Focus

Torino-Sampdoria, perché sì e perché no: granata superiori, ma i blucerchiati…

Due motivi per cui credere nel Torino, altrettanti per temere l‘avversatosi di turno, in questo caso la Sampdoria di D’Aversa

Silvio Luciani

TURIN, ITALY - NOVEMBER 30: Emil Audero of U.C. Sampdoria shakes hands with Wilfried Singo of Torino F.C. after the final whistle during the Serie A match between Torino FC and UC Sampdoria at Stadio Olimpico di Torino on November 30, 2020 in Turin, Italy. Sporting stadiums around Italy remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

 

Dopo l’immeritata sconfitta rimediata dal Toro contro il Milan, il prossimo appuntamento nel calendario è quello contro la Sampdoria. Stasera alle 20:45, i granata affronteranno Quagliarella e compagni all’Olimpico Grande Torino, in una partita chiave per i padroni di casa. Tre punti d’obbligo per Juric che, per il lavoro svolto, meriterebbe una classifica migliore. I granata dovranno fare attenzione perché anche la Sampdoria è a caccia di punti. E allora, nel percorso di avvicinamento alla partita, analizziamo i temi principali nel perché sì e perché no: due motivi per credere nel Torino e altrettanti per credere nell’avversaria di turno, in questo caso la Sampdoria di D’Aversa.

tutte le notizie di