Toro a Verona per il tris di vittorie

L’analisi di Gino Strippoli / Granata con il tridente offensivo confermato?

di Gino Strippoli

Dopo il due c’è il tre, ed un classico numero perfetto che potrebbe far fare ai granata, in caso di vittoria contro il Verona, un grande balzo in avanti con definitivo allontanamento dalle zone pericolose in cui settimane fa si era cacciato. Già, perché vincere la terza partita consecutiva alzerebbe il morale della truppa e l’autostima crescerebbe dando sicurezza in tutti reparti. Verona è una tappa importante proprio per il valore dell’avversario che se è vero che segna poco, solo 14 reti realizzate sin qui, è altrettanto vero che subisce pochi gol, solo 17. Inoltre le ultime due vittorie sono arrivate con sofferenza contro due squadre in crisi, Genoa e Fiorentina, che hanno alimentato quei dubbi sulla vera svolta granata o meglio sulla fine di una crisi. Ecco perché il test contro i gialloblu diventa vitale e importante non solo per la classifica ma anche per la sicurezza che potrebbe dare ai giocatori sulle loro qualità ma anche ai tifosi che non aspettano altro di vedere il Toro di nuovo competitivo e battagliero.

Con un Belotti in rampa di lancio, Mazzarri vista la funzionalità del trio d’attacco messo in campo contro la Fiorentina potrebbe confermarlo quest’oggi anche se con altri interpreti: Lukic, Verdi e Belotti; con quest’ultimo in leggero vantaggio su Zaza. Se Berenguer rischia il posto dopo non essersi espresso bene nell’ultima partita e Verdi è in crescita, ma ancora lontano da ciò che ci si aspetta, c’è da riscontrare che nell’economia offensiva granata i due hanno creato più spazi per Zaza portandolo di fatto al gol grazie all’assist di Ansaldi. I due esterni alti con il loro movimento potranno anche non essere decisivi in zona gol ma aiutano molto gli inserimenti sia dei centrocampisti e permettendo alla prima punta (Belotti o Zaza che sia) di presidiare meglio l’area avversaria. La conferma è l’ottima condizione di Ansaldi che è poi il vero valore aggiunto di questo Toro: l’unico in grado tra i granata di regalare assist per i compagni perché dotato di due piedi raffinati e di un buon dribbling che gli permette di andare in velocità verso la porta saltando gli avversari. La partita è di indubbia difficoltà visto che la squadra allenata da Juric è tra le più in forma del campionato e costituisce la vera sorpresa del campionato insieme al Cagliari. Il Toro ha necessità di vincere questa sfida per dare un calcio a tutte le critiche aspettando poi la Spal e per regalarsi alla fine un bel Natale con la classifica che può competere al Toro.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. miele - 12 mesi fa

    Nulla da eccepire sull’articolo. C’è solo da sperare che dopo i risultati positivi arrivi anche un gioco più concreto, senza troppi errori e che Verdi si esprima per giustificare almeno la metà del suo prezzo. Il Verona è una squadra “vera” con alcuni elementi molto bravi, Amrabat su tutti. Incrociamo le dita e aspettiamo con ansia di vedere cosa succederà.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Toro Forever - 12 mesi fa

    L’orario. Il nostro nemico giurato. L’orario. Dai Toro!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy