Torino, ecco la conferma: il possesso palla continua a non premiare

Torino, ecco la conferma: il possesso palla continua a non premiare

Analisi / Nel match contro l’Udinese la gestione del pallone non ha giovato agli uomini di Mihajlovic: occorre cambiare qualcosa

Il Torino è uscito con un pareggio ed un punto dalla Dacia Arena nella sfida contro l’Udinese: il bottino è stato anche piuttosto magro, soprattutto per quanto visto nel primo tempo da parte della squadra granata, che ha creato molto ma non è riuscita a chiudere i conti del match e si è fatta rimontare da una situazione più che favorevole. In questo resoconto che si può considerare negativo per il Toro, torna ad essere evidente una caratteristica di ogni match che i granata non hanno vinto: il possesso palla.

Nell’analisi che avevamo effettuato proprio su queste colonne (QUI i dettagli), si era notato come nelle partite in cui il Torino lasciava il pallino del gioco alle altre squadre – vedi contro la Roma, la Fiorentina, il Palermo – i granata sono usciti vincitori, sconfiggendo anche squadre di alto livello. Invece, se il Toro decide di prendere in mano la gestione del pallone, la situazione si complica e gli uomini di Mihajlovic non riescono a vincere. Questo è successo contro la Lazio di Simone Inzaghi e anche contro l’Inter di De Boer: contro l’Udinese è arrivata un’ulteriore conferma in questo senso.

FC Torino v SS Lazio - Serie A

I granata non riescono ancora a prendere in mano le redini del gioco nel corso del match: nel DNA di questo Toro, per adesso, non c’è la mole di gioco, ma la ricerca delle ripartenze, dei gol astuti effettuati attraverso azioni veloci ed improvvise. Contro l’Udinese, ancora una volta, il Torino ha preferito tenere il pallone, in particolare nel secondo tempo, in cui cercava di gestire il risultato: la squadra di Delneri ne ha approfittato, recuperando lo svantaggio e mettendo in pericolo il Toro.

Per risolvere questa situazione si possono prendere due direzioni: la prima sarebbe di abbandonare l’idea di gestire la sfera, cercando di partire sempre in contropiede, mentre la seconda via sarebbe quella di migliorare nella gestione del pallone, in particolare in situazioni di vantaggio acquisito (vedi Lazio e Udinese).

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy