Il calciomercato al tempo dei social: quel “mi piace” controverso di Belotti a Bonucci

Il calciomercato al tempo dei social: quel “mi piace” controverso di Belotti a Bonucci

Social / Il Gallo ha lasciato un “like” al video del nuovo giocatore del Milan: come si deve interpretare il gesto?

Quando non c’è il campionato, è il calciomercato a tenere alta l’attenzione nel mondo del calcio: e da quando i social network sono diventati quasi un’estensione del corpo umano di ogni tifoso, anche il calciomercato è cambiato. Sono già stato diversi i casi in cui un giocatore ha messo un “like” ad una pagina di un’altra squadra, ed è scoppiata una bufera. Quest’oggi si parla di Andrea Belotti, centravanti granata che sta ricevendo la corte del Milan, squadra che lo vorrebbe ingaggiare, ma non è riuscito ancora convincere Cairo con la cifra giusta.

Nel frattempo, però, Leonardo Bonucci è passato al Milan, e nella giornata di ieri ha postato un video su Instagram nel quale annuncia di essere pronto per questa nuova sfida, e che cercherà di spostare gli equilibri. Sotto al video è comparso il “like” di Andrea Belotti, che è stato subito interpretato in mille modi diversi.

belotti lorenzo bonucci

La realtà dei fatti, però, parla chiaro. Belotti e Bonucci sono amici, già da quando il difensore militava nella Juventus: impossibile dimenticare il piccolo Lorenzo Bonucci, che è un tifoso del “Gallo”, tanto da aver trascinato il padre ad una partita del Torino e aver fatto in modo di incontrarlo di persona (QUI i dettagli). Quindi il “mi piace” messo da Belotti potrebbe essere semplicemente il supporto verso un amico che comincia una nuova esperienza. Ma, ad onor del vero, è gusto notare che questo gesto di Belotti è in contro-tendenza con i suoi comportamenti delle ultime settimane: il Gallo ha cercato di rimanere fuori dai riflettori, saltando la presentazione del Torino e della Serie A, ma adesso è entrato nell’occhio del ciclone per questo “like galeotto”.

Il vero significato di questo “mi piace” al video di Bonucci lo sa solo Andrea Belotti, in questo calciomercato che ormai è diventato molto (troppo?) social.

49 commenti

49 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. blackmapan_447 - 2 mesi fa

    Alla prima occasione mr plusvalenza vende l’unico prodotto del settore giovanile. Cairovattene sei un cimminelli qualsiasi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Baveno granata - 2 mesi fa

    Dopo aver letto tutti i post,credo non ci sia più niente d’aggiungere su questa ennesima telenovela.
    Attendiamo con la speranza che questo tira e molla si concluda nel miglior modo possibile per la squadra ed i tifosi.
    A Firenze gira voce che Babacar possa essere uno degli eventuali sostituti del Gallo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Torogranata - 2 mesi fa

      Babacar sarebbe una buona riserva del Gallo,non certo un buon sostituto,come non lo sarebbe neanche Zapata che di gol ne ha fatti anche meno di Babacar in proporzione alle presenze.
      Se proprio si decide di vendere Belotti, Simeone è l’ideale.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. qualitabenn_662 - 2 mesi fa

        Simeone forever

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. ddavide69 - 2 mesi fa

    Ciao Luke.

    Certo confermo , è difficile che qualcuno compri società (non solo calcistiche) piene di debiti .
    Voglio solo sottolineare il fatto che neppure cairo lo ha fatto , quindi ci ha lasciato fallire , quindi ci ha ricomprato il ‘marchio’ a 200000 Euro (praticamente ZERO) , se stato cercato da qualcuno non lo so .

    Di sicuro ha dimostrato 2 cose :

    NON è un tifoso del TORO visto che l’indebitamento piu’ la fidejussione era di circa 30 milioni di euro , non una sproporzione per una società di serie A per quanto malmessa ,
    inoltre si sarebbe trovato anche il parco giocatori finiti invece in altre compagini questo con il risultato di dover partire dalla serie b (grazie ai lodisti e non a cairo) senza capitale tecnico.

    Oltretutto ad oggi, con gli ultimi tre bilanci in attivo e dopo essere rientrato dei soldi spesi negli anni precedenti avere l’allenatore che ha un compenso netto piu’ alto di qualsiasi giocatore (1,5mln) la dice lunga sulla reale volontà di entrare nel giro delle società che contano….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Athletic - 2 mesi fa

      I debiti non erano quantificati con certezza, e non c’era il tempo per fare una due diligence, e quindi mi sembra normale che non si voglia comprare volentieri una società che sta fallendo con una quantità di debiti non certificata. Tre bilanci in attivo non sono tanti, è sensato fare un passo alla volta e consolidare. Quello che bisogna fare è reinvestire i soldi presi dalle plusvalenze, e risolvere in tempi brevi la questione Belotti. È possibilmente non darli al Milan e farsi dare due ciucci che tanto piacciono al nostro allenatore. Tra l’altro, Paletta alla sua prima uscita stagionale, mi dicono abbia già causato un rigore. Non male, eh Miha?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ddavide69 - 2 mesi fa

        Si, concordo Credo che un centrale di livello vada preso. E secondo me, anche un centrocampista fuori categoria.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. LeoJunior - 2 mesi fa

    diciamo che al Gallo non dispiace, mettiamola cosi.
    Ma se il prezzo dovesse essere: 60 + Locatelli + Niang + Paletta non ne usciamo male.
    Barreca a 18 lo danno via perche’ non piace a Sinisa. Con difesa a 4 e sbilanciati come siamo, serve un laterale che difenda. Ha dato ok a Bruno lo scorso anno per lo stesso motivo.
    Per la plusvalenza parziale … si rifara’ con Locatelli!
    Se con i soldi prendiamo Simeone e una buona riserva (e l’azzardo Pepito Rossi? troppo rischioso?) in attacco. Abbiamo Boye’ che puo’ anche fare da ulteriore rimpiazzo. l’attacco Iago/Adem/Simeone/Niang …. vi pare brutto? e con 50 possiamo andare in cerca di 2 centrocampisti solidi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Athletic - 2 mesi fa

      Se Barreca se ne va perché non piace al nostro allenatore (e potrebbe benissimo essere), allora io manderei via l’allenatore. Ma ormai sono prevenuto nei suoi confronti, lo ammetto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Torogranata - 2 mesi fa

        Se va via Barreca, va via anche Benassi,in pratica in un anno Miha ha bruciato 2giovani.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Athletic - 2 mesi fa

    Riguardo Barreca, secondo me non se ne andrà, non adesso almeno. È probabile sia una mossa del procuratore per chiedere un adeguamento dell’ingaggio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. pertiga! - 2 mesi fa

    Cairo ha tutte le carte in regole e il coltello dalla parte del manico. Il giocatore con un contratto parecchio lungo, una clausola stellare, un mondiale alle porte… il gallo non può neanche impuntarsi troppo sulla cessione o fare lo svogliato che rischierebbe la partecipazione al mondiale e di finire il prossimo anno in un top club… Sta volta ho la sensazione che qualcosa cambierà..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. morassut.maur_419 - 2 mesi fa

    Ha ragione chi parla di punti di vista sulla vicenda Belotti,ciascunp ha il suo.L’importante è che si definisca al più presto in un senso o nell’altro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Brawler Demon - 2 mesi fa

    In sintesi, se se ne va, che lo faccia il prima possibile, visto che Cairo non caccia soldi direttamente suoi per i giocatori.
    Nel tempo abbiamo già venduto Darmian e Glik, 2 veri signori a mio modo di vedere, dei quali io, se fossi presidente disposto a pagare certi stipendi, non mi sarei mai privato. Non mi strapperò i capelli se il Gallo dovesse andarsene, l’importante è che lo faccia in fretta, deve essere lui a parlare chiaro, senza perdere altro tempo.
    A quel punto potremmo capire le vere intenzioni di Cairo ma i tempi devono essere brevissimi, non lungaggini di settimane.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. dingo68 - 2 mesi fa

      Le “intenzioni” sono del Gallo non di Cairo. Forse è questo che non è chiaro ai più che danno contro il Presidente.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Torogranata - 2 mesi fa

        Dingo68,scusa ma tu come fai ad esserne sicuro?
        Belotti ti ha parlato di questa sua volontà?
        Fino ad ora sono solo voci e articoli da leggere e commentare.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. ddavide69 - 2 mesi fa

    Ognuno ha le proprie opinioni, tutte opinabili, tutte giuste o sbagliate. Parlare di intelligenza, di idiozia non ha proprio senso qui. Esistono solo punti di vista. Chi pensa che cairo sia un salvatore, chi pensa che sia un approfittatore (per ora propendo per la seconda). Detto questo non è che chi non la pensa al mio stesso modo sia un puzzone deficiente. Mi aspetto il medesimo equilibrio degli astanti, soprattutto da quelli
    Che lo sbandierano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. GranataFinchèCampo - 2 mesi fa

    Non aggiungo altro ai numerosissimi commenti che evidenziano tanti punti di vista legati alle complesse dinamiche di mercato sul caso Belotti.

    Dico solo: al primo campionato da titolare fisso ha dato l’anima e segnato una valanga di reti, si è sempre comportato bene con noi, è sempre rimasto umile nonostante la sua esplosione e la bomba mediatica su cui attualmente è seduto.

    Personalmente dico che non devono essere un “like” su questo o altro commento di un collega oppure la comprensibile lontananza da interviste ed altri eventi che ruotano intorno al pallone a suscitare considerazioni negative sulla sua persona e professionalità.

    Se rimarrà sarò contentissimo.
    Se andrà via sarà comprensibile e gli auguro una bella carriera (..possibilmente rimanendo a secco se e quando giocherà contro di noi!)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ribaldo - 2 mesi fa

      Condivido, però questo è un commento equiibrato e da persona normale e intelligente, quindi quì non ci sta proprio

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. LeoJunior - 2 mesi fa

      condivido ed aggiungo al tuo commento e al mio in precedenza: stando cosi le cose, evitiamo di accanirci contro il ragazzo. Non ha mai fatto ne’ detto cose fuori posto. Il fatto che non dica nulla in questa fase conferma il suo spessore. Ci ha regalato il massimo che potesse fare e questo e’ quanto. Ringraziamolo, salutiamolo e applaudiamolo quando tornera’. Un solo dispiacere: avrei preferito non rivederlo contro (….se non in CL!!) in altra squadra italiana. Capiamolo pure. parliamo noi per primi di sentimenti, giusto? Lui e’ tifoso del Milan e quindi si sta realizzando un suo sogno che probabilmente ha fin da piccolo.
      PS Sul problema fallimento del Milan, che anche il sottoscritto non vede come ipotesi remota. Mi pare strano che i pagamenti rateizzati non siano garantiti. Lo si fa in qualsiasi transazione commerciale, dubito che non si faccia per calciatori.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Athletic - 2 mesi fa

        Per pagamenti garantiti, intendi una fideiussione o qualcosa di simile? In ogni caso non credo che il Milan possa fallire, al massimo, ed è probabile, passerà nelle mani del fondo, che venderà i giocatori per ripianare i debiti, e rientrare dell’investimento fatto. Il fondo si è anche premurato di vincolare immobili e centri sportivi di proprietà, così che i cinesi non possano venderli, ma lo possa fare successivamente il fondo stesso. Riguardo Belotti, nessun rancore, ma se dopo un solo anno ci saluta, non vedo perché debba avere un trattamento diverso da quelli riservati a Cerci e Immobile.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. LeoJunior - 2 mesi fa

          si intendevo fidejussioni o strumenti simili. presuppongo si utilizzino e quindi il rischio di non incassare minimo.
          Su Belotti: nessun trattamento speciale. se le mie premesse valgono, salvo motivi particolari, non fischierei nessuno che se ne va perche’ non mi sento tradito da nessuno. Stanno solo nel grande circo del calcio, senza romanticismi e ipocrisie. quindi senza pianti, insulti. Forse indifferenza.
          PS Su questa logica vorrei NON vedere piu’ baci alle magliette e quindi esultare anche contro le ex squadre.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Athletic - 2 mesi fa

            Indifferenza, hai detto bene. E proprio perché mi è indifferente, lui come gli altri, sono d’accordo anche per esultanze.

            Mi piace Non mi piace
        2. ribaldo - 2 mesi fa

          se non ricordo male gli anni sono due.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Athletic - 2 mesi fa

            Due, certo… mi riferivo al primo post, in cui si parlava di primo anno da titolare.

            Mi piace Non mi piace
  11. Jerry - 2 mesi fa

    Si fa’ un processo per un Like, figuriamoci se dovesse rilasciare mezza dichiarazione. Ogni cosa che fa’ è amplificato all’ennesima potenza. Tanto si sa’ che qui l’affare lo fanno in due.. è quello che dovrebbe far capire a chi ancora non lo ha capito, la fine di questa storia…… entro fine Luglio il Gallo migra in un pollaio dorato, è il nostro presidente incassa la plusvalenza più alta fino ad oggi, è tanto saluti a i poveri tifosi. Tanto quest’ultimi troveranno un nuovo beniamino, che puntualmente dopo due anni verrà venduto, cercando di superare la plusvalenza Belotti. Questo è il calcio d’oggi, dove il denaro ha sostituito ogni tipo di sentimento, e dove se non fai parte di una certa elite, sarai sempre costretto a questi tipi di discorsi. Rassegniamoci è pensiamo che il Torino siamo noi tifosi è non chi ci rappresenta. Perché loro lo fanno solo per denaro è niente più. Volete un ultimo esempio: Barreca. Nato è cresciuto nel Torino, dovrebbe avere il sangue granata, invece il suo procuratore ha già detto che una proposta della Roma sarebbe ben accettata. Quindi facciamoci una ragione, che se neanche un ragazzo che ha fatto la trafila completa del settore giovanile è legato a i colori, figuriamoci chi a Torino ci è venuto solo perché era la soluzione migliore rispetto a dove stava prima……

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. blackmapan_657 - 2 mesi fa

      Mi sai dire il nome di un giocatore cresciuto nel vivaio che ha giocato sempre nel Toro senza mai cambiare squadra?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Jerry - 2 mesi fa

        Si… Roberto Cravero… cresciuto nelle giovanili, fino alla prima squadra, ha dato i suoi anni migliori al Toro, per poi essere venduto alla Lazio per ripianare i debiti personali si un certo Borsano. Dopo tre anni è tornato al Toro per concludere la sua carriera nella squadra che amava. Lui era un prodotto del famoso Fila, dove i valori venivano prima dei denari….

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. blackmapan_38 - 2 mesi fa

          Ha cambiato maglia è andato alla Lazio.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Jerry - 2 mesi fa

            Si ma non per denaro… ed è la’ la differenza… ci è andato perché qualcuno lo ha venduto per ripianare i suoi debiti personali, e dopo anni di onorevole carriera in maglia granata… non dopo solo 28 presenze…. è la differenza è notevole…….

            Mi piace Non mi piace
  12. dingo68 - 2 mesi fa

    Perfetta la sintesi di LEO Junior. Dobbiamo prendere coscienza di cosa siamo prima ancora di infierire su Belotti o su Cairo. Siamo una squadra da settima/ottava posizione, con un monte stipendi da massimo 1,5 mln a giocatore ed un fatturato totale da squadra, ripeto, da metà classifica. E’ evidente, parole di Mirabelli, che il Gallo abbia avuto la sua proposta. Ora si alzi chi rinuncerebbe a guadagnare nei prossimi 5 anni 30 milioni (almeno) ed a vincere qualche titolo. Credo, a parte invasati e matti, nessuno. Quindi ha ragione LEO JUNIOR: pretendiamo da tifosi che Cairo con quei soldi costruisca una squadra di valore.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Torogranata - 2 mesi fa

      Veramente si parla di un’offerta fatta dal Milan a Belotti per un ingaggio di 3milioni l’anno.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. dingo68 - 2 mesi fa

        Non credo che un attaccante possa essere avvicinato con cifre del genere in una squadra dove i titolari non prendono meno di 5 mln all’anno.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Luke90 - 2 mesi fa

        Ed è questo che mi fa strano: va via per “soli” 3 Mil. quando il Toro gli ha offerto 2 Mil più bonus alla vigilia del mondiale? Se Belotti andasse via il prox anno a rimetterci potrebbe essere solo il Toro. Francamente ero convinto che sarebbe rimasto … e in fondo lo sarei ancora se non fosse per il Milan, e questo nonostante mi renda conto che per il Toro sarebbe bene cederlo monetizzando il più possibile.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. pasastabala - 2 mesi fa

    La destinazione di Belotti è il Milan, salvo che i suoi dirigenti tirino troppo la corda, come stanno facendo.Il rischio che vedo è quello della possibile futura insolvenza di questa società e quindi per il Toro di non incassare le rate dei futuri pagamenti posto che tutte le operazioni in questi giorni concluse dal Milan prevedono lunghe dilazioni. Il volume degli acquisti, i soldi profusi e soprattutto, come detto, il differimento dei pagamenti inducono il sospetto, avvalorato anche dalla non trasparenza sull’effettiva proprietà societaria, che il Milan azzardi una spavalda operazione finanziaria finalizzata a risultati sportivi immediati che le consentano di acquisire i relativi vantaggi economici e quindi di onorare a babbo morto gli ingenti debiti assunti. In caso contrario l’ipotesi del dissesto non è da escludersi con la conseguenza che gli eventuali saldi del prezzo di Belotti sarebbero a rischio. Meglio venderlo all’estero, anche a un pò di meno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Torogranata - 2 mesi fa

      Concordo,l’avevo pensato anche io, penso che molto probabilmente è questo il vero motivo per cui ancora l’affare non si è concluso

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. ddavide69 - 2 mesi fa

    Se vendono belotti per niang paletta e locatelli e 50 milioni , vedrete che non si comprerà piu’ nessuno!

    2 scarti , un giovane e plusvalenza di 5 milioni da aggiungere agli altri 30 dell’anno scorso.

    Se finirà così cairo non mi vedrà piu’ allo stadio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Alex 74 - 2 mesi fa

      Penso che tu abbia ragione, ma pensa da dove e partito il nostro presidente, da zero, quanti come lui avrebbero fatto le sue stesse cose, e sarebbero arrivati dove e arrivato lui, anni fa il suo monte ingaggi era massimo 700k €, oggi si spingerebbe a 2 m per un ipotetico Belotti che resta, non credo, lo so ci va tempo, il Milan ha speso milioni, ma se entro due anni non ottiene risultati la barca affonda, e facile spendere… ma bisogna anche saper rientrare

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Torogranata - 2 mesi fa

        Vuoi un nome di un altro presidente che ha fatto meglio di Cairo prendendo una società fallita e ripartita dalla serie C?
        DeLauruentiis col Napoli.
        Ma di cosa stiamo parlando su,Cairo non spenderà mai del suo per il Toro.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. ribaldo - 2 mesi fa

      ddavide69, sai che perdita!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Gud_74 - 2 mesi fa

        Ragazzi a leggere qualche commento mi sembra che qualcuno addirittura rimpianga Ciuccariello !!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. ddavide69 - 2 mesi fa

          Veramente gente obbiettiva voialtri. Ricordo che cairo ha lasciato fallire toro, lo ha pagato zero, io non ho mai visto aziende che senza investimenti si risollevano da sole, forse tu si! Cazzo c entra ciuccariello?? Hahahaha

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Luke90 - 2 mesi fa

            Ddavide69 proprio tu mi hai fatto presente che nessuno compra una squadra piena di debiti … poi, per quel che so io, e potrei sbagliare, Cairo è stato cercato … non so se si sia fatto vivo spontaneamente… comunque,,,

            Mi piace Non mi piace
      2. ddavide69 - 2 mesi fa

        COMPLIMENTI! E tu saresti quello equilibrato?
        Chapeau.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. LeoJunior - 2 mesi fa

    Non credo sia questo il segnale che se ne andra’, ma elementi ben piu’ concreti. Nessuno, ad esempio, ha mai smentito. Cosi va ormai il calcio. Ma credo anche che abbiamo un romantico ricordo delle “bandiere” di una volta e non abbiamo soprattutto la controprova di cosa avrebbero fatto se avessero vissuto di questi tempi. Fino a 20 anni fa le differenze tra le squadre non erano cosi marcate in termini di stipendi. Tra Toro e Inter/Milan e soprattutto squadre estere non c’era una grande differenza. Sparo numeri. Ma se il Toro offriva uno stipendio da 100 milioni a Pulici l’Inter poteva darne 120. Non 500 (5 volte di piu’) o 1 miliardo come potrebbe darne il PSG di turno. E allora era piu’ “facile” essere una bandiera. Purtroppo dobbiamo rassegnarci che ci sono squadre che servono da lancio (e noi, ahinoi!) siamo una di queste per andare nel “calcio che conta”. E conta soprattutto in termini di soldi per calciatori e procuratori. Altre considerazioni non se ne fanno. Ne’ sulla maglia, ne’ di gratitudine (! sia mai!), ma nemmeno calcistiche. Se pensate che ci sono calciatori che decidono di smettere di giocare per andare in Cina. Neymar potrebbe lasciare il Barca per andare a vincere nulla nel circo del PSG …. che poi mi chiedo: ma uno che guadagna 20 milioni di euro, avra’ bisogno di altri 5?! E si rassegna ad una carriera meno vincente? E allora se questo e’ quello che e’ diventato il calcio, ci sta che il Gallo se ne vada. Ma santa pace, con quei soldi possiamo e dobbiamo fare una super squadra per far pentire chi se ne va ….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. polster - 2 mesi fa

      ma se la juve non è riuscita a trattenere bonucci, figuriamoci se cairo riesce a trattenere Belotti… Inutile prendersela con i presidenti, almeno cairo ha capito come funzione e ha subito piazzato una clausola rescissoria da paura…
      credo che di più non gli si possa chiedere contro i mercenari, e finiamola di chiamarli giocatori

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Orso Granata - 2 mesi fa

        Secondo questa visone qualunque operaio, impiegato o dirigente che cambia lavoro è un mercenario, non credi?
        E forse è anche così, ma allora perché colpevolizzare i calciatori?
        Il problema è solo la nostra visione religioso/romantica del calcio.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. polster - 2 mesi fa

          accolgo con favore la Tua critica, ma mi permetto di fare un piccolo distinguo: operaio, impiegato o dirigente sono persone che si devono fare un mazzo tanto per vivere. Stiamo parlando comunque di persone che tirano calci ad un pallone, che si presentano davanti alle telecamere esprimendosi come primati, che non sanno distinguere un soggetto da un complemento oggetto. Io due milioni di euro l’anno li darei a quelli che operano tumori ed eseguono interventi a cuore aperto, non a questi vitelli coperti interamente di tatuaggi e che passano le serate in discoteca. in questo vedo solo ignoranza e tanta tristezza

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Orso Granata - 2 mesi fa

            Certo, concordo, ma volere sempre di più è una umana debolezza.
            E per dirla tutta credo siano peggio certi procuratori, che manco sudano per inseguire una palla ….
            D’altronde quelli di Venaria ben dimostrano come funziona il mondo dei tifosi, l’etica non è un problema sentito e si spendono i soldi per vedere la propria squadra vincere, spesso non importa come.
            E’ una sorta di investimento narcisistico, irrazionale e abilmente sfruttato a scopo di lucro.
            E pensare che basterebbe smettere di comprare le maglie di chi guadagna troppo …

            Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy