Toro, ecco Nicola: dal gol contro il Mantova alle salvezze miracolose di Crotone e Genoa

Il personaggio / Uno specialista di salvezze impossibili per risollevare i granata: ecco chi è il nuovo allenatore che sostituirà Giampaolo

di Alberto Giulini, @albigiulini

Piemontese di nascita, legato al Torino in modo indelebile e specialista di salvezze impossibili. Davide Nicola è pronto a diventare il nuovo allenatore del Toro al posto di Marco Giampaolo. Si tratta di un ritorno per lui, che ha già vestito la maglia granata da giocatore nel 2005/2006.

CROTONE, ITALY – MAY 28: Head coach of Crotone Davide Nicola celebrates after the Serie A match between FC Crotone and SS Lazio at Stadio Comunale Ezio Scida on May 28, 2017 in Crotone, Italy. (Photo by Maurizio Lagana/Getty Images)

Come calciatore, Davide Nicola è cresciuto nel Genoa. Dopo le trafila delle giovanili ed i primi prestiti, il terzino ha collezionato 94 presenze con la prima squadra rossoblù tra il 1995 ed il 1998. Quindi una parentesi in prestito a Pescara, prima del ritorno a Genova dal ’99 al 2002, anno dell’addio a titolo definitivo. Per lui le esperienze con Ternana e Siena, fino alla chiamata del Toro nel 2005. E Nicola, nel club del neopresidente Urbano Cairo, si rivela grande protagonista nella cavalcata alla promozione in Serie A. Il bilancio finale parla di 35 presenze ed un gol, indimenticabile e decisivo, nella finale playoff di ritorno contro il Mantova, davanti a 60mila cuori granata al Delle Alpi.

CROTONE, ITALY – MAY 28: Head coach of Crotone Davide Nicola celebrates after the Serie A match between FC Crotone and SS Lazio at Stadio Comunale Ezio Scida on May 28, 2017 in Crotone, Italy. (Photo by Maurizio Lagana/Getty Images)

Nel 2010 Nicola dà l’addio al calcio con la maglia del Lumezzane, squadra di cui diventa subito allenatore con brillanti risultati: qualificazione ai playoff sfiorata, con il sesto posto nel girone di campionato in Serie C. Arriva quindi la chiamata del Livorno e in Toscana Nicola centra la promozione nella massima serie. Meno felice l’esperienza da subentrante al Bari, piazza importante ma alle prese con parecchie difficoltà societarie. Ma il vero miracolo arriva nel 2016/2017, quando il Crotone chiama Nicola per affrontare il primo storico campionato di Serie A. Con 25 punti conquistati nel girone di ritorno, gli squali centrano una storica salvezza e l’allenatore attraversa l’Italia in bicicletta, da Crotone alla sua Vigone, con tappa conclusiva al Filadelfia. Una meta non casuale, che fa pensare a molti come un suo approdo al Torino sia solo questione di tempo. Dopo un’esperienza all’Udinese (da subentrante ed esonerato nella stessa stagione), Nicola nella scorsa stagione si è regalato una nuova impresa. Il tecnico ha salvato il Genoa, fermo ad appena 11 punti dopo 17 partite, conquistandone 28 nelle successive 21. Un filotto che ha permesso ai rossoblù di portarsi a quota 39 in classifica, conquistando il mantenimento della categoria ma non la conferma in panchina. Ora Nicola sarà chiamato ad una nuova impresa: risollevare anche il Toro.

29 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Il Giaguaro - 1 mese fa

    Nicola è il quarto allenatore in un campionato e mezzo che transita da Torino, sponda granata. Di nuovo Cairo offre alla curva uno di noi da sbranare, mentre staff societario e giocatori rimangono penosamente gli stessi (anzi no, scusate, è arrivato il fenomeno Vagnati, nientepopodimenoché dalla SPAL retrocessa al posto di un ectoplasma di cui neppure in redazione avevano foto aggiornate…). Forse ci salveremo; il campionato italiano è zeppo di squadre scarse ma siamo eternamente all’anno 0!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. olivia - 1 mese fa

    NICOLA finalmente e’ arrivato .Sarebbe dovuto venire già ‘2 mesi fa.Speriamo che possa mettere naso nel mercato e sopperire alle CAZZATE di quel coglione di VAGNATI.Ci serve un sinistro basso come MORETTI.Ci deve un LJIAC continuo.Ci serve una spalla di Belotti tipo JAGO di due anni fa (!0 goal 11 assist).Altrimenti bisogna che NICOLA trasformi qualche giocatore di pallone in giocatore di calcio.FORZA NICOLA

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. mauro69 - 1 mese fa

    Bentornato Nicola, sei chiamato ad un nuovo miracolo, in bocca al lupo!
    Perché penso che nessuno di noi voglia ripartire dalla B, con tutte le insidie del caso, ma fortemente restare in A, dove il Toro merita.
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. filippo67 - 1 mese fa

      Il Toro dovrebbe stare fisso tra le prime 5/6 squadre di serie A come era consuetudine in passato.Anche di questo dobbiamo ringraziare il”presidente”per come ci ha ridotti e c’è anche chi cerca di giustificarlo!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. fabry - 1 mese fa

    Ma il non mi piace chi lo ha messo un gobbo o un Franco tiratore

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. fabry - 1 mese fa

    E basta con questi piagnistei il depresso è stato cacciato ora c’è uno che è abituato a tirare fuori gli attributi e ritroveremo il cuore toro e la salvezza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. fabry - 1 mese fa

      Ma il non mi piace chi lo ha messo un gobbo o un Franco tiratore

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Greektoro - 1 mese fa

    There is no team spirit,no passion,no midfield.You are the best to solve all this problem.Toro fans we have to treat him right and give him time.Greece-Italy
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Seagull'59 - 1 mese fa

    Bisognerebbe essere forse contenti?
    Io non lo sono affatto, perché
    1. Giampaolo ha una filosofia di calcio che a me piace, ma ha fatto il grave errore di cercare di applicarla con interpreti non adatti e poi ha cercato di adattarsi alla pochezza di questa rosa invece di farla cambiare completamente (sia in estate che ora;
    2. Nicola è uno di noi e non merita di trovarsi addosso un problema irrisolvibile come questo, creato e non gestito dalla società.
    Farà anche lui una brutta figura per colpa di incompetenti compulsivi: avrei preferito rinascere con lui dalla B, con una rosa di giocatori dedicati alla causa, giovani e vogliosi di emergere. Questi sono mercenari strapagati (per quello che rendono) e senza nessuna voglia e stimolo.
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Alfredo - 1 mese fa

    Primo provvedimento: metterli tutti in fila a gambe divaricate, e poi colpire bene in mezzo…ma tanto non sentirebbero nulla…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Gigiotto - 1 mese fa

    Nicola va benissimo, ma dubito che sia in grado di far giocare bene la squadra, è un mastino, quindi palla lunga e pedalare L’importante è saperlo e non fare dopo i tifosi con la puzza sotto al naso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bela Bartok - 1 mese fa

      Per quest’anno ho fatto il pieno di bel calcio col maestro, sono sazio e pronto per un cambio di rotta.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. sandro - 1 mese fa

    Sono felicissimo ma spero almeno abbia preteso Schone anche solo per 6 mesi di più conoscendo Cairo realisticamente non si può sperare. Ma essendo svincolato e con ciò che risparmi su Meitè dai si può. Vai Nicola massimo sostegno mio come lo fu per Longo. Forza che possiamo ancora farcela!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Giancarlo - 1 mese fa

    Penso proprio che Nicola sia il tecnico giusto per noi. In questa dimensione i “nomi” sono anacronistici. Sono passati tanti allenatori con un ricco passato, trombati da club grandi e piccoli, per rigenerarsi da noi. Il Torino Fc Spa, ora, è un’azienda senza timone, senza programmi e disponibilità limitate. Vanta però una storia unica e tifosi masochisti. Speriamo che Nicola cominci a toglierci dalla palude e, con tanto entusiasmo, possa almeno risalire la china.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. gl65 - 1 mese fa

    Purtroppo Giampaolo non è stato all’altezza che mi aspettavo, non solo per i risultati penosi ma anche per il gioco inesistente piu o meno come gli anni scorsi, ma sono felicissimo per Nicola, uno di noi, vero e cazzuto, con il TORO dentro, spero che riesca nell’impresa di far correre questa banda di smidollati senza carattere e senso di appartenenza, ci voleva un allenatore con le palle.
    AUGURI NICOLA !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. fandangogranata - 1 mese fa

    Avrà molte difficoltà, non trattiamolo come Longo. cairo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. suoladicane - 1 mese fa

    Nicola uno di noi
    CAIRO VATTENE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. rossogranata - 1 mese fa

    Prima che arrivasse Mazzarri avevo proposto su queste pagine Nicola, ma purtroppo non eravamo in tanti a sceglierlo. Questa volta invece ho visto che è stata “una riscossa popolare” per lui. Sono convinto che rimarrà con noi non solo 6 mesi, ma anni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. malva - 1 mese fa

      purtroppo Bobby Charlton aveva altri impegni e rimaneva solo Nicola disponibile

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Cuore granata 69 - 1 mese fa

    Sono contento per Davide vero cuore granata…dal gol decisivo col Mantova che decise per la serie A…alla panchina…come ho già scritto prima Nicola e’ uno di noi, e come dicesti a genoa,avrai da lassù tuo figlio Alessandro sempre vicino a te…UOMO VERO con la sofferenza granata, ma con la fierezza di AFFRONTARLA SEMPRE A TESTA ALTA..in bocca al lupo ne hai bisogno..anche tu verrai poi giudicato per i risultati ma per me a prescindere resterai sempre UNO DI NOI …quindi cerchiamo di sostenerlo..sperando che cairo gli aggiunga un paio di giocatori che servono magari Shone vhe proprio con lui salvo’ il genoa..perché sia ben chiaro Nicola è dei nostri e TIFA PER NOI..cairo tu NO.l’opinione su te non cambierà mai.ps: a Crotone a salvezza ottenuta hai fatto da la, fino al Filadelfia giusto per dire quanto sia GRANATA..!!non un posto qualunque e arrivato e si è fermato al Filadelfia..Grande Davide pieno sostegno!!! Cairo vattene!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. robroyvivatoro - 1 mese fa

      Quando il presiniente si renderà conto che il cuore vale almeno tanto quanto i ragionamenti economici per i risultati, saremo da Champions.
      Nicola, metti nel contratto un ciclo di tutorial privati al presiniente su come si sente e comunica l’emozione agli altri

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. fandangogranata - 1 mese fa

    Persino la finale con il Mantova mi sembra un altro calcio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. FuriaGRANATA - 1 mese fa

    Forza Nicola
    Spremigli le palle a sti quasi giocatori
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. granata63 - 1 mese fa

    La classifica è una merda. Lo spogliatoio peggio. Non si poteva andare avanti con Giampaolo. Speriamo bene. Deve fare valere ciò che ha in squadra..fargli tirare fuori gli attributi. Belotti deve giocare di punta, altrimenti non abbiamo nessuno davanti e non mi riferisco solo ad un finalizzatori. Fisicamente davanti non abbiamo quasi mai nessuno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Héctor Belascoarán - 1 mese fa

    Se ci salva con questi calciatori mal assortiti e sfiduciati da questa società irresponsabile, Nicola verrà proposto per la beatificazione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Fb - 1 mese fa

    Il problema e la societa, non l’allenatore

    I giocatori non hanno voglia di giocare, punto e basta. Nemmeno Mourinho li salverebbe…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. Bela Bartok - 1 mese fa

    Il curriculum non è male. Granata è granata. Per me è già un passo avanti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. Bischero - 1 mese fa

    Nicola… Altra brava persona e cuore granata che si gioca la faccia e la cariera per la passione per questa maglia. Anche lui come Giampaolo longo e Mazzarri non si meritano un personaggio come Cairo. Modulo 3/5/2? Ma il regista e la seconda punta chi la fanno? 4/4/2 ma senza esterni? Auguri….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. POL - 1 mese fa

    Sei un grande! Prepara già il tuo destro per colpire il deretano dei nostri pigri ectoplasmi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy