Processo Saurgnani, la Procura individua il “mercato” delle bombe carta

Processo Saurgnani, la Procura individua il “mercato” delle bombe carta

In Tribunale / Il pm Padalino, nell’udienza di questa mattina, spiega da dove arrivò probabilmente l’ordigno lanciato in Curva Primavera in quel derby del 2015

1 Commento

Un “arsenale” di petardi e bombe carta a disposizione di tifosi violenti è stato scoperto la scorsa settimana ad Avellino, nel corso di un’inchiesta coordinata dalla procura di Torino. Lo ha detto il pm Andrea Padalino,  stamattina in tribunale alla nuova udienza del processo a Giorgio Saurgnani, il promotore finanziario bergamasco sotto accusa per l’episodio della bomba carta nel derby tra Torino e Juventus del 26 aprile 2015

Bomba Carta al Derby, il tifoso granata ferito: “Allo stadio non vado più”
VIDEO La bomba carta lanciata dal Settore Ospiti in Curva Primavera

Il cosiddetto “arsenale” era in casa di un avellinese, Emanuele A., ed è stato scoperto nel corso di una perquisizione. Sono stati recuperati, oltre a diverse decine di fumogeni, petardi e altro materiale di poca rilevanza, addirittura 10 chili di bombe carta pronte per essere utilizzate. Gli inquirenti sono arrivati a Emanuele A. indagando su un personaggio che, secondo le accuse, era uno dei fornitori del gruppo (non legato alla tifoseria organizzata) di cui faceva parte Saurgnani, che secondo l’accusa, che si basa sulla ricostruzione della DIGOS di Torino, su l’autore materiale del lancio.

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. WGranata76 - 2 mesi fa

    Ancora lì senza condanna,mentre quelli del Toro per direttissima mi raccomando…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy