Torino: da Pinga a Iago Falque, la storia degli ultimi dieci numeri 10

Torino: da Pinga a Iago Falque, la storia degli ultimi dieci numeri 10

Approfondimento / Una casacca così pesante, vestita da diversi giocatori: ora arriva ad un giocatore di grandi qualità come lo spagnolo

di Gualtiero Lasala, @LasalaGualtiero

Nel calcio, la maglia numero 10 ha sempre rappresentato un simbolo molto particolare: il giocatore con più qualità, quello in grado di risolvere la partita con una giocata. Poi, nella storia del Torino, è sempre stato un numero importante. Lo hanno vestito giocatori di caratura internazionale e che sono entrati nel cuore dei tifosi: si parla di calciatori come Martìn Vazquez, Casagrande, Zaccarelli, Ferrante, per non scomodare il mito di Valentino Mazzola. Nella storia più recente, in quella che ha visto Cairo come presidente, non sempre è stato alto il livello dei giocatori che hanno vestito la numero 10, ma alcuni sono stati molto importanti.

DA PINGA… – Sfogliando tra gli ultimi numeri 10, si parte da André Pinga, che ha tenuto la casacca dal 2003 al 2005: un giocatore talentuoso, che però non ha reso quanto si sperava. In seguito, dalla stagione 2005/2006, la prima dell’era Cairo, la maglia è stata presa da Claudio Ferrarese, rimasto in granata solo per due stagioni in cui è sceso in campo solo 16 volte segnando un solo gol. Non certo un nome rimasto nella storia granata. Il suo successore è stato Alessandro Rosina, probabilmente il giocatore più qualitativo dopo la rinascita dal fallimento, in quel periodo in cui i granata ballavano tra la Serie A e la Serie B. Rosina ha lasciato il Toro e la sua maglia nel 2009, e l’anno successivo è stata vestita da Filippo Antonelli Agomeri, con 12 presenze senza gol in granata in sei mesi. La stessa stagione, fu il nuovo arrivato David Di Michele a prendersi l’onere e l’onore della dieci; sicuramente – tra i predecessori – uno dei giocatori dal più alto tasso qualitativo.

…A FALQUE – La storia recente ci ha poi portato ad Antimo Iunco nella stagione 2010/2011: autore di 23 presenze e 7 reti in granata. Iunco ha poi lasciato la maglia numero 10 ad Alessandro Sgrigna l’anno successivo, che se l’è tenuta per ben 2 stagioni trascinando il Torino in Serie A nell’annata 2011/2012. Dopo l’esperienza di Sgrigna è arrivato Paulo Vitor Barreto, giocatore fortemente voluto da Gian Piero Ventura, che però è stato a larghi tratti deludente, autore di soli 4 gol in 33 presenze in granata. Andando agli ultimi 2 numeri 10, si trovano due giocatori senza dubbio molto iconici di questo Toro europeo, più proiettato nella parte sinistra della classifica. Si parla di Ciro Immobile che, nella fattispecie, ha vestito la 10 solo per 6 mesi, nella sua seconda esperienza al Torino (quella in prestito prima di trasferirsi alla Lazio). Il suo successore fu un certo Adem Ljajic: forse il giocatore con più qualità degli ultimi anni del Torino, capace di segnare gol fantastici ma con un carattere particolarmente complicato che neppure Sinisa Mihajlovic – che lo volle a tutti i costi al Toro – riuscì a domare completamente. E oggi, la maglia tanto agognata, la vestirà Iago Falque.

Cairo
La presentazione di Ciro Immobile

Lo spagnolo si è senza dubbio meritato questo privilegio, che però comporta grandi responsabilità. Dopo anni, dopo 103 presenze in granata e ben 32 reti, Falque ha scelto di fare questo upgrade nella stagione più importante: con l’Europa League serviranno uomini simbolo, e l’ex Genoa con la maglia numero 10 incarnerà sicuramente i principi di un trascinatore. Quella maglia, la numero 10, pesa un po’ più delle altre, nel mondo del calcio si sa: ma nonostante la sua statura minuta, Iago Falque ha tutte le carte in regola per indossarla in maniera degna e diventare anche una sorta di simbolo nella nuova stagione granata.

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. LeoJunior - 2 mesi fa

    Due commenti sul tema maglietta: ma perchè complicarsi la vita cercando font improbabili per scritte e nomi? Mi spiegano per quale motivo devono inventarsi spigoli, angoli e robe che non si possono vedere. Spero solo per la seconda maglia. Poi arriva quel fenomeno che parlava di storia della maglia: ma santa miseria, mi dice nella storia dove ha visti questi numeri orrendi?

    Di positivo: se vogliamo consolarci, andate a vedere la seconda maglia della Roma con un fulmine giallorosso in diagonale. Ma che sostanze assumono questi designer prima di disegnarle? Capiscono che le maglie delle squadre di calcio non sono come le canotte del basket, le maglie da tennis (che io vorrei solo bianche!)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Garnet Bull - 2 mesi fa

      Sì, il design dei numeri non mi piace. Molto bello invece il logo ricamato, 100 volte meglio di quello stampato

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. eurotoro - 2 mesi fa

    ..”ma nonostante la sua statura minuta”…Gualtiero Lasala spera non ti leggano pele’,maradona,baggio,zola,messi ecc.ecc.ecc.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. abatta68 - 2 mesi fa

    Che strazio a leggere certi nomi… il più forte è stato ljaic, a mani basse… e ho detto tutto!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 2 mesi fa

      …perlomeno da pinga in poi… per quel che ho visto io,solo nei ricordi per zaccarelli Dossena e benny carbone. Per il resto collezione di brocchi. Escluso immobile, giusto perché col 10 centra praticamente nulla

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. r.ponzon_13686323 - 2 mesi fa

        Dimentichi un certo Martin Vasquez…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. abatta68 - 2 mesi fa

          Si ma anche li sono combattuto…giocatore tecnicamente forte, ma che ha dato molto meno di ciò che poteva dare. Io di vasquez mi ricordo tante partite in cui prendeva 5 in pagella! Quando è andato via Dossena ero un uomo morto, di vasquez non ne ho ricordo

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. starrynight1 - 2 mesi fa

    ciao a tutti
    Scusate se sono off topic ma qualche d’uno e’ in grado di spiegarmi quanti turni di EL dobbiamo giocare prima di accedere ai gironi?
    2o3?
    io credevo due ma poi leggendo su sito eufa c’e’ un terzo turno chiamato spareggi….che non so cosa sia
    grazie in anticipo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Garnet Bull - 2 mesi fa

      Noi ne dovremmo giocare 2 tecnicamente

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. starrynight1 - 2 mesi fa

        grazie Garnet.
        Anche io lo penso ma ho letto su vari sito, che sono 3…
        Perche’ c’e’ un turno anche a fine agosto…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Pelado - 2 mesi fa

        Sono 3 turni se tutto va bene per un totale di 6 partite. è cambiato rispetto a qualche anno fa, ora si accede al secondo turno preliminare e non al terzo (nel 2014 giocammo solo contro Brommapojkarna e RNK SPLIT). Ad esempio lo scorso anno l’Atalanta ha giocato: secondo turno (Sarajevo), terzo turno(Hapoel Haifa) e spareggio (Copenaghen).

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy