Atalanta-Torino 2-1, il 4-2-4 un rischio che non ha pagato

Atalanta-Torino 2-1, il 4-2-4 un rischio che non ha pagato

L’analisi / Il tutto per tutto giocato dai granata stavolta ha prodotto gli effetti opposti, propiziando la vittoria orobica

19 commenti

Ha voluto giocarsi il tutto per tutto Sinisa Mihajlovic, quando il suo vice Attilio Lombardo (il tecnico serbo era stato allontanato dal campo nel corso del primo tempo, ma restava certamente in contatto con la panchina) a mezz’ora dal termine toglie un acciaccato Valdifiori per inserire Lucas Boyé. L’intento granata è chiaro: giocarsi l’all-in nel finale di partita, per portare a casa il bottino pieno in un incontro che, come sottolineato dal tecnico serbo a fine match, era alla portata.

L’azzardo di giocare con le quattro punte (Iago Falque-Maxi Lopez-Martinez-Boyé), se contro il Milan aveva sortito i suoi frutti, pur nel finale, nel match di ieri contro l’Atalanta ha esposto il fianco granata alle pericolose ripartenze orobiche, dando l’assist vincente, di fatto, al definitivo vantaggio dei padroni di casa. Troppo sbilanciati, infatti,  i granata, con la mediana composta da Obi e Benassi (poi rilevato da Acquah): nel tentativo di prendere i tre punti, Bovo e compagni hanno ingenuamente permesso all’Atalanta di portarsi a casa il bottino pieno. L’azione del rigore – e anche l’occasione di D’Alessandro poco prima, anche se in fuorigioco – nasce dai troppi spazi concessi agli avversari, al di là del singolo errore di De Silvestri.

Atalanta BC v FC Torino - Serie A

Certo, Mihajlovic ha messo in chiaro che il suo è un Toro d’attacco, “che gioca sempre per vincere”, e non si può negare che questo sia l’atteggiamento spregiudicato che molti sostenitori granata lamentavano di non vedere nella squadra guidata da Ventura sino all’anno scorso. Tuttavia, nella ricerca spasmodica della vittoria, è allora giusto imparare che talvolta i rischi si pagano e si può perdere un punto facilmente raggiungibile nella ricerca di conquistarne due in più. Un’altra lezione da mettere in saccoccia per questo Torino, che certo non cambierà la sua natura al termine di questa partita: sempre all’attacco, sempre a testa bassa. Alla fine del campionato si potrà capire quanto saranno valsi questi rischi. La certezza è che non ci si annoierà mai.

19 commenti

19 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. LoviR - 4 mesi fa

    E’ tutta farina di Sinisa il 4-2-4 o, con il fatto che era fuori, anche Lombardo ci ha messo del suo ? Il Toro era già in sofferenza a centrocampo e togliere ancora un centrocampista x mettere un attaccante non era il caso. Era meglio togliere il Mini (e non Maxi) x Boyè e la squadra sarebbe stata più bilanciata ed efficace. Cmq forza Sinisa e FVCG!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Baveno granata - 4 mesi fa

    il problema non è’ l’allenatore,ma i giocatori che scendono in campo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. rokko110768 - 4 mesi fa

    Io invece concordo nella scelta del 424, serviva anche per pressare sugli esterni dove soffrivamo. Il rigore preso è frutto di un’errata posizione iniziale di Acquah e De Silvestri, oltre al danno successivo procurato dal terzino con il fallo in area.
    Al più a Miha contesto di aver schierato il centrocampo leggero, che non possiamo permetterci se non in determinate partite offensive. Con la rosa attuale uno tra Acquah ed Obi serve in campo, al momento in luogo di Baselli a mio modo di vedere, con Benassi che può giocare tranquillamente interno destro o sinistro senza difficoltà.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Nicola - 4 mesi fa

    Concordo nel provare a vincere sempre le partite, ma ieri il 4-2-4 è stata follia più che azzardo, dal momento che avevi un paio di giocatori in precarie condizioni, di cui uno (Maxi) chiaramente scoppiato

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Ale67 - 4 mesi fa

      Concordo pienamente. Anche perchè fino eravamo in pieno controllo della partita, con l’Atalanta tutta all’indietro che si rendeva insidiosa solo sulle ripartenze. In questa situazione è da matti togliere Valdifiori e mettere Boyé. Doveva entrare Vives o Acquah. Se vuoi mettere Boyè allora togli Martinez. Un 4-2-4 talmente sballato che abbiamo passato gli ultimi 10′ a rincorrere un pallone che non abbiamo più visto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Gianni - 4 mesi fa

      con 3 centrocampisti in campo si gioca meglio, con i giocatori che abbiamo… e non comprendo perchè non si possa vincere con il 4-3-3 come contro il Bologna… alla fine ahimè abbiamo smarrito pure il gioco e perso meritatamente, per demeriti tattici nostri…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ddavide69 - 4 mesi fa

        A questa squadra se togli belotti e lijaic siamo da dodicesimo posto o forse anche peggio

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Pimpa - 4 mesi fa

    Io non sto col nostro allenatore,mai,per comprovate ragioni tecniche e tattiche che ho già esposto.
    Con una squadra come la nostra occorrerebbe uno che sappia dare un gioco,non uno che vuol fare solo lo sbruffone a parole e che pensa di vincere le partite mettendo più attaccanti possibile.
    La pecca originaria sta nei giocatori che abbiamo in rosa,sia chiaro,ma se si aggiunge una conduzione tecnica disarmante,non ci si può lamentare o sorprendere.
    Quanto poco e’ bastato per perdere contro squadre modeste basta e avanza per nutrire i più foschi presentimenti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Zlobotan - 4 mesi fa

      Debbo a malincuore concordare pienamente!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. The Mtrxx - 4 mesi fa

    l’afa ci ha tagliato le gambe, baselli e benassi sono quelli dell’anno scorso, valdifiori ha preso una gran botta e comunque ha bisogno di tempo.
    hart e’ stato un azzardo, piu’ che altro perche’ non si parla con la difesa.
    4 attaccanti e’ stato un azzardo.
    formazione iniziale sbagliata perche’ ci volevano i polmoni e muscoli di acquah e obi
    boye andrebbe sempre fatto giocare titolare
    lopez si e’ mangiato un goal tanto grande quanto il rigore col milan di bellotti
    per cui per me siamo sempre li, perdiamo per un goal, per occasioni individuali ma la coralita’ manca, o almeno e’ mancata fuori casa, solo col bologna si e’ visto un bel toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Massimo Ñ - 4 mesi fa

    per me ha fatto bene, qualcosa doveva pur tentare, ha scelto il 4-2-4 perfetto, ma ieri è mancata la voglia di giocare a calcio e la grinta, non c’è formazione che tenga a problemi mentali… forza toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Torissimo - 4 mesi fa

      Caspita,siamo addirittura ai problemi mentali dei giocatori… Povero San Sinisa, pensaci tu!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. LUCIANO R. - 4 mesi fa

    PENSO CHE ALLA FINE IL NOSTRO TECNICO RISOLVERA’I PROBLEMI.IERI STRANAMENTE CI E’ MANCATA PURE LA GRINTA.QUESTA VEDRETE CHE GIA’ DA DOMENICA RITORNERA’.CIAO A TUTTI

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Massimo Ñ - 4 mesi fa

      daccordo con te

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Fabius - 4 mesi fa

    Un conto è giocare per vincere,altra cosa è andare allo sbaraglio regalando il centrocampo (già in difficoltà) .
    Sembra di vedere una squadra di Zeman.
    Si può provare a vincere anche con criterio, magari mettendo 4 centrocampisti veri che diano palloni alle punte e proteggano la difesa.
    A parte l’atteggiamento in campo decisamente migliore dello scorso anno, per il resto mi pare ci sia una involuzione del gioco e dello saper stare in campo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 4 mesi fa

      La difesa è oggettivamente scarsa e senza filtro a centrocampo sbandiamo ad ogni azione avversaria

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. davant71 - 4 mesi fa

    Ragazzi e si vuole vincere bisogna rischiare. Preferisco vincerne 1 su 3 che fare 2 pari e una sconfitta. Quest’anno pareggeremo poche partite, perché Mihajlovic vuole provare a vincerle tutte. A volte azzardare paga altre no. Io sto con lui. Sono stanco di vedere partite del toro con i nostri giocatori tutti nella nostra metacampo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. ex calciatore - 4 mesi fa

    Una tattica da Oratorio,e ne vedremo ancora sconfitte assurde così,lanci lunghi e pedalare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Massimo Ñ - 4 mesi fa

      perchè tattica da oratorio? e probabilmente ne vedremo ancora di sconfitte così si, ma speriamo di vedere anche delle vittorie come quella di bologna o no?

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy