Milan-TAS, il retroscena: l’accordo era già stato trovato da giorni

Milan-TAS, il retroscena: l’accordo era già stato trovato da giorni

Il retroscena / L’accordo tra il club rossonero e la UEFA era stato raggiunto già il 24 giugno

di Luca Sardo

Il Milan e la UEFA, dopo la sanzione dello scorso anno inflitto al club rossonero, sono rimasti sempre in contatto durante tutta la stagione 2018/2019, come si può leggere nel comunicato del CAS di ieri, 28 giugno 2019. In sostanza, sempre come si legge dal comunicato rilasciato ieri, l’accordo tra il Milan e la UEFA era stato già raggiunto il 24 giugno, ma ufficializzato soltanto il 28.

Torino in Europa League, adesso è ufficiale: la UEFA aggiorna il calendario dei preliminari

IL COMUNICATO – Come detto in precedenza, le due parti sono state in contatto costante durante tutto l’anno sportivo 2018/2019, infatti nel comunicato di ieri si legge: “Il 23 aprile 2019 il Milan ha depositato la sua dichiarazione di appello contro la seconda decisione ai sensi dell’Articolo R27 e R48 del CAS Code”. E poi: “Il 3 giugno 2019 il Milan ha depositato la sua dichiarazione di appello nel CAS 2019/A/6261 contro la seconda decisione ai sensi dell’Articolo R51 del CAS Code”. Si può notare come il club rossonero abbia provato ad appellars alle decisione del Cas ma inutilmente. Si arriva poi al punto 17, in cui è arrivata le definitiva sentenza, resa nota ed emanata il 28 giugno: “Il 24 giugno 2019 le parti hanno concordato che il Consent Award dovrebbe essere rilasciato dal CAS, ratificando e confermando le richieste della Uefa”. Poi continua: “L’AC Milan è escluso dalla partecipazione alle competizioni Uefa per la stagione sportiva 2019/2020 come conseguenza della violazione del Fair Play Finanziario nel periodo dal 2015 al 2018.” Dunque dall’interno si sapeva già dal 24 giugno che il club rossonero non avrebbe partecipato all’Europa League della prossima stagione, ma la sentenza è stata decretata solamente nella giornata di ieri.

UFFICIALE, TAS: il Milan è fuori dalle Coppe Europee!

L’IPOTESI – Nei giorni scorsi, segnali della probabile esclusione del Milan dall’Europa League si potevano evincere in seguito alle decisioni di Roma e Torino di annullare e anticipare rispettivamente i ritiri. La Roma, che avrebbe dovuto giocare i preliminari di Europa League, ha annullato il ritiro di PinzoloI granata invece hanno anticipato la data del ritiro di Bormio: al posto dl 13, i ragazzi di Mazzarri si ritroveranno il 4 luglio. Per quanto riguarda queste decisioni, è ipotizzabile che sia la Roma che il Torino in quei giorni possano aver ricevuto comunicazioni per vie traverse o da parte della UEFA che il Milan non avrebbe potuto partecipare alle competizioni europee, in modo tale che le società avrebbero avuto qualche giorno in più per organizzarsi. Ormai è tutto ufficiale, appuntamento il 25 luglio: i granata affronteranno nella gara di andata la vincente di Debrecen e Kukësi per proseguire il sogno europeo.

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. spettro73 - 2 mesi fa

    Grande soddisfazione, giustizia è stata fatta, in Europa con pieno merito. Abbiamo lottato tutto il campionato con onore, con un eccellente girone di ritorno, ci siamo arresi solo ad Empoli a giochi fatti ,ma la squadra si è presa gli applausi perchè tutti ci hanno messo la faccia e sono venuti sotto la curva distrutti, dispiaciuti ma a testa altissima. L’ultima giornata abbiamo reso omaggio al nostro splendido Emiliano Moretti ed è stata una bellissimo giorno di festa. C’era già da essere orgogliosi. Però poi c’era una speranza e c’era subito da soffrire, se c’era infatti una possibilità che accadesse quanto successo era che la sera stessa il Milan non si qualificasse per la Champions (e chi ha seguito quelle partite sa che faticaccia è stata…). Poi tutto (mi) sembrava finito con il calendario TAS, rimanevo però aggrappato alla fiducia che continuavano ad avere diversi fratelli. Infine, una volta che la Roma ha posticipato il rinvio e noi lo abbiamo anticipato non ho detto più nulla per pura scaramanzia. Come da nostra tradizione ci siamo guadagnati tutto al mille per cento con sudore, sofferenza e onore. Essere del Toro è meraviglioso. E’ oltre il calcio. Oea festeggiamo e prepariamoci al meglio. SEMPRE E SOLO FORZA TORO!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mimmo75 - 2 mesi fa

      Vero, tutto meritatissimo. Il nostro lo avevamo fatto alla grande (nessuno è perfetto e finché una squadra non riuscirà a voncerle tutte si potrà sempre dire che si sarebbe potuto fare di più). Solo la condotta fuori dalle regole da parte del Milan aveva fatto si che i rossoneri ottenessero più punti di noi, arrivandoci davanti. Ora la giustizia sportiva ha rimesso a posto le cose dando i giusti meriti a chi ha osservato e rispettato le regole e ridimensionando e sanzionando chi le aveva violate. Chi crede nella giustizia non può sminuire la portata di questa qualificazione. Chi lo fa è in malafede.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. ribaldo - 2 mesi fa

      Certo se incominciasse anche la FIGC ad adeguarsi e far rispettare certe regole non sarebbe male. Ma probabilmente si tratta di utopia.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy