Tutti addosso al Gallo

Tutti addosso al Gallo

Buonanotte granata/ Una stagione sfortunata per Andrea Belotti, ma la fiducia dei tifosi non deve assolutamente mancare

di Cristina Raviola, @CriCuoreToro

Che memoria corta abbiamo a volte.

Andrea Belotti, idolo granata, capace di suscitare lacrime di commozione, letterine di piccoli tifosi adoranti e paragoni importanti di giocatori appartenuti ad un calcio e ad un tempo che non c’è più, ha vissuto una stagione davvero difficile.
Emotivamente per un ragazzo così giovane e, ad occhio, direi non particolarmente opportunista e smaliziato, gestire il clamore dell’estate scorsa su cifrone, clausole e tutto il chiacchierare rispetto a squadre europee o italiane alla porta, dev’essere stato piuttosto pesante. Poi gli infortuni, ancora più pesanti, che hanno condizionato il tempo e il modo di giocare. La voglia e l’urgenza di rientrare per la Nazionale, con un contributo che è stato certamente positivo, ma inutile a fronte della pessima figura fatta dagli azzurri. E quella palla che non entra, forse un po’ di timore nel mettere la gamba, una serie di prestazioni appannate in un Toro decisamente in ombra.
Andrea quest’anno ha perso tanto: tanto gioco, tanti gol, la possibilità di giocare i Mondiali, e a quanto pare persino quell’aurea di intoccabile che si era guadagnato l’anno scorso, con il suo viso pulito, con i suoi modi gentili, con la sua grinta, e quella fascia che, dopo Benassi, non poteva essere altro che sua.

A quanto pare, l’ennesimo errore dal dischetto ha innescato nei tifosi una reazione rabbiosa, tipica di chi non sa più a chi dar la colpa di una stagione deludente. Insomma, tutti addosso a lui, con il suo silenzio, il suo essere dichiaratamente tifoso rossonero, il suo non essere più lui.

Io credo che dovremmo tutti fermarci un secondo a ragionare, credo che sia ora di vedere il progetto Torino nella sua totalità, cercare di valutare quanto questo progetto sia davvero una crescita, quanto possa essere stimolante per un giocatore con una carriera davanti. E poi ritornare al Toro, e scoprire nelle identità dei giocatori che passano e in quelli che si fermano, cosa c’è di “Toro”. Andrea Belotti ha sempre avuto tanto di quello che noi siamo andati cercando nei giocatori e negli allenatori, e noi non possiamo permetterci di avere la memoria così corta.

Potrebbe avere già un contratto firmato con un’altra squadra e un piede verso un’altra città, ma sarà sempre più vicino al Toro di chi oggi lo rinnega o inventa fantasiose ipotesi sulla sua stagione sfortunata. Per me Andrea rimane una buona parte di Toro, e si vede già solo in quanto ci è mancato quest’anno. E se vorrà prendere un’altra strada, ci avrà comunque ridato una parte di quello che siamo.

Buonanotte granata…


Laureanda in Scienze della comunicazione ed imprenditrice, un cuore granata da 33 anni. Da tre stagioni a Toro News, condivido la mia insonnia post-partita e i miei sogni, primo tra tutti quello di un calcio fatto solo di emozioni e di un Toro composto da giocatori-bandiere.

36 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. FanfaronDeMandrogne - 1 mese fa

    “Io credo che dovremmo tutti fermarci un secondo a ragionare, credo che sia ora di vedere il progetto Torino nella sua totalità, cercare di valutare quanto questo progetto sia davvero una crescita, quanto possa essere stimolante per un giocatore con una carriera davanti.”

    …perchè, abbiamo un progetto Torino nella sua totalità…???

    Cara Cristina, dopo 13 anni di delusioni, mediocrità, anonimato, plusvalenze “cairote” da vendite di giocatori buoni e acquisti di scarti di altre squadre, bolliti, rotti e giovani di belle spernaze, sei ancora convinta che esista un “progetto Torino”?

    P.S.: se il Gallo se ne vuole andare ha certamente le sue ragioni: dopo la delusione della Nazionale, dopo le dichiarazioni “roboanti” di bracciamozze a proposito del “Toro più forte degli ultimi 40 anni”, dopo gli infortuni ed un attacco ridicolo e inguardabile incui lo stesso Gallo doveva (e deve) andarsi a prendere/cercare palloni a centrocampo e dopo che lo stesso bracciamozze, lo scorso anno, lo ha “trattenuto” non certo per affetto e per costruire una squadra decente intorno a Lui, bensì perchè nessuno gli ha “scucito” 100 milioni cash (per Zappacosta, al contrario, non ha avuto il minimo dubbio, a un paio d’ore dalla fine del mercato), io farei lo stesso. Non trovi…???

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. dukow79 - 1 mese fa

    Ormai non c’è piú neppure il diritto per i tifosi che pagano il biglietto allo stadio di fischiare i propri giocatori se fanno male in campo. Calciatori super pagati&viziati vedi Insigne che non appena vengono fischiati zittiscono il pubblico, lo stesso a cui devono la fama, il successo e i lauti guadagni che percepiscono. Il calcio è lo specchio della nostra società, dove molti giovani dopo un anno fatto a buoni livelli, tirano i remi in barca, sedendosi sugli allori, e si credono già arrivati. Lo ha rivelato Klose anni fa quando ha appeso gli scarpini al chiodo: “non mi diverto piú in questo calcio, quando ho iniziato a giocare io 20 anni fa non era cosí, oggi i giovani calciatori invece di allenarsi come si deve preferiscono pensare al taglio di capelli o a quali scarpette indossare”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Toro71 - 1 mese fa

      Hai perfettamente ragione. Quando Cerco andò a giocare all’Atletico Madrid l’attuale moglie disse di essere arrivati nel calcio che conta, buttando merda al calcio italiano…si vede che fine che ha fatto gioca nel Verona che sta per retrocedere…Belotti vai al Milan così non hai nemmeno la certezza che i cinesi ti paghino lo stipendio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Toro71 - 1 mese fa

        Cerci scusatemi il T9 fa sempre scherzi

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Luke90 - 1 mese fa

    Il problema di fondo, secondo me, è che non bisogna affezionarsi troppo ad un giocatore. Brutto a dirsi ma giocatori (specie se di livello) e società si usano vicendevolmente.
    Il tifoso, specie del Toro, cerca di vedere nei giocatori che via via si susseguono l’eroe di un tempo. E così si fa in fretta ad ergere ad eroe il giocatore e altrettanto facilmente lo si butta giù da quel piedistallo. Il problema è che non si diventa eroi in un giorno (o in una stagione) …
    Andrea, sicuramente ha delle doti .. ma temo che nel suo futuro non ci sia il Toro … credo che lui ambisca ad altro e probabilmente è giusto anche così.
    Obbiettivamente quello che dovremmo pensare è se il Belotti di quest’anno può essere utile al Toro. Dovremmo pensare se Belotti vuole restare al Toro. Quanto potrebbe essere utile finanziariamente Belotti al Toro …
    In un certo senso il Belotti dello scorso anno ha inciso anche sul tipo di mercato che è stato fatto perché si dava per scontato di aver trovato il Campione…
    Non mi schiero con chi accusa o difende .. capisco entrambe le parti; a me interessa sapere in che modo Belotti può essere utile al Toro: restando o cedendolo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Seagull'59 - 1 mese fa

    Il Gallo: croce e delizia di noi tifosi.
    L’anno scorso ha fatto cose che lo hanno portato agli onori e alla gloria, mentre quest’anno, complici gli infortuni, non è riuscito ad esprimersi agli stessi livelli.
    Credo sia capitato e capiti a tutti i grandi giocatori di avere alti & bassi di questo tipo (anche al mio totem Pulici capito’): un campione vero trova però dentro di se gli stimoli e le motivazioni per riprendersi e dimostrare il suo valore.
    Di sicuro il Toro gli ha dato fiducia e uno stipendio da top player, per cui anche solo per questo ha il diritto/dovere di ripagare in campo questa situazione da indubbio privilegiato.
    Io gli auguro di cuore di tornare ad essere il Gallo e di fare tesoro delle esperienze di chi pensava di andare nel “calcio che conta” salvo poi scoprire quanto sia dura la panchina ed essere attorniato da gente che non capisci e non ti capisce… (Cerci, Immobile, Darmian, Zappacosta, Peres, Maximovic: i soldi sono sicuramente importanti ma non sono tutto nella vita e il Gallo non può dire di prenderne pochi…).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Serafino - 4 settimane fa

      DALLE TUE ULTIME RIGHE PENSO C HE SE BELLOTTI LE LEGGE NE POSSA TRARRE LE CONSEGUENZE, MA MI VORREI SBAGLIARE QUESTI NON è UN CUORE TORO COME PAOLO PULICI LUI VUOLE ANDAR VIA VADA PURE E POI VEDREMO LA FINE CHE FARè,PRENDA ESEMPIO DAQUELLI CHE SE NE SONO ANDATI ATORINO ERANO ADORATI DOVE SONO ANDATI DELLE PERSONE QUALSIASI SEDUTE IN PANCHINA,

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Athletic - 1 mese fa

    E comunque… se si vendono Cerci e Immobile (e piu recentemente Glik o Zappacosta) si sbaglia perchè sennò gli si tarpa le ali, se si tiene Belotti si sbaglia perchè tanto non è uno da Toro e tutto sommato è pure scarso… come fai fai, tanto sbagli sempre…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Toro71 - 1 mese fa

    Il rendimento di Belotti è quello di quest’anno, l’anno scorso è stata una stagione straordinaria che difficilmente potrà ripetersi. Addirittura Cairo gli aveva proposto un contratto da 3 milioni a stagione….1,5 milioni per uno come lui è oro colato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Daniele abbiamo perso l'anima - 1 mese fa

    Cara Cristina, scrivi cose belle e giuste ma secondo me su Belotti ci abbiamo fatto troppa “poesia”. Un giocatore da toro come piace a noi sognatori granata nella nostra squadra oggi semplicemente non c’è. E forse neanche altrove.
    È un bravo ragazzo, un buon attaccante e per sei mesi lo scorso anno ci ha fatto sognare, e noi abbiamo fatto sognare lui. Gli abbiamo attribuito doti caratteriali e sangue granata che probabilmente non ha. Non è colpa sua. Però quando a una persona gli si ripete che è un campione d’altri tempi, uno che incarna il tremendismo granata, che forse vale 100 milioni, a volte quel giocatore inizia a credere che tutto ciò sia vero è allora per qualche tempo quel giocatore sembra essere veramente quel campione alla Pulici le cui doti gli abbiamo attribuito.
    Poi però la spinta finisce, e Belotti torna a essere quello che è: un buon attaccante del campionato italiano, un professionista che prova a dare il massimo e a fare la sua parte.
    Togliamoci dalla testa (e dal cuore ) che Belotti sia un giocatore alla Pulici, perché i Pulici, i Ferrini sono diventati miti e totem granata giocando quindici anni e oltre da Toro, non furono eroi di una sola stagione.
    Quindi per me è giusto che non si critichi il Gallo per tutti gli errori e i mali della squadra, ma evitiamo anche di innalzarlo sul tempio dei nostri eroi. Se poi resterà al Toro e negli anni dimostrerà di esserlo, lo vedremo e ne saremo tutti felici.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 1 mese fa

      E niente, ancora non è chiara la differenza tra valore di mercato e clausola rescissoria x accaparrarselo PRIMA della normale scadenza del contratto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Daniele abbiamo perso l'anima - 1 mese fa

        A me è chiara la cosa, era solo per dire che con quella clausola il ragazzo ha iniziato a credere di essere un campione, forse troppo presto, no? Certo, il calcio oggi spara cifre senza senso e lui non è il solo ad essere stato sopravvalutato.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Simone - 1 mese fa

          È una clausola che serviva SOLO x l’estero. Chiunque in Italia poteva fare un’offerta inferiore a Cairo e lui l’avrebbe valutata.
          Se pensi che possa averlo influenzato è una tua opinione non verificabile in nessun modo

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. prawn - 1 mese fa

      concordo in tutto, certo Simone precisa che non vale 100 ma solo 100 se rompe il contratto per un club estero…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Theblizzard - 1 mese fa

    Leggo continuamente che il Milan ha offerto 50mln di Euro più Cutrone per comprare Belotti! Se fosse così mi offro come autista gratuito per portare Belotti a Milanello! Se Cairo nn accetta è pazzo e soprattutto non vede la futura plusvalenza in Cutrone!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. silviot64 - 1 mese fa

    Dare l’anima spero faccia parte dello stipendio se si è una persona onesta e il gallo indubbiamente lo è. Credo che paghi più i suoi silenzi e un pizzico di ambiguità perchè a volte ha dato l’impressione di non essere rimasto qui così volentieri. Certo c’è da mangiarsi le mani per come stanno andando le cose. Con un gallo anche solo al 60 – 70% dell’anno scorso la EL sarebbe stata facilmente raggiungibile. Oppure con un presidente in grado di capire che c’era bisogno di un’alternativa seria, Simeone e non Sadiq tanto per fare un esempio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Spygor - 1 mese fa

    Il Gallo non si discute,si ama,qualcuno direbbe così…L’infortunio che ha patito,ha compromesso la stagione è ovvio,un’attacante come sappiamo tutti,se non segna,anche se fa una buona prestazione,non è un buon attaccante,lo dicono le statistiche,la logica nel calcio,il bomber è l’attaccante,punto.Detto ciò,Andrea Belotti è un giocatore che si è sempre dannato,l’ultimo a gettare la spugna…Domandiamoci se giocasse in una squadra che gli fornisce molti palloni,quanti goal avrebbe fatto,anche con l’infortunio.La verità è che come dovrebbe essere logico,al suo posto ci fosse stato un altro giocatore invece che i soliti scarponi che il Toro si prende,avremmo compensato la sua assenza e invece andiamo a fare una scommessa con Niang,per cosa?Un paio di prestazioni sufficenti e stop,che acquisto…….Ripeto per l’ennesima volta,siamo così sicuri che la società volesse fare L’Europa?Diamo per scontato che tra prestazioni opache e vittorie buttate,si poteva andare a giocare l’Europa League,Davvero?IO sono convinto di no,ma sono un mal pensante,sapete dopo tanti troppi anni di illusioni,si comincia a pensare di tutto….FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Junior - 1 mese fa

    Fino all’anno scorso osannato, ora c’è chi vuole mandarmi via. Ho letto il Milan vuole prenderlo per darci cutrone, 50M e scalare il riscatto obbligatorio di Niang (12M)
    Andrea non si discute, rifacessero il centrocampo invece che è il vero punto debole della squadra. Così Andrea avrà più palloni da giocare e non essere costretto ad andare a prenderseli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. robertozanabon_821 - 1 mese fa

    Non esiste il diritto d’autore nel calcio. Nessuno oggi fa punti per goal segnati l’anno scorso…e non solo.
    Gli stipendi sono stati pagati l’anno passato e mi risultano pagati anche quest’anno.
    Basta per cortesia con queste stucchevoli manfrine sulla riconoscenza.
    Sono personalmente riconoscente anche a Bonesso e a Torrisi ma nessuno a proposto loro un contratto perpetuo Honoris Causa ad imperitura memoria.
    Belotti è oggettivamente un giocatore scarso. Punto.
    Ripunto e Contrappunto!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 1 mese fa

      Mi sembra abbia segnato più di 50 gol in serie A.
      Un po’ tantini x uno scarso che non gioca in un top team.
      Sarà stata solo fortuna…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. sg - 1 mese fa

        infatti 50 goal a 24 anni….quanti giocatori negli ultimi 20 anni come lui, in una squadra da metà classifica?…
        piuttosto diciamo che non è bellissimo da vedere, ma perche Vieri lo era? Graziani lo era?…etc. etc.
        possibile che tutti gli allenatori che parlano bene di lui siano degli incompetenti?
        per favore un po di coerenza ci vorrebbe

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Akatoro - 1 mese fa

      L’unica cosa oggettiva è la tua arroganza nel pensare che una tua opinione sia verità assoluta

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. robertozanabon_821 - 1 mese fa

        sei tu il detentore della verità assoluta. Beato te,

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. fabio.tesei6_412 - 1 mese fa

      Hai forse il televisore al rovescio? Come fai a dire che Belotti è scarso? È comunque vicino alla doppia cifra, magari restasse con noi per sempre.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. robertozanabon_821 - 1 mese fa

      Mi dispiace che la mia presunta “arroganza” penalizzi così fortemente Belotti (è notoriamente colpa mia se non stoppa un pallone)ma sono sicuro che con la Vostra benevolenza lo trasformerete in un Campione. Amen.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Esempretoro - 1 mese fa

    Sono d’accordissimo con Cristina,Andrea è un ragazzo a posto e rappresenta ciò che molti di noi vorrebbero vedere nei giocatori del Toro.
    Quest’anno è stato molto tribolato per tutti,certamente le aspettative erano altre e alte,quando le cose non vanno bene è sempre possibile possano andare anche peggio,ma la correttezza del Gallo non è in discussione. Sono certo che il primo a dispiacersi del calo di quest’anno è proprio lui. Va sostenuto,fare squadra significa questo.È il capitano del nostro Toro,quel poco o tanto che possiamo trasmettergli da fuori non possiamo negarlo. Se rimarrà o no con noi è un altro discorso,il calcio d’oggi è altro,rispetto alle bandiere.
    Forza Toro e Forza Gallo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. enricolai68@gmail.com - 1 mese fa

    il milan perde e io godo !!!! sempre e a prescindere !!!

    Belotti deve capire che sbagliare non è reato e quindi prendere più coraggio e meno paura di essere giudicato
    Per i rigori avendo Iago e Adem in squadra la colpa non è sua….

    E’ da tutta la stagione anche dopo le 4 sconfitte che ci spero….lo so che sarà difficilissimo ma io ci credo ancora…..non datemi colpe ma io non mi arrendo mai ….è il mio carattere !!!

    Anzi vi dirò che contro il Napoli me la sento favorevole…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. prawn - 1 mese fa

    oh intanto il milan perde in casa col benevento, gli han dato sei minuti di recupero per farli pareggiare

    Tale P. Iemmello ha segnato, senza farsi intimorire da quella montagna di merda che e’ Donnaruma.

    Magari lo prendiamo per l’anno prossimo Pietro Iemmello, il suo allenatore l’ha tolto perche’ forse aveva paura che ne segnasse un altro?

    Mentre il subentrato Diabate si e’ fatto espellere.

    Fa pensare…

    Sul discorso Gallo, volevo/vorrei farmi due conti della stagione precedente del gallo, mi viene come il sospetto alla fine che sia stata glorificata oltre misura.
    Mi spiego: ha segnato tante triplette giusto? Ha segnato tanti goals, ma ha segnato goals contro grandi/che hanno deciso la stagione?
    Dovrei andarmi a riguardare le statistiche, io mi ricordo il suo calo gia’ alla fine del campionato scorso, si diede colpa al modulo nuovo, a miha.
    O era gia’ il mercato?
    O le difese in italia ora sanno come difendersi e lui tira i rigori sempre uguali, gioca sempre uguale, insomma non ha tutte queste carte nella manica…

    Oh intanto sette minuti, MilanMafia, dai che vi fanno 0-2

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. dariog - 1 mese fa

      😀
      il benevento ci ha vendicati!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. prawn - 1 mese fa

        E’ finita, sara’ anche che ci hanno vendicati ma se il benevento riesce a batterli in casa di che forza siamo noi?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. FVCGallo9 - 1 mese fa

      Contando i punti persi saremmo come minimo in quinta posizione. I più clamorosi Toro-Verona 2-2, Spal-Toro 2-2, Verona-Toro 2-1. Almeno 7 punti persi, che rammarico.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. skrunk - 1 mese fa

      Che il Milan abbia perso col Benevento ci può stare, han cercato di far di tutto per rubacchiare il pareggio, anche se qualche occasione l’hanno avuta… quello che da fastidio è il commento fazioso e spesso l’arbitraggio ovv. a favore di Milan, la squadra innominabile, Inter e Napoli…
      Per quel che riguarda Belotti non concordo, nella passata stagione stava bene e gli passavano delle belle palle con dei cross decenti e dei lanci in profondità, in questa stagione si è fermato almeno un paio di volte per infortunio grave e tra il riprendersi e le pochissime palle giocabili non si può pretendere che potesse fare sfracelli…
      Per quel che riguarda rigori, traversoni lanci in profondità, ecc., sono cose che bisogna provare e riprovare in allenamento, non si possono improvvisare…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Simone - 1 mese fa

        L’anno scorso ricordo diversi gol di testa del gallo grazie agli innumerevoli cross che zappa buttava dentro.
        Quest’anno non ricordo gol di testa del gallo (forse ricordo male)

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. prawn - 1 mese fa

          No infatti, l’anno scorso ha messo dentro palle che qualsiasi altro attaccante con un minimo di fiuto del goal avrebbe messo, le ha ‘appoggiate dentro’

          E” una tesi, non una recriminazione, ma credo ci fossimo esaltati un po’ tutti e pure creduto ai 100M, e’ stato un errore gravissimo, lui sui e’ rovinato la testa, noi non andiamo da nessuna parte senza di lui

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Simone - 1 mese fa

            100 è la clausola non il suo valore.

            Mi piace Non mi piace
          2. Simone - 1 mese fa

            Cioè fammi capire, l’anno scorso ha fatto tutti gol “solo davanti la porta” e che QUALSIASI altro attaccante avrebbe segnato?
            Stai dicendo questo?

            Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy