Torino, risultati prima dello spettacolo: la formula di Mazzarri per l’alta classifica

Torino, risultati prima dello spettacolo: la formula di Mazzarri per l’alta classifica

Approfondimento / L’obiettivo del tecnico granata è quello di dare equilibrio e costanza alla propria squadra

di Luca Sardo

Quello di Walter Mazzarri è un cambiamento radicale della mentalità del Torino. Il tecnico granata, fin dal suo arrivo, è stato chiaro: gioca chi merita, concetto confermato anche ieri in conferenza stampa alla viglia del match di questa sera contro il Lecce. “Abbiamo tracciato una linea – ha detto Mazzarri –  per una squadra che è costruita sulla meritocrazia, chi fa bene merita la riconferma. Abbiamo fatto così lo scorso anno e non ho intenzione di cambiare”. Un netto cambio di rotta che fonda le basi sull’equilibrio e la concretezza, più che sullo spettacolo. Il tecnico toscano è arrivato a Torino con le intenzioni di portare la squadra il più in alto possibile, cominciando un lavoro che facesse diventare i giocatori più cinici e costanti. Quello che vuole Mazzarri è un Toro concreto e questo comprende anche qualche esclusione di ‘giocatori che piacciono alla gente‘; così il tecnico ha definito Zaza, Verdi e Falque in conferenza.

EQUILIBRIO – La maggior parte delle occasioni offensive del Torino, infatti, iniziano con la pressione sul portatore di palla avversario: per far sì che avvenga questo è necessario un movimento unito e coordinato di tutta la squadra e servono giocatori predisposti a farlo. L’equilibrio di squadra è la parola d’ordine di Walter Mazzarri. Proprio per questo ieri, in conferenza stampa il tecnico granata ha detto: “Verdi? Gli sto facendo un corso intensivo perché vorrei che capisse la nostra organizzazione che è un po’ particolare, bisogna sposarla tutti insieme perché il recupero immediato se lo fanno solo in 9 non funziona. Penso che sia già a un buon punto“. Dunque, secondo quanto detto dall’allenatore toscano, il nuovo attaccante granata ha bisogno ancora di tempo per comprendere al meglio gli schemi e i movimenti di squadra, ma questo ovviamente non esclude il suo impiego nel match di questa sera al Grande Torino. Anche se da subentrante.

CONCRETEZZA – Per far sì che avvenga questo cambiamento, il tecnico granata ha deciso di passare dallo spettacolo che aveva caratterizzato la gestione Mihajlovic (con, di contraltare, deludenti risultati sportivi) a un Torino più pragmatico. Magari meno bello esteticamente, ma più cattivo, più efficace e più votato al risultato finale. Obiettivo già centrato – almeno in parte – nel girone di ritorno della scorsa stagione e che Mazzarri adesso chiede ai suoi di ripetere per ambire a posti di “alta classifica”. Un lavoro psicologico il suo, simile a quello già visto a Napoli: una squadra presa alla soglia del 10° posto e fatta crescere anno dopo anno fino alla Champions League e al secondo posto in classifica. Lo step successivo sarà quello di far trovare alla squadra una costanza nelle prestazioni e soprattutto nei risultati: è importante che la squadra rimanga concentrata anche in partite sulla carta più abbordabili, come per esempio la gara di questa sera. Perché solo così si può fare il “salto di qualità”: parola di Walter Mazzarri.

8 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. prawn - 1 mese fa

    Un augurio: che sia una serata di festa e spettacolo, possibilissimo contro questo lecce, secondo me abbordabilissimo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. GlennGould - 1 mese fa

    Che ricordi io, servendomi di presente, passato vissuto di persona e storia, le squadre che han vinto facendo spettacolo si contano sulle dita di una mano. Grande Torino, Ajax e milan di Sacchi.
    Le dita di una mano bastano e avanzano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Mimmo75 - 1 mese fa

    Spettacolo con Mihajlovic? Vabbè va… Una dozzina di partite gagliarde e poi solo umiliazioni. Però come parlava bene Sinisa….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Granat....iere di Sardegna - 1 mese fa

    beh se il compromesso è minore spettacolo ma più punti chissenefrega, lo spettacolo a volte non porta punti e, del resto, l’Inter di Mourinho ha fatto il triplete col catenaccio…va bene così, l’importante è aver migliorato la fase offensiva che poi era il problema principale della passata stagione e, infatti, è arrivato Verdi e il mister non fa mistero di avere in mente il 343. Forza ragazzi! Fateci questo regalo, primi in classifica e davanti alle merde, anche dovesse durare pochi giorni sarebbe comunque una grande soddisfazione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Toro Forever - 1 mese fa

    Spettacolo è quando partita si vince. (Catalano dixit).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Antoniogranata76 - 1 mese fa

    Ciao fratelli Granata! Sto partendo ora per venire allo stadio!Forza ragazzi vinciamo e riprendiamo la testa della classifica! Sempre forza Toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Federico Granata - 1 mese fa

    Ha ragione il Mister!
    Tiene tutti sulla corda e i “grandi nomi” devono rispettare le regole.
    Solo così si costruiscono gruppi vincenti.
    Non importano le giocate ad effetto, contano i punti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. eurotoro - 1 mese fa

    …io sto col mister!!!..mai piu scrivo di mettere in campo questo o quello…fiducia incondizionata!!…vamos general suona la carica ci sono 3 punti in palio x l’obiettivo finale!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy