Torino, ora Aina rischia il posto: troppe pause e poca continuità

Torino, ora Aina rischia il posto: troppe pause e poca continuità

Focus on / Le distrazioni di Parma hanno pesato sul risultato finale: scalpita De Silvestri, che al “Tardini” ha riposato

di Andrea Marchello, @AndreaMarchell0

“Aina ha delle pause, dobbiamo capire se il problema è atletico o mentale”, aveva detto Mazzarri pochi giorni fa. Proprio vero, perchè il laterale inglese di certo non sta esprimendo il suo pieno potenziale. Aina al momento non riesce a concretizzare la crescita che ci si aspettava da lui: alcune distrazioni contro Parma e Sampdoria hanno messo in discussione la sua posizione all’interno delle gerarchie di Mazzarri.

DISTRAZIONI – Distrazioni, si diceva. L’ultima, in ordine esclusivamente temporale, è capitata a Parma, quando sul terzo goal dei ducali non ha accorciato in tempo su Inglese: un errore inammissibile perchè connotato da una certa pigrizia, che arriva dopo quello di Genova quando Aina si mostrò ingenuo su Depaoli perdendo il duello con l’esterno blucerchiato sul pallone che poi è stato tramutato in gol da Gabbiadini. In generale in questo avvio di campionato le sue prestazioni non sono state delle più esaltanti e, esclusi gli errori più grandi, anche viziate da bruschi cali di concentrazione. Niente di irreparabile, certo, ma che sicuramente contribuirà a rivedere la sua posizione all’interno delle gerarchie.

TITOLARE – Tutto questo porterà il tecnico del Toro a fare le dovute valutazioni in vista dell’impegno contro il Napoli. Non sarebbe infatti strano se, contro i partenopei, Aina dovesse lasciar spazio nella sua porzione di campo ad un giocatore più esperto qual è De Silvestri. Il terzino contro il Parma ha infatti riposato, e non è un mistero che il veterano del Torino sia in grado di garantire a Mazzarri solidità nel reparto e sicurezza: Ansaldi potrebbe essere spostato a sinistra, sua posizione naturale, con “Lollo” a destra. Senza dimenticare che c’è anche Diego Laxalt ad aspettare la sua prima partita da titolare. Le alternative, insomma, ci sono. Quel che c’è da capire è invece quanto ancora ci vorrà per rivedere Aina nel pieno delle sue capacità.

16 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. RobyRaby - 2 settimane fa

    Ansaldi e Laxalt sempre titolari sulle fasce, Aina e Desilvestri possono fare panca ed entrare nella ripresa o in caso di infortuni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. fabrizio - 2 settimane fa

    purtroppo e’ da un po’ di anni che compriamo giocatori fortissimi, di grande prestanza fisica e atletica, con un potenziale enorme etc che guarda caso non si rivela mai. mai una volta che queste potenzialita’ si cedano sul campo per piu’ di due partite. Tipo boye ad esempio: da potenziale messi al fondo della B inglese. Sara’ un caso?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. TavernelloStregato - 2 settimane fa

    Eh si, una delle “perle nere” di urbanuccio!!!!

    Tuttavia non è tutta colpa del Ragazzo: quando si ha un allenatore come Mazzari, unico nel suo genere nello stravolgere totlamente i ruoli, anche Lionel Messi andrebbe in confusione!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. ottobre1955 - 2 settimane fa

    Ola Aina è un giocatore forte sia fisicamente che tecnicamente. Non ha grilli per la testa ed il fatto che il Torino lo abbia riscattato per 10 milioni ne è la prova. Viene dalla Coppa d’Africa dove ha quasi srmpre giocato e la Nigeria è arrivata sr non sbaglio alle semozionali. È logico che il ragazzo paga uno stress psicofisico per l’impegno è successo anche a Perdi per esempio dopo il modale in Russia. Ora la gestione e del giocatore è un affare drl mister è lui che deve far rendere al meglio la rosa che ha a disposizione. Il Torino di quest’anno è una squadra che deve fare il salto di qualità senza se srnza ma. Ci può stare un appannamento ma come ha osservato Ansaldi tutti devono darsi una calmata sr il mister in pachina va in ebollizione trasmette nervosismo a chi gioca, se mass media continuano a dare risultati prima di giocate si illude i tifosi che sono normalmente volubili. Insomma siamo alla 6 giornata non a 6 giornate dalla fine è tutto sto casino francamente è incomprensibile. Domenica giochiamo con il Napoli sarà tosta come partita penso che non ci saranno amnesia all’inizio e giocheremo una partita contro una Big del campionato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Pedro - 2 settimane fa

      Tecnicamente mi pare bravo nel decoupage

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Immer - 2 settimane fa

    Il problema del toro è la mancanza di strategia non ce un progetto per questo non si è venduto nessuno per non sapere chi comprare si prende verdi all’ultimo minuto per riempiea il buco ma non ce nessuno in società si vive alla giornata basta andare avanti a calci e pugni

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Toro Forever - 2 settimane fa

    Tutta la squadra è in stato confusionale. Aina è solo uno dei tanti. Ma proprio perché sono in troppi non può essere solo colpa dei giocatori.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. fabrizio - 2 settimane fa

    dalla padella alla brace con de silvestri

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Maurygranata - 2 settimane fa

    Un po’ di panchina non farà male…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Simone - 2 settimane fa

    Curioso che non si parli di Meite.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. fabrizio - 2 settimane fa

      meglio soprassedere…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Maruzza44 - 2 settimane fa

    Aina sta risentendo dei postumi della Coppa d’Africa. Visto quello che ci ha fatto vedere l’anno scorso i numeri li ha, così come li ha Meitè. Mi sorge però un dubbio : nel privato conducono una vita da atleti professionisti ???

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Il_Principe_della_Zolla - 2 settimane fa

      Non è che abbia fatto granché alla Coppa d’Africa. Le partite clou, quarti e semifinale le ha viste dalla panchina. Diciamo piuttosto che non è un granché.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Giancarlo - 2 settimane fa

        Purtroppo non è forse un granchè, ma è costato un pacco di milioni. Grazie Petrachi.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Simone - 2 settimane fa

          Petrachi l’ha portato al Toro.
          Chi ha deciso di riscattarlo non è certo stato lui

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Simone - 2 settimane fa

      Chissà dove hai visto i numeri di Meite.
      Aina almeno l’anno scorso qualcosa ci ha fatto vedere.
      Meite il nulla se nn il suo compitino. Quest’anno neanche quello.
      Da frullare via il prima possibile magari andando a prendere Borja Valero che all’inter ormai fa panca

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy