Marco Sesia: “Dalla curva Maratona al Beppe Viola, così insegno il Toro ai miei ragazzi”

Marco Sesia: “Dalla curva Maratona al Beppe Viola, così insegno il Toro ai miei ragazzi”

Le parole / L’allenatore dell’Under 17 granata dopo la vittoria ad Arco di Trento: “Sono cresciuto in questa società e per me il Toro non è solo grinta e cuore. Il futuro? Decide il mio responsabile Massimo Bava”

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

Le vittorie fanno sì che se ne parli, ma è il lavoro quotidiano del settore giovanile granata a permettere che, di tanto in tanto, si ottengano trofei come il “Beppe Viola” sollevato dall’Under 17. Una bella cavalcata, chiusa con la vittoria in semifinale contro il Bologna, che ha riportato il torneo italiano più importante della categoria in casa granata per la prima volta dopo 25 anni. C’è poco tempo per i festeggiamenti: domenica è subito tempo di campionato e l’ambizioso Torino di mister Marco Sesia ospiterà la Sampdoria per tornare in testa al campionato. Il tecnico granata, però, prima si ferma a commentare ai nostri microfoni il successo di Arco di Trento e la sua parabola in questo club.

LEGGI: Torino campione del “Beppe Viola” di Arco di Trento: il racconto della finale

Mister Sesia, finalmente il Torino riconquista il “Beppe Viola”. Riavvolgiamo il nastro: che settimana è stata e quale è la chiave che vi ha permesso di alzare il trofeo?

“Siamo partiti così così contro il Verona, con le gambe appesantite dal lavoro fisico che avevamo fatto in preparazione al torneo. Poi siamo cresciuti, però: contro il Milan, il gruppo che l’anno scorso ha vinto lo scudetto Under 16, abbiamo ottenuto un pareggio con una prova maiuscola, facendo meglio di loro, e poi vinto ai rigori. Poi la vittoria contro la Rappresentativa del Trentino, squadra di un livello più basso ma che aveva dato fastidio alle altre. La semifinale contro il Chievo è stata una bella soddisfazione perchè affrontavamo una squadra tosta e solida simile a noi, con un allenatore molto bravo come Mandelli. L’abbiamo vinta alla fine, non smettendo mai di crederci. Così anche la finale contro il Bologna. In pochi si sarebbero aspettati che i rossoblù arrivassero fino in fondo ma direi che hanno fatto capire il perchè. Se nel primo tempo avremmo meritato di trovare il vantaggio, dominando per lunghi tratti, nella ripresa loro ci hanno messi sotto. Abbiamo dovuto soffrire, c’è stato anche un pizzico di fortuna. Poi siamo stati bravi a trovare l’episodio del rigore, con Bongiovanni bravissimo a non dare per perso quel pallone”.

Che squadra ha tra le mani?

“Sono dei ragazzi fantastici per come lavorano, per come vogliono migliorarsi e per come sono ambiziosi. Il gruppo è forse meno talentuoso di quello dei 2000 con cui ho lavorato lo scorso anno, ma sono ragazzi che hanno una grande cultura del lavoro ed io sono molto fiducioso sul fatto che molti di loro diventeranno ottimi calciatori. La differenza la facciamo con la fase difensiva, la migliore del campionato. Anche qui abbiamo preso solo due gol, di cui uno su rigore. Davanti abbiamo qualche difficoltà nel tenere palla ma poi spesso le giocate giuste le troviamo… Qualche ragazzo è già in rampa di lancio per la Primavera, non voglio fare nomi però, non sarebbe giusto”.

LEGGI: Torino Under 17, le pagelle della finale contro il Bologna

Tra coloro che sono in rampa di lancio per la Primavera, in futuro, possiamo mettere anche lei?

“Il mio futuro è nelle mani del mio responsabile Massimo Bava. Con lui lavoro dai tempi del Canavese, che abbiamo portato per la prima volta tra i professionisti. E’ ovvio che tutti poi hanno ambizioni ma io sto benissimo dove sono. Ho avuto una buona carriera da calciatore, da allenatore ho lavorato in Serie C, ora mi sento realizzato qui. A fine anno ci siederemo ad un tavolo e parleremo di tutto senza il minimo problema, io sono del Toro e lavoro per quelli che sono i miei colori”.

Ora subito il ritorno al campionato, con la sfida interna alla Sampdoria. Siete secondi a un punto dalla Juventus, che avete battuto 4-1 nel derby, ma con una partita da recuperare.

“Abbiamo una serie di scontri diretti, ma dico che per quello che hanno fatto vedere i ragazzi quest’anno, per il numero di vittorie e per come sono state ottenute, l’obiettivo è arrivare tra le prime due per andarci a giocare lo Scudetto”. 

Canavese, Pro Vercelli, Barletta, Albinoleffe in Lega Pro. Poi, nel 2016, il passaggio ai ragazzi dell’Under 17 del Torino. In molti si sorpresero: soddisfatto della scelta?

“E’ stata la scelta migliore che potessi fare. L’esperienza in Lega Pro mi ha insegnato che in quella categoria (oggi si chiama Serie C, ndr) è difficilissimo lavorare. Tante società vivono nella precarietà e nella ristrettezza economica, molte finiscono per fallire, come dimostra ciò che succede ogni stagione. Non si riesce a lavorare in modo serio. Invece qui al Torino mi diverto e ci sono le condizioni per lavorare al meglio. Il Toro mi dà tanto, io da parte mia penso di aver portato un certo tipo di mentalità, che ho appreso nel mio trascorso da professionista. Non vi nascondo poi che insegnare il Toro ai ragazzi di 16-17 anni è una cosa che per me ha un fascino ineguagliabile”.

Quale è il suo legame con questo club?

“Il Torino è la mia vita, sono cresciuto nel Settore Giovanile, a un certo punto mi diedero via (giocò nel Pinerolo e nel Nizza Millefonti, ndr) ma poi mi ripresero ed arrivai ad esordire in Prima Squadra. Le partite del Toro, quando non le vivevo come giocatore, le vivevo come tifoso in curva Maratona. La storia granata degli ultimi 40 anni, vi assicuro, la conosco a memoria. E il Toro non è solo grinta e cuore, ma ha una storia fatta di tanti giocatori di qualità, i Dossena, i Junior, i Vazquez… Questo cerco di trasmettere ai miei ragazzi: il cuore Toro è ciò che ci deve contraddistinguere ma dobbiamo anche essere bravi a giocare con la palla. Passione per questi colori, voglia di onorare questa maglia, ma anche gli aspetti tecnico-tattici: sono i due ingredienti al centro del mio lavoro”.

Per il Sesia allenatore è più importante vincere trofei o lanciare i giovani?

“Vincere fa sempre piacere e tra l’altro il fatto che l’ultimo “Beppe Viola” fosse stato vinto dal Toro nel 1993, anno del mio esordio in Serie A in granata, mi pare una bella coincidenza. Ma è una bella soddisfazione anche vedere gente come Millico, Rauti, Gilli, Samake essere protagonisti in Primavera con un anno di anticipo. Due motivi di orgoglio che metto sullo stesso piano”.

Ha delle dediche particolare?

“In primis al presidente Cairo, credo che gli abbiamo strappato almeno un sorriso. In generale a tutta la società: dal direttore Bava, ad Antonio Comi, finendo con tutti i miei collaboratori: il mio staff tecnico con cui ho una sintonia perfetta e i dirigenti che tutti i giorni trasportano i ragazzi su e giù con i pulmini. Tutta gente che non sta sotto la luce dei riflettori, ma il cui apporto è preziosissimo”. 

 

 

 

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Filadelfia - 2 mesi fa

    Complimenti a tutti i ragazzi, al mister e a Bava.
    A proposito di BAVA. Il rinnovo del contratto, che, se non erro, scade il 30/06/2018, a che punto è? Urge che venga rinnovato immediatamente. Perchè mai si deve attendere sempre ultimo mese?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. s.simone_183 - 2 mesi fa

    Complimenti e sinceri auguri per il suo futuro a Marco Sesia, uno di noi, senza il minimo dubbio.

    FVCG!!!! Hasta siempre!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. tric - 2 mesi fa

    Si parla di calcio giovanile e salta fuori un geometra che pontifica. Che tifosi del pettine… Piuttosto un plauso a Sesia e FVCG, ma davvero, non per criticare sempre.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. CUORE GRANATA 44 - 2 mesi fa

      Caro tric non si tratta di pontificare, ma di evidenziare come il Settore Giovanile, anche in relazione ad una sua crescita complessiva, meriterebbe da parte del Torino FC una maggiore attenzione in termini di impianti unificati e funzionali nonché di una organizzazione gestionale(non mi riferisco all’area tecnica costituita da ottimi istruttori) meno dilettantistica di quella attuale. Certo qualche investimento dovrebbe essere fatto cosa che dopo 13 anni pervicacemente latita. Mi pare un preciso segnale di quanto poco interessi a Cairo radicarsi sul territorio. Se a te va bene così……FVCG!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Seagull'59 - 2 mesi fa

    Sesia è la prova provata che il settore giovanile dev’essere gestito anche, se non solo, da persone nate e cresciute nel Toro, per poter trasmettere lo spirito e il cuore Toro: bravo Mister e complimenti per il prestigioso successo al “Beppe Viola” .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. CUORE GRANATA 44 - 2 mesi fa

    Bravo Sesia! Ti ricordo come uno tosto con tanto cuore e grinta da Toro ed hai saputo trasmettere questi valori ai tuoi ragazzi.Dopo questo storico successo ma più in generale per i complessivamente buoni risultati del Settore Giovanili è colpevolmente incomprensibile che il Torino FC non abbia ancora risolto il problema di realizzare un unico Centro Sportivo. Il tanto reclamizzato Robaldo(meno male che si era ai dettagli) pare essersi arenato in quanto, se la notizia risponde al vero, sui terreni gravano ipoteche mai estinte dalla Città di Torino!Dopo oltre due anni che Comune e Torino FC menano il torrone sull’argomento con tanto di bozza di Convenzione già approntata per la Concessione solo all’ultimo “i ns. eroi” si sono accorti del “dettaglio”? Lo sanno che esistono le visure catastali? Se le cose stanno veramente così è veramente VERGOGNOSO ed INQUALIFICABILE il modo con il quale è stata trattata la questione da entrambe le parti in causa! Si hanno notizie in merito? Il Torino FC ha delle soluzioni alternative o tutto finirà a “tarallucci e vino”? Con una Società che dimostra di avere questo penoso livello organizzativo cosa vogliamo sperare? E poi parliamo di Europa, programmi e progetti, salti di qualità ed asticelle che maliziosamente vanno su e giù!!!Ma per favore!!!FVCG!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. user-13658578 - 2 mesi fa

    ….l’unico, vero , essere granata…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. BACIGALUPO1967 - 2 mesi fa

    “Il nostro punto di forza è la fase difensiva”
    Musica per le mie orecchie.
    Si vede che ha avuto Mondonico come allenatore

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. user-13652409 - 2 mesi fa

    complimenti per l’ottimo lavoro e la seria analisi. Il Toro ha bisogno di persone cosi’. FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. FanfaronDeMandrogne - 2 mesi fa

      ..e di tante altre come Lui, specialmente per la prima squadra.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. dattero - 2 mesi fa

    tutto il mio rispetto

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy