Senza Belotti, è un Toro a metà

Senza Belotti, è un Toro a metà

Buonanotte granata/ Un pareggio un po’deludente, e la chiara indicazione che quello che più è mancato è un giocatore come Andrea Belotti

L’abbiamo visto tutti, dalla Maratona, chi e cosa mancava. Era lì, Andrea Belotti, in alto in tribuna, con lo sguardo un po’scuro e sicuramente troppa voglia di rientrare. Ogni tanto, mi voltavo verso di lui, come se mi aspettassi che le sue doti di rapace del gol funzionassero anche da lì, ma purtroppo non ha potuto far nulla.

Mancava ancora lui in campo e mancava ancora Ljiaic, e questo vuoto si è visto eccome. Qualche occasione nel primo tempo non è stata sufficiente per svegliare una partita, diventata abbastanza piatta nella ripresa, quando anche creare gioco è diventato più problematico e i ragazzi sono stati più imprecisi e stanchi. Qualche luce tra le nuvole: l’esordio di Barreca, entrato tra gli applausi e con la personalità di un piccolo leone, e una buona performance di Obi, che ha fatto vedere qualcosa in più dell’anno scorso, ma in attacco è mancata senz’altro molta incisività. Boyè, per quanto possa essere una scommessa, non ha avuto benzina a sufficienza e nel secondo tempo è decisamente scomparso. Insomma, non è il Gallo, e non credo lo sarà mai, mentre noi ci ritroviamo ufficialmente Belotti-dipendenti, e questo non è di certo un bene, ma, guardando il lato positivo, possiamo sperare in un campionato più divertente e redditizio, quando la squadra sarà davvero completa.

Per ora un punto, anche se con un po’di delusione, io me lo tengo stretto,  lo porto a casa e lo metto sotto al cuscino, insieme alla pazienza che mi servirà ancora prima vedere il Toro giocare come meritiamo noi e come chiaramente vuole Miha. Diamoci tempo, a piccoli passi i risultati arriveranno.

Buonanotte granata…

20 commenti

20 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Alberto Fava - 8 mesi fa

    Mamma mia, va bene essere delusi, ci sta e lo sono anch’io.
    Va bene che è lunedì, ma porco mondo a leggere certi commenti c’è da toccarsi.
    Macché ” lucida analisi” ed opaca sintesi.
    Qui si sta facendo la danza della sfiga!
    FORZA TORO sempre , non solo quando si vince……

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Pimpa - 8 mesi fa

    Occupiamo la posizione che ci compete,né più né meno; come sostengo da tempo,abbiamo una squadra del valore di Genoa Chievo Atalanta Samp,niente di più e niente di meno.
    Si scambia troppo spesso per disfattismo quella che è una lucida analisi della realtà dei fatti, che racconta di una squadra modesta tecnicamente, fisicamente, caratterialmente e per di più allenata malissimo.
    Io giudico sconfortante il secondo tempo di ieri, poi ciascuno è libero di trovare tutte le giustificazioni che vuole.
    Abbiamo dovuto aspettare che si infortunasse il povero Molinaro, per far sì di non vederlo più partite titolare.
    Naturalmente a Pescara non vinceremo, purtroppo, vista la fattacci che abbiamo fatto ieri per prendere un punto in casa contro l’Empoli, non contro il Barcellona.
    La scusa del poco tempo, delle partite ancora da giocare prima di esprimere giudizi, tiene poco: tutto è già solare.
    Falqui, come sostenevo, è un giocatoruccio che va bene per giocare nel Genoa e da noi, e con questo ho detto tutto.
    Baselli è uno smidollato,con tecnica,ma smidollato, così come Benassi e Zappacosta.
    La difesa fa tristezza e in attacco, a parte Belotti e Boye (che ancora ha tanta strada da fare ma almeno mostra di avere qualità) c’è da farsi il segno della croce con la mano mancina. Maxi Lopez è inconcepibile che dopo un anno e mezzo ancora circoli con la trippa.
    Basta così, direi, no?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. stto1962 - 8 mesi fa

    Quello che più amareggia è che dopo quattro giornate l interesse per questo campionato è già finito. Credo che la gente si sia assuefatta. Seguiremo il toro chiedendo a fine partita se avrà di nuovo perso e verificherà mo a fine campionato se il prossimo anno sarà ancora in serie A

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. L'Antitutto - 8 mesi fa

      addirittura?
      noi invece continueremo ad andare allo stadio e a tifare, poi a fine campionato vedremo come è andata.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Alberto Fava - 8 mesi fa

        Giusto

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. tripppo - 8 mesi fa

    Vorrei capire dal mister, i suoi proclami siamo una squadra che lotterà per i posti Uefa (e l’organico lo abbiamo)anche con Belotti e Ljaic infortunati ma purtroppo abbiamo fatto una buona campagna acquisti ma abbiamo un allenatore che ad oggi non è in grado di dare un’identità alla squadra, il suo modulo di gioco “confusione” in tutti i reparti non si è ancora visto nessuna impostazione
    E poi se proprio vogliamo andare a cercare il pelo nell’uovo i giocatori che lui ha voluto sono quelli che hanno toppato, perchè ?
    Ragazzi ricordiamoci che si siamo alla quarta giornata e c’è tempo ma siamo ad un punto dalla retrocessione e abbiamo incontrato squadre alla nostra portata che secondo le dichiarazioni dell’allenatore ci saremmo dovuti mangiare, secondo me parlasse un po+ meno e facesse un po’ di più i fatti sarebbe meglio
    Comunque sempre FORZA VECCHIO CUORE GRANATA

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 8 mesi fa

      Per me se togliamo belotti e ljaic , questa diventa una squadra sssolutamente mediocre , da dodocesimo -tredicesimo posto , ovvero dove siamo adesso.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Pusceddu - 8 mesi fa

    Nuova filosofia granata? Non mi sta bene e se guardare avanti vuole dire adeguarsi a un sistema che abbiamo sempre odiato, beh, meglio la retorica dei fatti che furono, del ricordo e dell’essere granata sanguigno, che non guarda portafogli, bilanci e le prese per il culo di uno squalo che ama emulare il suo maestro senza minimamente creare un progetto e poi chi ha detto che dovremmo essere quello che non siamo mai stati? Ci vuole tanto ad avere dignità? Non credo proprio e con braccino non avremmo molti problemi, se solo lui volesse, ma ha vita facile fin quando troverà tifosi che disprezzano la nostra storia credendo di essere degli innovatori del “nuovo essere granata”. Ma pensa, anche il nickname spiritoso si è fatto, il granata della nuova generazione…bleah!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. ALLO STADIO CON LA SEDIA DI MONDONICO - 8 mesi fa

    In questo momento e’ comprensibile essere amareggiati e scontenti. La squadra non da’ le sicurezze e non garantisce il divertimento che tutti auspichiamo, e di conseguenza i punti non arrivano.
    Però le partite giocate sono solo 4, la squadra e’ mezza nuova e lo staff lo e’ completamente.
    Andiamo a vederli e diamogli fiducia.
    Possiamo fare molto meglio, e sulla carta (lo so’, conta il campo e non la carta) siamo più forti di 12-13 squadre.
    Riguardo ai fratelli che odiano/apprezzano Cairo non commento, ognuno ha il sacrosanto diritto di pensarla come vuole, specie se paga il biglietto.
    Io personalmente vedo peggio di noi in altre società, e tanta improvvisazione in club più blasonati e con budget e diritti tv maggiori dei nostri. In sostanza ho un moderato apprezzamento per l’attuale proprietà.
    Un mio personale parere però mi sento di dirlo: giusto attingere a piene mani dai colori della nostra storia, capire l’importanza dei nostri valori e le nostre peculiarità che da sempre contraddistinguono la maglia ed il tifo granata: dopodiché però, GUARDIAMO AVANTI! NON SI VIVE DI RETORICA, DI RICORDI E DI PASSATO.
    Pensiamo a ciò che siamo ora e noi per primi cancelliamo questo pessimismo cosmico che emerge tutte le volte.
    Non si possono sempre tirare in ballo le gesta del passato, e scomodare i nomi di Pianelli o di calciatori che hanno scritto pagine passate e come tali vanno vissute. E poi basta con i paragoni coi Gobbi. Questo sport oggi e’ pesantemente condizionato dal denaro. Stop, punto, e’ un’equazione matematica. La nostra e’ una società da 7-10 posto (magari che può lentissimamente migliorare e come il vino avere l’ottima annata e puntare al 5-6 posto). Guardiamo che combinano Roma e Lazio, o le tonnellate di denaro movimentate dal Napoli per portare a casa 1° coppa Italia dalla gestione DeLaurentis (passando per Higuain, Cavani, Lavezzi…)
    Le chiacchere stanno a zero, la matematica (ed il portafoglio) non è un opinione…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Gliinvincibili - 8 mesi fa

      Senza offesa ma il napoli non movimenta tonnellate di denaro ma fa esattamente lo stesso lavoro di Cairo,con la piccola differenza che il loro presidente i soldi li reinveste.E poi chiariamo definitivamente una questione qui nessuno pretende lo scudetto o la champions,ma la serieta ed il rispetto verso una tifoseria unica al mondo .I soldi ci sono basta essere onesti sui progetti punto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Pusceddu - 8 mesi fa

    “..possiamo sperare in un campionato più divertente e redditizio, quando la squadra sarà davvero completa.”
    Sarebbe completa se tra Cerci, Immobile, Glik, Maksimovic, Darmian e Peres fossero rimasti almeno due o tre. Ma noi ormai ci siamo abituati alle stragi sistematiche cairote con un mutismo imbarazzante.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 8 mesi fa

      Esatto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Pusceddu - 8 mesi fa

    W Cairo, l’intoccabile! Guai se su questa piattaforma si critica la mancanza di progetto di braccino! Sarà che so’ vecio e ho visto contestare per moooolto meno, ma questa tifoseria non la riconosco più.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Gliinvincibili - 8 mesi fa

      Parole sante.Peccato siano scritte su un forum di gente che tutto e tranne che tifosa del toro,altrimenti non si spiegerebbe perche si ostinano a difendere l indifendibile.Provo una gran vergogna per quello che siamo diventati ,una tifoseria al servizio del padrone.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Pusceddu - 8 mesi fa

        Il guaio è che sono tifosi del Toro, ma completamente in balìa della favola che parla di plusvalenze..sai, l’orco cattivo che mangia i granatini e guai se si dovesse sfondare chissà cosa per un progetto serio, rischieremmo di sparire per sempre e non ricordano che stava per accadere grazie sempre a un certo immobilismo durante il periodo cimminelliano e solo grazie al lodo non facemmo una brutta fine, braccino ci prese facendo un grande affare e si vede dall’impero che sta creando al di fuori del Toro. Ma prima o poi pagherà anche lui, l’imitazione di berlusconino.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Gliinvincibili - 8 mesi fa

          Speriamo prima che poi perche ti giuro che non ne posso piu di questo schifo.Le uniche volte che riesco ancora a gioire per il toro e quando sogno,perche questa non e la realta che ci merotiamo,ma forse e solo che dopo tutti questi anni ce lo siamp dimenticati.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Pusceddu - 8 mesi fa

            Sì, abbiamo assimilato una mentalità da bassa provinciale, ormai i nostri modelli si chiamano Chievo, Sassuolo e via dicendo, dimenticando che il TORO dovrebbe essere prima di tutto una società cazzuta, anche se non ricca, e che sappia creare un’ossatura che dia garanzie di un ciclo e quale sarebbe il nostro ciclo? Semplice, quello che siamo sempre stati: IL TORO BOIA FAUS!!! Nessuno pretende di essere come i gobbacci bastardi! Nessuno pretende scudetti, champions ed altre cagate! Voglia il TORO, capace di fare tremare le gambe a tutti gli avversari e di lottare per i primi posti in campionato e poco ce frega se vinciamo una coppa Italia ogni venti anni o conquistiamo una finale UEFA con un allenatore che alza a sedia in cielo! Voglia dignità GRANATA

            Mi piace Non mi piace
          2. Gliinvincibili - 8 mesi fa

            Mi hai commosso cazzo,ritroviamo i nostri valori e non buttiamo anni di storia nel cesso.Grazie pusceddu per averci ricordato a tutti cosa significa essere tifosi del toro.

            Mi piace Non mi piace
          3. Pusceddu - 8 mesi fa

            Scusate lo sfogo ho anche errato a digitare, vorrei una tifoseria unita che si faccia rispettare ma questo è impossibile per diversi motivi.
            FORZA TOROOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO

            Mi piace Non mi piace
  9. Schiffer - 8 mesi fa

    A piccoli passi speriamo di salvarci. Questo è l’unico obiettivo serio per questo povero torello figlio delle plusvalenze del duo senza vergogna, che tanto rendono contenti e orgogliosi certi compiacenti tifosi. Altro che solo Belotti. A questa squadra mancano un paio di difensori e un bel centrocampista che abbini quantità e qualità. Però vinciamo nuovamente lo scudetto delle plusvalenze. Bene. Bravi. Complimenti. Vergognatevi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy