Torino-Zenit, granata tatticamente perfetti

Torino-Zenit, granata tatticamente perfetti

La Lavagna Tattica / Il nostro Raffaello “Lello” Vernacchia ci dà la sua opinione sulla gara di Europa League: un Toro sfortunato e penalizzato  eccessivamente dal risultato dell’andata

Ormai appuntamento imperdibile, ecco la Lavagna Tattica del nostro Lello Vernacchia, che oggi ci parla, naturalmente, della grande – ma vana -prestazione dei granata contro lo Zenit San Pietroburgo.

Ciao Lello, come hai visto il Toro ieri? “Ci siamo rimasti tutti molto male, perché la partita è stata giocata molto bene e siamo stati sfortunati nelle conclusioni, come ad esempio quell’ultima di Maxi Lopez deviata sulla linea. Purtroppo, però, in queste competizioni si gioca un’andata ed un ritorno, e lo Zenit si è tenuto stretto il risultato accumulato a San Pietroburgo facendo contenimento qui a Torino. Dopo la partita di Bilbao, anche quest’impresa si poteva senza dubbio portare a termine: i granata pagano l’espulsione di Benassi all’andata, e giocando a pari uomini contro questo Zenit, non credo sarebbe finita allo stesso modo una settimana fa”

E dal punto di vista tattico, come si è comportato il Toro? “Abbiamo giocato a zona in maniera perfetta, la prevenzione tattica che voleva Ventura c’è stata eccome, con atteggiamenti specifici a centrocampo e in difesa, che non hanno permesso agli uomini di qualità dello Zenit di fare male dalla parti di Padelli. Sicuramente, c’è stata tanta sfortuna, ma tatticamente il Toro non ha sbagliato nulla.”

Si può parlare anche di qualche occasione di troppo sprecata da parte dei granata? “Ci sono notti “magiche” nel quale ti entra qualsiasi cosa, altre come quella di ieri più difficili. Sicuramente se si fosse fatto gol subito loro si sarebbero spaventati e noi saremmo stati maggiormente tranquilli, invece loro sono stati galvanizzati dai nostri errori sotto porta. Il Toro, comunque, anche sbilanciandosi, non ha mai rischiato nulla.”

Che obbiettivi deve porsi il Toro adesso? “Senza altri impegni in Coppa, ora c’è da mettersi a lavorare a testa bassa sul campionato, dove l’obbiettivo deve essere di nuovo il sesto posto. Le avversarie sono agguerrite, ma questo gruppo ha le potenzialità per bissare il risultato della scorsa stagione. Domemica sera c’è il Parma, e quella è una sfida da non sottovalutare assolutamente: al Tardini si respirerà un clima molto particolare e non sarà affatto facile per gli uomini di Ventura.”

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy