Torino: buona prestazione, ma vietato dormire sugli allori

Torino: buona prestazione, ma vietato dormire sugli allori

Dopo il match / I granata hanno ritrovato la vittoria in campionato, ma soprattutto un po’ di tranquillità: ora attenzione al Sassuolo

prestazione

Il Torino ha vinto contro il Frosinone con il punteggio di 4-2. I granata hanno finalmente ritrovato la vittoria, dopo un periodo difficile in cui erano arrivate ben 4 sconfitte consecutive (Serie A e Coppa Italia), convincendo parzialmente con la prestazione di ieri sera. Sono emersi dei dati molto importanti, dall'”Effetto Ciro” (LEGGI QUI) alla grande ripresa di Andrea Belotti. Anche il centrocampo è sembrato più compatto, con gli esterni ancora una volta fondamentali (soprattutto Bruno Peres).

FORMA RITROVATA – La condizione psicologica è ancora da analizzare nelle prossime partite, ma dal punto di vista fisico il Torino è sembrato star bene, con un leggero affaticamento per quei giocatori che hanno giocato davvero tanto quest’anno (vedi Molinaro). Questa notizia da a anche molta fiducia per i prossimi impegni di gennaio, un mese molto duro, dato che ci saranno ancora tre match da giocare: il primo avversario, che sta facendo molto bene, è il Sassuolo di Eusebio Di Francesco.

AVVERSARIO OSTICO – Rinviato il match per nebbia, Torino-Sassuolo si giocherà mercoledì 20 gennaio, con i neroverdi molto in forma: nell’anticipo delle 20.45 di ieri ha perso 3-1 contro uno stratosferico Napoli, guidato da un incontenibile Higuain (20 gol in 20 partite). Nonostante la sconfitta, la squadra di Di Francesco sta bene, ed è molto pericoloso, avendo addirittura battuto l’Inter a San Siro per 0-1. Perciò il Torino si ritroverà davanti uno degli avversari più pericolosi della Serie A: ben organizzati e con una buona idea di gioco.

Sarà un match chiave, come quello contro il Frosinone: se il match contro i ciociari ha ridato ossigeno ai giocatori del Toro, quello contro il Sassuolo potrebbe essere la svolta che Ventura cerca, per ritornare a tallonare le zone europee, per sognare un altro anno in Europa League. Come detto, non sarà facile per i granata, ma il Torino non va sottovalutato: ora c’è più unità, e il ritorno di Immobile potrebbe essere ancora una volta determinante…

Di Francesco. Sassuolo, Torino, prestazione
Eusebio Di Francesco, allenatore del Sassuolo, sconfitto 3-1 al San Paolo
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy