Calciomercato Torino, il punto: dall’approdo di Sirigu all’addio di Chiosa

Calciomercato Torino, il punto: dall’approdo di Sirigu all’addio di Chiosa

Il punto di giornata / Il portiere a Milano da Cairo: domattina visite mediche e firma. Chiosa saluta; e la situazione Giaccherini…

7 commenti

CHIOSA

Italy U20 v Germany U20

Cominciamo con la prima ufficialità di questa sessione di mercato granata, per quanto riguarda i calciatori: Marco Chiosa non è più una pedina di proprietà del Torino. Il difensore – nell’ultima parte di stagione schierato con ottimi risultati come esterno sinistro di una linea di centrocampo a tre – cresciuto nel settore giovanile granata era stato ceduto in prestito con diritto di riscatto al Novara durante il mercato di gennaio: un riscatto che il club piemontese sembrava essere intenzionato ad esercitare, ed infatti così è stato con il comunicato ufficiale della società granata arrivato nel primo pomeriggio.

7 commenti

7 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. lukimeri - 3 mesi fa

    io paletta non lo prenderei…magari come riserva….
    ho un sogno…il ritorno di CERCI.
    so che è una scommessa rischiosa, ma andate a rivedere i suoi gol e assist al toro…se viene circondato da amore da parte dei tifosi potrebbe essere devastante….
    io ci proverei ….che ne dite?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. redman - 3 mesi fa

      dopo la sua “fuga nel calcio che conta” può pure restarci… se ci riesce

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Rock y Toro - 3 mesi fa

      Scordatelo¡!!!!¡!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. faina76 - 3 mesi fa

      Certo,dopo un simile trionfo nel calcio che conta (nell’Atletico avrà giocato 3 partite in 3 anni) sarebbe bello rivederlo nel Toro,soprattutto la moglie,una che ha fatto della modestia un caposaldo della sua vita e che da quanto ho letto anche in Spagna i suoi bei casini sui social li ha combinati.Forza Toro.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. CHC Bull - 3 mesi fa

    La squadra centrera’ l’obiettivo EL? Forse. L’importante è vedere finalmente la società crederci. É il primo mercato che ricordi dove le trattative sono fatte avendo come controparti squadre di primissimo livello e non da centro classifica in giù. Pur senza essere schizzinosi, visto che Belotti l’abbiamo preso dal Palermo, é più confortante l’idea che vengano ingaggiati calciatori che abbiano già maturato esperienze in ambito europeo e in team con obiettivi transnazionali. Per arrivare in EL serve una solidità mentale che nello scorso campionato è mancata. Anche Belotti, per quando dotato, ha faticato a gestire fino alla fine la pressione della corsa alla classifica di capocannoniere, mostrando – la squadra tutta – un approccio mentale non idoneo agli obiettivi dichirati dalla dirigenza. Il duo Cairo /Petrachi credo abbiano individuato questo attuale limite. Quindi bene Sirigu, bene Paletta, bene l’offerta Vermaelen e molto bene in questo senso l’offerta al Napoli per Zapata. Per me è la prova che si sta cercando di fare le cose seriamente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Rock y Toro - 3 mesi fa

      Hart ai margini della squadra, Sirigu idem, Castan redivivo, Veermaelen infortunato fisso, , l’andazzo mi sembra essere il solito. A quando l’acquisto di un difensore giovane (meno di 30) e affermato in una buona squadra tipo Tonelli? A quel punto saremo sulla strada buona.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. redman - 3 mesi fa

      Non è che Belotti “ha faticato a gestire fino alla fine la pressione della corsa alla classifica di capocannoniere…”, è che a due terzi di campionato Miha ha cambiato il gioco della squadra, valorizzando quindi Llajic me mettendo in difficoltà lui.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy