Toro, vincere con il Lecce per rimanere in vetta: non succede dal 1976

Toro, vincere con il Lecce per rimanere in vetta: non succede dal 1976

Rimanere in vetta dopo le prime tre giornate in A? Non accade dal 1976

di Silvio Luciani, @silvioluciani_
Mazzarri

Dopo la cocente eliminazione dall’Europa League contro il Wolverhampton, il Torino è riuscito a non sbandare e ha collezionato un en-plein fondamentale nelle prime due giornate di campionato. Le vittorie contro Sassuolo e Atalanta hanno portato i granata in vetta alla classifica. Una cosa che, per quanto possa valere alla seconda giornata, non accadeva da diversi anni. Nel caso in cui i granata superassero anche il Lecce eguaglierebbero il Torino del 1976. Fu quella l’ultima occasione in cui il Toro si trovò in vetta alla classifica a punteggio pieno dopo 3 giornate.

VETTA – I granata, tra l’altro, giocheranno lunedì e conosceranno già i risultati di Inter-Udinese e Fiorentina-Juventus, le altre due squadre a punteggio pieno. Nella peggiore delle ipotesi i granata avrebbero l’opportunità di raggiungere Juve e Inter, nella migliore la grande possibilità di staccarsi da soli in testa alla classifica. L’ostacolo più grande di tutti questi discorsi è ovviamente il Lecce: la partita è alla portata del Toro ma nasconde diverse insidie.

FIENO IN CASCINA – D’altronde non era facile neanche vincere le prime due, contro squadre importanti che potranno recitare un ruolo da protagonista in questa Serie A. L’Atalanta è in Champions League dopo aver concluso al terzo posto lo scorso campionato, mentre il Sassuolo è una squadra giovane e talentuosa che darà fastidio a tutti. Insomma, probabilmente non serviranno per la corsa Scudetto, ma questi punti sono importanti per il Torino. Continuare a vincere vorrebbe dire mettere altro fieno in cascina per il prosieguo della stagione. È stato proprio il rendimento della prima parte di stagione a tarpare le ali ai granata nello scorso campionato. La speranza di Mazzarri è quella di riuscire a conquistare più punti possibili in questo avvio di campionato per poi ripetere un girone di ritorno simile a quello disputato l’anno scorso: è questo il modo in cui i granata possono alzare l’asticella.

41 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Ischiagranata - 1 settimana fa

    Che bello vedere tanto positività tra i tifosi del Toro questo ci fa bene ,forza ragazzi fateci sognare

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. granatadellabassa - 1 settimana fa

    Speriamo di fare tris. Sarebbe bello vedere il Toro ancora primo in classifica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. GRISCHIANO - 1 settimana fa

    Basta con questi articoli e titoli presuntuosi, li trovo prematuri e inveri. La squadra deve continuare a lottare lavorando a più soluzioni e i tifosi…. con loro! Senza voli di fantasia guardando una partita alla volta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Carlo - 1 settimana fa

    Se ci credono tutti i giocatori, se non ci saranno troppe sfighe durante la stagione, allora anche io dico la mia: quest`anno il quarto posto… sarebbe una delusione!!!!!!! :):):):)

    Dai che stavolta ci divertiamo davvero
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Antoniogranata76 - 1 settimana fa

    Lunedì sarò allo stadio e spero di uscire dicendo Salutate la Capolista!!!Sempre forza Toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. RFgranata - 1 settimana fa

      Certo caro Antonio e io lo farò da casa xché non posso essere allo stadio ma continuo fin da ora salutate la capolista FVCG

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Antoniogranata76 - 1 settimana fa

        Sei un grande

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Ardi - 1 settimana fa

    La partita con il Lecce, ci dirà molto rispetto alla mentalità vincente o meno e su l’effettivo salto di qualità. Certo non sarà in ogni caso una sentenza, ma sicuramente un indicazione importante

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. granatadellabassa - 1 settimana fa

      Il problema non è la mentalità vincente ma una situazione tattica che l’anno scorso ci è stata spesso indigesta ovvero l’affrontare le squadre chiuse.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Luke90 - 1 settimana fa

    Qui si legge spesso di chi è contro e di chi è pro… solitamente a prescindere ..
    Oggi leggo con piacere che c’è chi ha voglia di sognare e chi ha paura di farlo.. bello!.
    Cmq non è fondamentale quanto noi sogniamo perchè nel nostro caso sono solo desideri (anche le persone sagge sognano)… è importante che sognino anche i nostri giocatori, perchè solo loro possono rendere, invece, tutto possibile… o almeno provarci…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. user-14003131 - 1 settimana fa

    Facile… T9

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. user-14003131 - 1 settimana fa

    Mmm magari non sarà così favole. Se giocano concentrati non c’è storia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. oliberto - 1 settimana fa

    Noi granata siamo abituati a soffrire speriamo che la giusta maturità ci eviti l’infarto.SEMPRE FORZA TORO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Toro Forever - 1 settimana fa

    Ho visto il Lecce contro l’Inter. Ottimo giro palla e velocità in generale. Volevano fare bella figura e le loro marcature erano tutte a 4 o 5 metri dagli attaccanti dell’Inter. Risultato: 4 a 0!!! Con noi si chiuderanno dietro con asfissianti marcature a uomo, cercando dei contropiede sulle nostre palle perse. Non dovremo avere fretta e sbagliare pochissimo. Mazzarri sa benissimo tutto questo. Ma abbiamo un “grimaldello”. Verdi che entra a mezz’ora dalla fine e ci rifà vedere come si segna su punizione. Belotti e Zaza avranno, nel frattempo già partecipato al banchetto. Finale: 3 a 0 e primi in classifica!!! Ok ok ok!!! Mi gratto anch’io!!! FORZA Toro!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. PrivilegioGranata - 1 settimana fa

    Fame!
    Walterone, spero che tu riesca a mantenere affamati i nostri giocatori. In questo la rosa un po’ più lunga e la possibilità di turnover possono essere d’aiuto, tenendo tutti sul filo di rasoio della titolarità non garantita, a parte Belotti, Sirigu e Izzo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. eurotoro - 1 settimana fa

      se andiamo in europa questa rosa un po piu lunga ce la ritroviamo gia pronta x 3 competizioni senza piu ansia da calciomercato…magari solo 1 grossa ciliegiona e via!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Giustoro - 1 settimana fa

    Siete pronti agli scongiuri?
    Io dico che il Toro potrebbe anche puntare a vincere il campionato.

    La Juve non credo si ripeterà, dovendo puntare tutto sulla Champions, Napoli e Inter sono forti ma abbordabili, Roma, Atalanta e Lazio sono più che alla nostra portata, per cui se si verificasse l’anno magico in cui tutto fila per il verso giusto, i giocatori rendono al massimo, tipo Leicester, gli arbitri sono imparziali, ecc… tutto diventerebbe possibile.
    Non probabile, ma possibile.
    Un sogno, probabilmente si, ma cos’è la vita senza sogni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. PrivilegioGranata - 1 settimana fa

      Mi sto grattando furiosamente…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Paolino Paperino - 1 settimana fa

        anch’io. Ho comprato una spazzola per strigliare i cavalli, così l’effetto è amplificato…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Mimmo75 - 1 settimana fa

      Il tuo non è un sogno, è un viaggio psichedelico. Io sono ottimista di natura, molto, ma in confronto a te mi sento un depresso cronico. Io credo che riusciremo a qualificarci in EL senza dover passare per i preliminari, credo che in coppa Italia siamo almeno tra i probabili semifinalisti con discrete possibilità di arrivare fino in fondo. Infine, se tutto dovesse girare benissimo, potremo ritrovarci a competere anche per il quarto posto finale. Per lo scudetto serve ben altro, servono minimo 14 top player da serie A. Noi ne abbiamo solo 5: Sirigu, Ansaldi (se starà sempre bene), N’Koulou (se giocherà), Izzo e Belotti. Abbiamo poi 4 ottimi calciatori di sicuro affidamento: Verdi, Iago, Baselli e Rincon. Abbiamo una batteria di 7 giovani di belle speranze con potenziale ancora da sviluppare (e non è detto ci riescano), alcuni con ottime prospettive ma ancora non pienamente affidabili e spesso discontinui per vari motivi: Aina, Lyanco, Bonifazi, Meite, Lukic, Berenguer, Bremer. E infine abbiamo giocatori di buon livello e affidabili: Zaza, De Silvestri, Laxalt e Djidji. Il resto sono giovani di contorno che purtroppo faticano a emergere (Edera e Parigini) o sono alla loro prima esperienza tra i pro.
      Manca ancora davvero tanto anche solo per pensare di potersi inserire per la lotta scudetto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Il_Principe_della_Zolla - 1 settimana fa

      Tu chiedi “cos’è la vita senza sogni”, io preciso “senza questo tipo di sogni”.
      E’ una vita saggia, che si mette al riparo da cocenti delusioni, perché non ci sono i presupposti perché questi “sogni” si realizzino. Personalmente, più che sogni li intendo come sparate dettate da un entusiasmo che sfiora l’irragionevolezza.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Marcogol - 1 settimana fa

        Capisco cosa vuoi dire, ma é giusto sognare nella vita e soprattutto nel calcio perché crea entusiasmo e quindi forza, giusto quello di cui ha bisogno una squadra.
        Realisticamente non ci manca molto per essere veramente forti sempre che giri tutto nel verso giusto, forse dove bisogna investire per aspirare a tanto é il centrocampo, due da 20/30mln li in mezzo e siamo a posto.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Luke90 - 1 settimana fa

        “L’uomo ragionevole si adatta al mondo; l’uomo irragionevole persiste, invece, nel cercare di adattare il mondo a se stesso. Il progresso, però, dipende dagli uomini irragionevoli”
        George Bernard Shaw

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Il_Principe_della_Zolla - 1 settimana fa

          Il progresso, forse, anche se mi permetto di avere dei grandissimi dubbi. Lo scudetto di serie A, no. Qui, chi vive sperando, muore disperato.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Luke90 - 1 settimana fa

            boh!!! se non ci fossero le persone che pensano fuori dagli schemi, dalla consuetudine, che vanno oltre la loro “confort-zone” (tanto per fare i fighi) e che vanno la dove nessun altro ha provato ad andare prima… forse non saremmo qui a digitare su una tastiera o a gustarci la maionese (versione del ‘700).
            Nello sport sicuramente è diverso … ma … c’è anche gente che si è arricchita puntando sul cavallo sfigato.

            Mi piace Non mi piace
  14. pupi - 1 settimana fa

    Sperando di non incorrere nella sindrome che da qualche anno ci accompagna:la sindrome di Carpi. A Carpi dovevamo vincere, anzi era certo che vincessimo, ed invece? E da allora di partite di quel tipo e risultati di quel tipo ne ho visti troppi. Voglio un 3 a 0 secco, sibillino.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. toro52anni - 1 settimana fa

    queste partite mi fanno paura.Vincere in casa con il Lecce dovrebbe essere la norma ma per noi di solito non lo è.
    Tocchiamoci sotto.
    Sento un po’ troppa euforia e troppe ambizioni da champions.
    Mi ritocco sotto.
    Comunque noi svolteremo quando partite (come la prossima contro il Lecce) che sulla carta sono da 1 fisso ,non ne sbagliaremo più ,o perlomeno ne sbagliamo 1 2 o 3 all’anno.
    I punti persi contro queste squadre l’anno passato ci sono costate veramen te la champions e pure l’europa league.
    Se facciamo questo step fatto di Autostima consapevolezza fame di vittoria e il non accontentarsi o cullarsi sulla superiorità quando giochi con squadre più deboli, allora si che potremo ambire a qualcosa di grande.
    Se riusciamo a fare ciò entriamo fra le grandi altrimenti resteremo nel limbo.
    Comunque con WM penso che siamo su una buonissima strada.
    FVCG.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. barbutun - 1 settimana fa

      La vera crescita è proprio quella mentale e purtroppo non si compra al mercato. Ma il gran lavoro di Mazzarri mi pare che vada anche in questa direzione. Vincere aiuta a vincere è un classico luogo comune nel calcio, ma i luoghi comuni sono appunto delle verità ed è innegabile la crescita di squadra e di mentalità che c’è da quando è arrivato il mister. Mentalità che, secondo me, è cresciuta ulteriormente questa estate anche grazie alla compattezza del gruppo che si conosce alla perfezione e, altra cosa non scontata, sembra molto unito.
      Mentalità vincente e spogliatoio unito. Questi non li compri né a gennaio né mai

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Paolino Paperino - 1 settimana fa

        Verissimo (non il calciatore). Se avremo fatto il salto di qualità lo si vedrà proprio da queste partite.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. RFgranata - 1 settimana fa

    Dai ragazzi stendete il Lecce così posso continuare a scrivere salutate la capolista FVCG che è un vero piacere che non provavo da troppo tempo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. eurotoro - 1 settimana fa

    come la vedo io non conta la classifica x restare primi..il concetto e’ vincere con le squadre abbordabili x non avere gli stessi rimpianti dell’anno scorso (parma..bologna..cagliari ecc.)…questi 3 punti contro il lecce potrebbero valere un posto in champions!!..Forza ragazzi x un anno da protagonisti!!! I want belive

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. PadovaGranata73 - 1 settimana fa

      Scusa #eurotoro ma credo tu volessi scrivere “I want believe”, nel caso ti rispondo …me too!! 😉

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. renato - 1 settimana fa

        Se proprio vogliamo fare i pignoli dovremmo scrivere “I want to believe” perchè want è un verbo che dev’essere seguito da “to”, non è un ausiliare…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Maurygranata - 1 settimana fa

    Vincere aiuta a vincere…
    Forza Toro Sempre!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. GlennGould - 1 settimana fa

    Volesse il cielo che i gobbi non vincono a Firenze, così da aver la possibilità, contro il Lecce, di giocarci il primo posto e la juve dietro..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. FORZA TORO - 1 settimana fa

      non piangerò di certo anche se la gobbaglia perdesse:),ma credo che la Viola sia nostra concorrente per l’EU,se perde ragionando freddamente è meglio,mi consolerò qualsiasi sia il risultato,noi intanto battiamo il lecce

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. FORZA TORO - 1 settimana fa

      ti ho messo comunque mi piace:)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. GlennGould - 1 settimana fa

        Ciao @Forza toro.
        Si è vero, presumibilmente saranno nostri competitors per la corsa dall’Europa.
        Però, veder perdere i gobbi non ha prezzo. E se a batterli sono i viola, son doppiamente felice.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Mimmo75 - 1 settimana fa

    Daje Palledighisa, ricominciamo a ritoccare records come lo scorso anno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Daniele abbiamo perso l'anima - 1 settimana fa

    Lunedì allo stadio tutti a cantare: Vinceremo vinceremo
    Vinceremooo il Tricolor!!

    Tanto pe’ cantà….come si suol dire da un po’ di tempo 🙂

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. SiculoGranataSempre - 1 settimana fa

    Articolo da scrivere martedì prossimo

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy