmente controbattuto, pur rispettando il tuo pensiero.
          Per me Urbano Cairo resta il male assoluto del Toro e dopo 15 anni non mi farà più cambiare idea nemmeno l’apparizione di un santo.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Synesthesy - 3 mesi fa

            L’Atalanta è un caso positivo? Forse; diciamo che lo sapremo tra qualche anno, quando potremo distinguere se è stato un caso fortunato di poco tempo, oppure una vera crescita destinata a durare nel tempo. Secondo me è il tempo a fare la differenza: non il singolo risultato, ma il saperlo ripetere per un po’ di tempo. Come ad esempio il Napoli più che l’Atalanta.
            E su questo, faccio notare che il Toro di Cairo finora si è qualificato due volte alle coppe europee: una con Ventura, non ripetuta per pochi punti l’anno successivo. Una con Mazzarri, fallita per sorteggio: se noi avessimo avuto un pizzico di sfortuna in meno e avessimo preso una qualsiasi altra squadra al posto del Wolverhampton oggi avremmo una stagione diversa alle spalle e staremmo facendo discorsi completamente diversi su presidenza, stagione, allenatore, ecc. Ma poiché il sorteggio è stato al massimo colpa di sfiga e regolamenti europei, non mi sento di incolparne la presidenza (o Mazzarri). Pure, quella è la causa ultima delle magagne di quest’anno: un dannato sorteggio.

            Mi piace Non mi piace
        3. grammelot - 3 mesi fa

          Bravo complimenti: tra te e il giornalaio di Masio, per stabilire chi è il più contaballe e bugiardo, verrebbe fuori una bella gara.

          Manda tranquillamente il tuo CV alla Cairo Communication, hai elevate possibilità di essere assunto, ma quando vedrai lo stipendio ti passerà la voglia di difendere l’indifendibile.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        4. Pau - 3 mesi fa

          Così si capisce meglio. Capisco molte tue osservazioni, i tempi sono cambiati senza dubbio, il calcio è un business come tanti altri e per questo motivo spendere per accontentare affetti e romanticismi non è da tutti e spesso non ha un ritorno economico. Ma ti invito a guardare i 15 anni di Cairo nel loro complesso, quante volte ti sei sentito orgoglioso del Toro? dei suoi risultati sportivi e dell’esempio che come tifoso, dovresti associare alla maglia granata? e quante altre volte ti sei sentito preso in giro? nel mio caso e credo lo stesso valga per molti altri, la bilancia pende mostruosamente dalla parte sbagliata. Stiamo vivendo 15 anni di limbo sportivo assoluto, li nel mezzo, per non dare fastidio a nessuno, con commenti e dichiarazioni di cairo che spesso suonano come prese per i fondelli, con errori di comunicazione e di mercato evidenti e ripetitivi.
          Siamo frustrati come tifosi è vero, forse da prima di cairo, ma proprio per questo ci sentiamo traditi e fregati da lui che doveva essere quello che ci restituiva un po’ di soddisfazioni, quando invece ci ritroviamo nell’anonimato più assoluto, quando ci va bene, o a lottare per non retrocedere quando ci va male. A te sta bene così? io non credo.
          Se poi ci sono 10000 tifosi contenti della situazione che allora si facciano sentire anche loro.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        5. gatsu7_903 - 3 mesi fa

          Buongiorno a tutti, sono mesi che non scrivo più su tn oggi vorrei parlarvi,
          In tanto vi dico che sono d’accordo con entrambe sia lettera che commento di sinesthesy, ognuno dice delle cose giuste e ognuno sbaglia, io però penso che se si và allo stadio per tifare, non si deve mai fischiare i giocatori ma a fine partita si deve contestare chi gestisce la società perché è lui che deve dare l’imput a tutto l’ambiente e quindi il responsabile delle scelte sbagliate come gli acquisti a fine preparazione anziché ad inizio, se compri un’azienda ne sei il responsabile nel bene e nel male.
          Noi che non abbiamo le possibilità di neanche di andare allo stadio facciamo affidamento su di lui e su chi va allo stadio per sostenere i giocatori, contestare la squadra perché non è stata ben creata non è una colpa loro.
          Però è anche vero che giocatori come N’koulu hanno fatto si che si uscisse dalla coppa e non la sfiga del sorteggio, ti ricordo che l’anno prima abbiamo fatto un girone di ritorno con una difesa quasi inviolabile con lui e gli altri, mentre in coppa si è rifiutato di giocare e quando lo ha fatto ha giocato contro voglia(detto da lui e da mazzarri) in quanto voleva essere ceduto e così non è stato(sempre detto da lui), ora dimmi fa spogliatoi una cosa del genere? Tu dovresti saperlo visto i trascorsi della tua famiglia, io per quel poco che ho giocato ho sempre visto fallire le squadre che hanno continuato a tenere elementi del genere, e se quest’anno ci salviamo non è certo merito di Cairo e neanche di N’koulu ma di chi pedala per farlo.
          P.S.
          Vorrei far notare che i miei post sono sempre firmati con il mio vero nome e non mi nascondo dietro un nick name.

          Alberto

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. Martin Vazquez - 3 mesi fa

      Prima di dissociarti, fatti capire.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  41. marione - 3 mesi fa

    Il peggiore dal 1906

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  42. leo1970 - 3 mesi fa

    Dove si firma?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  43. Andrea63 - 3 mesi fa

    Parole sante, che rappresentano perfettamente questi 15anni di pagine granata senza senso, squallido personaggio, bugiardo e cialtrone ti meriti il nulla e hai tutto il mio disprezzo!!! VATTENE VIA AL PIÙ PRESTO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  44. Marchese del Grillo - 3 mesi fa

    Idealmente non posso che aggiungere la mia firma in calce. Condivido ogni singola parola, del resto sono anni che scrivo queste cose fino ad essere arrivato ad un’apatia in tempi più recenti, ma quante volte mi è toccato dover controbattere agli strenui difensori di questo bieco individuo. Quanta amarezza ingoiata, quanta vergogna, quanta tristezza accumulata un anno dopo l’ altro fino alla stagione presente in cui abbiamo toccato, probabilmente, il punto più basso, più infimo, più triste. Lo 0-7 dai bergamaschi, Superga senza tifosi e con il bieco individuo privo anche solo di un fazzoletto granata, la lotta per non retrocedere. Ha trasformato una leggenda in barzelletta a suo uso e consumo, è, da sempre, il male assoluto del Toro e nulla ha mai avuto a che vedere con la nostra salvezza. Falliti sarebbe stato meglio, avremmo evitato onte e vergogna, avremmo evitato le palate di fango che abbiamo gettato sulla nostra memoria e sulla nostra fede.
    Dite bene quando scrivete che non c’è più alcun modo per salvare il nostro rapporto, nessuna scusante più, nulla per poter rimediare. Questo bieco individuo deve solo trovare un acquirente e sparire per sempre dalla nostra storia e dalla nostra memoria.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  45. Martin Vazquez - 3 mesi fa

    Speriamo presto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  46. Granata - 3 mesi fa

    Sarebbe importante avere una risposta data in prima persona da Cairo ma ho la sensazione che non arriverà. Purtroppo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marchese del Grillo - 3 mesi fa

      Può rispondere in un solo modo. Mettendo in vendita il Toro e sparendo per sempre.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Granata - 3 mesi fa

      @Marchese, al di là della messa in vendita o meno, credo sia comunque doveroso dare spiegazioni. È principalmente un segno di rispetto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. grammelot - 3 mesi fa

        Il nuovo Consiglio Direttivo dell’Unione Club Granata (UCG) è da Dicembre 2019 (data dell’elezione) che chiede di venirsi a presentare a te (o a qualcuno dei tuoi sottoposti).
        Era un gesto di cortesia nei tuoi confronti, alla ricerca di un dialogo costruttivo.
        Risposte: scuse, rinvii, promesse, ma ad oggi il nulla …

        Ti abbiamo chiesto una maglia della squadra da far firmare a qualche giocatore per inviarla ai Club che non sono di Torino e che non possono avere direttamente la presenza dei calciatori ai loro eventi: i tuoi sottoposti ci hanno risposto che si poteva valutare, ma a condizione che comprassimo noi la maglia … Abbiamo chiesto qualche gadget o la foto della squadra da mandare ai Club, lascio a te ricordare la risposta …
        L’UCG ha creato, in questi ultimi tre anni, due eventi allo stadio Grande Torino, una sfilata di tutti i Toro Club, rappresentati dai loro bambini, e la festa celebrativa del compleanno del Torino nel 2018.
        Era il compleanno del Toro, ti abbiamo organizzato la festa che avresti dovuto celebrare tu e non sei stato disponibile neanche a darci i formaggini dello sponsor e una bottiglia d’acqua per i bambini che sfilavano …
        Ma non ti preoccupare, ci abbiamo pensato noi, i Tifosi del Toro.

        Vuoi spiegazioni ? Rispetto ? Risposte ?

        Non ti ricordi la solidarietà per dare una vettura adeguata (circa 18.000 euro il costo con le dotazioni speciali) a quel nostro giovane tifoso con gravi problemi di handicap ?

        Ricordi che quel PDM si è fatto fotografare con il giovane tifoso e Ventura e non ha tirato fuori un centesimo di suo ma ha chiesto a noi tifosi di donare il denaro necessario per aiutarlo ed i tifosi granata hanno subito risposto ?

        Ma cosa ti aspetti da questo PDM mandrogno ?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  47. grammelot - 3 mesi fa

    E adesso attendiamo le risposte, gli insulti e i pollici versi delle “Dame della cairese”, quelle che” il mandrogno è il miglior presiniente del mondo….meritereste che tornassero Vidulich, Calleri, Cimminelli, Romero, ecc.”.

    L’UCG ha detto tutto, ma proprio tutto, tranne un particolare:

    “Presiniente, tu sei venuto qui solo per tuo tornanconto personale e imprenditoriale e per fare affari con lo sterco zebrato e per questo hai barattato l’annientamento del Toro e della Sua Storia in cambio del pacchetto di maggioranza del Gruppo RCS, nelle mani degli Agnelli e che tu, mascalzone farabutto e venduto, hai avuto servito su un piatto d’argento e senza che nessuno ti ostacolasse.”

    Concludo permettendomi di modificare la frase “Il TORO è nostro, il Torino Fc è tuo!” con “Il TORO è nostro, la cairese Fc è tua!”

    Sparisci per sempre da Torino squallido individuo, servo e lacchè degli zebrati.

    VATTENE.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Kieft+Bresciani - 3 mesi fa

      Condivido pienamente!
      Cairo vattene!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  48. lucapecc_908 - 3 mesi fa

    In un momento spaventoso di recessione con i vari dipendenti dei giornali in cassa integrazione, nessuna azienda che fa pubblicità e mille altre criticità legate al mondo del lavoro credo che il suo problema principale siano proprio le proteste dei tifosi del Toro.
    Ma credete che non avrebbe già venduto se fosse arrivato qualcuno giusto a chiederlo e con i franchi giusti?
    Il microcosmo calcio non può che essere l’emblema del macrocosmo mondo:
    mondo di merda, calcio di merda…è semplice.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. grammelot - 3 mesi fa

      Per vendere bisogna mettere ufficialmente la società sul mercato: cosa che il mandrogno non si sogna nemmeno di fare, visto che, se lo facesse, gli zebrati lo ridurrebbero in cenere, lui e le sue aziende.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Paul67 - 3 mesi fa

      Lucapecc, abbi pazienza, anche la tua equazione è di m…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. lucapecc_908 - 3 mesi fa

        Può darsi che tu abbia ragione amico mio quasi coetaneo, ma quando io e te eravamo bambini e il Toro lottava per i primi posti, Torino era una mega città industriale nel famoso “triangolo” che ci facevano studiare a scuola. Quando il Toro ha ripreso a salire con Mondonico e dopo la retrocessione in B è perchè dietro Borsano presidente c’era un super tifoso come Bettino Craxi che al timone di comando aveva messo due loschi figuri che poi hanno fatto bene anche altrove prima di venire squalificati per sempre. Ora la Torino post olimpiade mi pare arranchi, a partire dal Comune che è quello più indebitato d’Italia in relazione al Pil. La squadra dei re sabaudi che credo, pur avendo sede fiscale in Olanda per non pagare tasse, continuino a comandare in città, sarebbe tranquillamente andata in dissesto finanziario se la “cassa” non continuasse a versare denaro a getto continuo. Ma credo sia difficile avere un’altra “cassa” così. Il calcio non è più uno sport da tempo, siamo noi che, poveri illusi, crediamo possa esistere un presidente che “ami il Toro”. I presidenti amano solo se stessi e noi ormai dovremmo saperlo da tempo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  49. Innav (CAIRO VATTENE) - 3 mesi fa

    Bastaaa con questo incompetente monobraccio.
    Se non arriva l’emiro mi basta un fachiro, ma non voglio piu’ vederlo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  50. Come un pugno chiuso - 3 mesi fa

    nulla da aggiungere se non …. BRAVI !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  51. palmiro - 3 mesi fa

    “Partiamo da quelle belle serate di Novembre 2019 dove hai permesso che si mischiassero i tifosi del Toro della Curva Primavera con quelli del Napoli prima e dell’Inter poi.
    Un “esperimento sociale” lo ha definito qualcuno …
    Probabilmente questa situazione ti avrà anche fatto guadagnare qualche centinaia di Euro in più, ma ha messo a repentaglio la salute di famiglie, anziani, donne e bambini.
    Gli anziani ed i bambini del Toro, Presidente.”

    Granata lives not matter…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  52. MASSIMO64 - 3 mesi fa

    Strano davvero che sia stato impaginato cosi’ a fondo pagina.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  53. dattero - 3 mesi fa

    sparatela in pma pagina,dai,coraggio

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy